Politica 13 maggio 2014

Consulcesi “a braccetto” con il Ministro: un modello all’avanguardia e d’esportazione

“Riscriviamo il futuro della professione medica”: nella targa consegnata alla Lorenzin suggellata la comunione d’intenti

Immagine articolo

Un segnale di vicinanza ai medici ma anche al mondo delle professioni che gravitano intorno alla sanità. Ha assunto questo significato la visita del ministro della Salute Beatrice Lorenzin a Consulcesi. Nella sede della maggiore realtà italiana e tra le principali in Europa nella tutela dei camici bianchi c’è stato un momento di incontro particolarmente importante.

Una giornata risultata particolarmente gradita ad entrambe le parti: da un lato, il ministro ha colto l’occasione per indicare in Consulcesi un modello da seguire se si vuol creare un “sistema salute” all’avanguardia e d’esportazione; dall’altro, i vertici della stessa Consulcesi si sono detti particolarmente felici ed onorati per la visita e le attestazioni ricevute per il lavoro svolto in questi anni: “Per Consulcesi è stata davvero una giornata speciale – ha dichiarato il Direttore Generale, Simona Gori – durante la quale abbiamo avuto la conferma che stiamo seguendo un percorso parallelo a quello istituzionale investendo nel campo dell’innovazione, della ricerca e della scienza. Un motivo in più per continuare su questa strada”.
Grande soddisfazione è stata espressa anche dal Vicepresidente di Consulcesi, Edoardo Pantano, che nel ringraziare il ministro per questa visita ha messo in evidenza l’attenzione costante che la Lorenzin riserva “ai temi più complessi del mondo sanitario. Il suo impegno sempre crescente – continua Pantano – per la soluzione dei problemi più attuali come quello dell’Rc professionale, della tutela legale o della medicina difensiva, hanno trovato infatti piena corrispondenza con le nostre attività quotidiane, che vedono oltre 350 professionisti al servizio degli oltre 50mila medici tutelati da Consulcesi”.

Insomma, una grossa soddisfazione, un importante attestato di stima proveniente dalla carica dello Stato più importante nell’ambito della sanità italiana. Una sanità che, secondo il ministro, necessita della stessa attenzione verso competenza e innovazione che ha trovato in Consulcesi e che caratterizza il suo operato da oltre vent’anni. Un impegno focalizzato anche sui diritti degli ex specializzandi, sui quali si è pronunciata anche il ministro Lorenzin durante proprio la visita proponendo “un sistema di riforme che, in modo incisivo, riequilibri il rapporto tra Stato, cittadini e anche le imprese, al fine di rimettere in moto la macchina amministrativa”.

La visita a Consulcesi si è chiusa con la consegna al ministro da parte del Vicepresidente Pantano e del Direttore Generale Gori, di una targa con su scritta la frase “Riscriviamo il futuro della professione medica”. Un messaggio che il ministro Lorenzin ha apprezzato a tal punto da volerlo far proprio: “E’ esattamente l’idea che ho io del Sistema Salute”, ha ribadito salutando tra gli applausi.

Per informazioni Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...