Politica 30 Agosto 2019

Consultazioni, le proposte M5S per la sanità: «Riformare percorso formativo, riorganizzare servizi e adeguare FSN»

Il documento presentato dai gruppi parlamentari del MoVimento 5 Stelle al Presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte. Il commento del ministro Grillo: «Sono temi presenti nel DNA del M5S, la base di qualsiasi nostro passaggio politico»

C’è anche la sanità nei 20 punti programmatici che i gruppi parlamentari del MoVimento 5 Stelle hanno presentato oggi al Presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte.

LEGGI QUI IL DOCUMENTO

«La nostra sanità – si legge al punto 10 – va difesa dalle dinamiche di partito spezzando il legame tra politica regionale e sanità valorizzando il merito».

Inoltre, i pentastellati propongono la «riorganizzazione dei servizi sanitari e socio-sanitari territoriali e la riforma del percorso formativo medico: integrazione ospedale-territorio, l’adeguamento del Fondo Sanitario Nazionale e l’attuazione del Fascicolo Sanitario Elettronico Nazionale».

Per il MoVimento, va inoltre «completato il processo di autonomia differenziata richiesta dalle regioni Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, istituendo contemporaneamente i livelli essenziali di prestazione per tutte le altre regioni per garantire a tutti i cittadini gli stelli livelli di qualità dei servizi. Va anche avviato un serio piano di riorganizzazione degli enti locali abolendo gli enti inutili».

Infine, per quanto riguarda la formazione, non esclusivamente medica, nel documento viene proposta anche la «riforma dei sistemi di reclutamento e dell’accesso universitario con ingenti investimenti per garantire pari opportunità di diritto allo studio, di sviluppo e formazione su tutto il territorio nazionale».

LEGGI ANCHE: GOVERNO, ZINGARETTI: «SU SANITÀ 10 MILIARDI DI INVESTIMENTI E NUOVE ASSUNZIONI»

Intanto, il ministro della Salute Giulia Grillo (M5S), ricorda su Facebook quanto fatto in questi mesi di governo: «Noi siamo quelli che hanno ricominciato a investire nella Sanità pubblica, che hanno rilanciato tante questioni ferme da decenni, sbloccato le assunzioni, avviato la riforma per superare la carenza dei medici, abbiamo recuperato 2,5 miliardi dalla spesa farmaceutica, investito per ridurre le liste di attesa e rilanciato la lotta alla corruzione nel settore sanitario. Noi siamo l’Italia del cambiamento e la sanità pubblica efficiente e solidale è al centro del nostro programma. I temi che Luigi Di Maio ha proposto oggi al presidente Conte sono nel DNA del MoVimento 5 Stelle, la base di qualsiasi nostro passaggio politico. Portiamo avanti il cambiamento per il bene dell’Italia».

Articoli correlati
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Profilattici, M5S propone riduzione IVA. Marinello: «Necessaria migliore informazione su malattie sessualmente trasmesse»
Il senatore e medico Cinque Stelle è primo firmatario di un ddl sul tema. E racconta: «Quella volta in Tanzania che giocai con una bambina sieropositiva…»
Healthcare e tecnologia, Leogrande (Presidente AIIC): «Rendere disponibile l’innovazione in sanità»
«Le novità ci sono, il mercato e l’industria spingono in questa direzione e le soluzioni non mancano. Manca, ancora, un collegamento più diretto e concreto con le modalità con cui questa innovazione deve essere resa disponibile» così il Presidente AIIC Lorenzo Leogrande
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Acoi Campania: «Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro»
Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro. A dettare l’agenda delle priorità è l’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI) – Gruppo Campania, nel corso della due giorni “Chirurgia d’urgenza 2019: tra linee guida e real life. Cos’è cambiato in questi anni e qual è la realtà dei fatti”, che ha riunito a […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...