Politica 30 Dicembre 2022 12:19

Mascherine al chiuso e smart working, circolare ministero: «Paese si prepari»

I dati preliminari indicano che dalla Cina non sono arrivate nuove varianti, almeno per il momento. Per essere pronti a ogni evenienza è stata pubblicata una circolare del ministero della Salute, in cui sono indicati gli interventi in atto per la gestione della circolazione del Sars-CoV-2 nella stagione invernale 2022-2023

Mascherine al chiuso e smart working, circolare ministero: «Paese si prepari»

Il ritorno delle mascherine al chiuso e dello smart working. Questo è lo scenario aperto dalla nuova circolare «Interventi in atto per la gestione della circolazione del Sars-CoV-2 nella stagione invernale 2022-2023», firmata dal direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, e dal direttore della Programmazione Stefano Lorusso, in previsione di un peggioramento del quadro epidemiologico. Un ritorno al passato che, secondo il nuovo documento, potrebbe diventare necessario e a cui il paese di deve preparare.

Rafforzare la sorveglianza e il sequenziamento

Nel periodo invernale 2022-2023, «continueranno tutte le attività di sorveglianza – si legge nella nuova circolare -, poiché è verosimile un aumento della pressione sui laboratori sia per la diagnostica, ma anche più in generale sulle reti di sorveglianza virologica a causa di una maggiore circolazione stagionale dei virus respiratori, è necessario che siano previsti meccanismi di rafforzamento dei sistemi in vigore. Sarà, infatti, essenziale assicurare un volume di sequenziamento sufficiente per monitorare i virus in circolazione e l’emergenza di nuove varianti virali e una adeguata capacità diagnostica dei laboratori». Nel documento «è fortemente raccomandato, per lo meno in contesti d’elezione quali ospedali e pronto soccorso, raccogliere campioni da sottoporre a test molecolare, per garantire in ogni regione e provincia autonoma un numero minimo di campioni da genotipizzare».

Con evidente peggioramento la circolare ipotizza mascherine in spazi chiusi

«L’utilizzo di mascherine – si legge nella circolare – è efficace nel ridurre la trasmissione dei virus respiratori e nel caso in cui si documentasse un evidente peggioramento epidemiologico con grave impatto clinico e sul funzionamento dei servizi assistenziali, potrebbe essere indicato il loro utilizzo in spazi chiusi, finalizzato in particolare a proteggere le persone ad alto rischio di malattia grave». Analogamente, la circolare indica che, nel caso di un eventuale sensibile peggioramento del quadro epidemiologico, «si potrà valutare l’adozione temporanea di altre misure, come il lavoro da casa o la limitazione delle dimensioni degli eventi che prevedono assembramenti».

Circolare del ministero Salute, le Regioni rafforzino servizi e posti letto

Per la stagione invernale 2022-2023, «si ritiene indispensabile che i servizi sanitari regionali verifichino, e, se necessario, rafforzino il proprio stato di preparazione al fine di fronteggiare un eventuale aumento della domanda di assistenza per i casi di infezione da Sars-CoV-2», si legge nella circolare. Il ministero sottolinea l’importanza «che l’assetto organizzativo dei servizi sanitari dedicati al Covid-19 (con particolare riferimento alle dotazioni di posti letto ospedalieri) dovrà seguire dinamicamente gli andamenti della relativa domanda e della situazione epidemiologica, per limitare le ricadute della gestione della pandemia sulle cure di patologie diverse dal Covid-19 e sulle liste d’attesa per le prestazioni programmate». In particolare la circolare raccomanda la verifica della dotazione di posti letto; l’applicazione di protocolli ospedalieri per la gestione in sicurezza dei pazienti e per la disinfezione e sanificazione degli ambienti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...