Politica 13 maggio 2014

Consulcesi “a braccetto” con il Ministro: un modello all’avanguardia e d’esportazione

“Riscriviamo il futuro della professione medica”: nella targa consegnata alla Lorenzin suggellata la comunione d’intenti

Immagine articolo

Un segnale di vicinanza ai medici ma anche al mondo delle professioni che gravitano intorno alla sanità. Ha assunto questo significato la visita del ministro della Salute Beatrice Lorenzin a Consulcesi. Nella sede della maggiore realtà italiana e tra le principali in Europa nella tutela dei camici bianchi c’è stato un momento di incontro particolarmente importante.

Una giornata risultata particolarmente gradita ad entrambe le parti: da un lato, il ministro ha colto l’occasione per indicare in Consulcesi un modello da seguire se si vuol creare un “sistema salute” all’avanguardia e d’esportazione; dall’altro, i vertici della stessa Consulcesi si sono detti particolarmente felici ed onorati per la visita e le attestazioni ricevute per il lavoro svolto in questi anni: “Per Consulcesi è stata davvero una giornata speciale – ha dichiarato il Direttore Generale, Simona Gori – durante la quale abbiamo avuto la conferma che stiamo seguendo un percorso parallelo a quello istituzionale investendo nel campo dell’innovazione, della ricerca e della scienza. Un motivo in più per continuare su questa strada”.
Grande soddisfazione è stata espressa anche dal Vicepresidente di Consulcesi, Edoardo Pantano, che nel ringraziare il ministro per questa visita ha messo in evidenza l’attenzione costante che la Lorenzin riserva “ai temi più complessi del mondo sanitario. Il suo impegno sempre crescente – continua Pantano – per la soluzione dei problemi più attuali come quello dell’Rc professionale, della tutela legale o della medicina difensiva, hanno trovato infatti piena corrispondenza con le nostre attività quotidiane, che vedono oltre 350 professionisti al servizio degli oltre 50mila medici tutelati da Consulcesi”.

Insomma, una grossa soddisfazione, un importante attestato di stima proveniente dalla carica dello Stato più importante nell’ambito della sanità italiana. Una sanità che, secondo il ministro, necessita della stessa attenzione verso competenza e innovazione che ha trovato in Consulcesi e che caratterizza il suo operato da oltre vent’anni. Un impegno focalizzato anche sui diritti degli ex specializzandi, sui quali si è pronunciata anche il ministro Lorenzin durante proprio la visita proponendo “un sistema di riforme che, in modo incisivo, riequilibri il rapporto tra Stato, cittadini e anche le imprese, al fine di rimettere in moto la macchina amministrativa”.

La visita a Consulcesi si è chiusa con la consegna al ministro da parte del Vicepresidente Pantano e del Direttore Generale Gori, di una targa con su scritta la frase “Riscriviamo il futuro della professione medica”. Un messaggio che il ministro Lorenzin ha apprezzato a tal punto da volerlo far proprio: “E’ esattamente l’idea che ho io del Sistema Salute”, ha ribadito salutando tra gli applausi.

Per informazioni Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
MMG in estinzione, Tortorella (Consulcesi): «Crisi di vocazione causata da disparità di trattamento inaccettabili»
Sulle pagine di Starbene il presidente della principale realtà di tutela del settore medico commenta il preoccupante avvenire della Medicina Generale italiana: «Entro 10 anni il 70% di loro andrà in pensione. Senza ricambio generazionale il numero totale rischia di assottigliarsi troppo»
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»
Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l'immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano