Politica 24 Novembre 2020 06:05

Borghi (Lega): «Cari medici, non cascate nella retorica del MES. I soldi per la sanità ci sono»

L’ex Presidente della Commissione Bilancio contesta la ‘narrazione’ sul fondo salvastati: «I titoli comprati dalla Banca centrale non ci costano nulla perché ridanno gli interessi. In questo momento noi ci finanziamo a zero. Non ha senso insistere a fronte di un finanziamento a zero». Poi aggiunge: «Medici vittime di propaganda e disinformazione»

Il mondo della sanità è da mesi in fermento sull’adesione dell’Italia al MES. Molti sindacati (come l’Anaao Assomed) e associazioni di settore da tempo chiedono di aderire al prestito europeo per avere accesso a risorse immediate e mettere in ordine la sanità duramente colpita dall’emergenza Covid. Sul tema però la politica italiana è molto divisa e la questione taglia in modo trasversale le coalizioni: se da un lato Pd, Italia Viva e Forza Italia spingono per accedere subito ai 36 miliardi del “Pandemic Crisis Support”, dall’altro Lega, Fratelli d’Italia e M5S mettono in guardia da quella che considerano una “trappola europea”.

«Già il fatto che nessun paese europeo abbia deciso di aderire dovrebbe far capire molte cose», spiega a Sanità Informazione l’ex Presidente della Commissione Bilancio della Camera ed economista di punta della Lega Claudio Borghi, facendo riferimento al rifiuto di Grecia, Portogallo e Spagna (tra i paesi più indebitati dell’eurozona) di attingere a questa linea di credito.

«È uno strumento di sottomissione, non uno strumento di finanziamento – continua Borghi -. In questo momento non abbiamo alcun bisogno di finanziarci con altro che non siano i titoli di Stato. I titoli comprati dalla Banca centrale non ci costano nulla perché ridanno gli interessi. In questo momento noi ci finanziamo a zero. Non ha senso insistere a fronte di un finanziamento a zero: non è vero che senza quei soldi non ci sono soldi per la sanità. Basta volerli: in questo momento noi possiamo avere i soldi che servono. Se si insiste a volere il MES, vuol dire che non si è interessati all’aspetto del risparmio. Gli interessa che noi diventiamo vittime di un creditore privilegiato».

I dubbi sul MES hanno iniziato a coinvolgere anche il fronte dei favorevoli tanto che lo stesso Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli (Pd) ha chiesto di superare il MES, «visto con diffidenza dai governi nazionali dell’Unione europea» anche alla luce dei nuovi interventi previsti con il Recovery Fund (al momento bloccato dai veti di Ungheria e Polonia).

«La differenza tra Recovery Fund e MES è che nel caso del MES è esplicito che si tratti di un creditore privilegiato: c’è scritto nero su bianco sul trattato – spiega Borghi -. Per quanto riguarda gli altri prestiti europei (SURE, Recovery Fund e cose di questo tipo) fanno fatica a dirlo, non vogliono scriverlo. Durante l’audizione al Senato del Ministro Gualtieri a domanda specifica sulla “seniority” del SURE è stato risposto che non è rilevante. Io preferisco una cosa non detta a una cosa scritta».

Ma allora perché i sindacati medici continuano a chiedere il MES? «Sono vittime – conclude l’ex Presidente della Commissione Bilancio – di una certa propaganda e di un’informazione sbagliata: gli hanno fatto credere che non arrivano soldi alla sanità perché non abbiamo il MES. Ma non è così».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dalla Lega al Pd, l’obbligo vaccinale convince le forze politiche. Fuori dal coro Fdi: «Misura inefficace»
Tutte le forze di maggioranza approvano la misura varata il 5 gennaio dal CdM. Secondo Paola Boldrini (Pd) misura necessaria «per la collettività e per dare sollievo ai professionisti sanitari ormai al collasso». Tiramani (Lega) rivela: «Io minacciato dai no vax». Per il M5S «bisogna agire presto per evitare che gli ospedali siano di nuovo paralizzati dall'emergenza»
di Francesco Torre
Decreto Green pass, Lega: «Approvato nostro odg per incrementare uso anticorpi monoclonali»
I senatori della Lega in commissione Affari costituzionali, firmatari del testo approvato, Luigi Augussori, capogruppo, Roberto Calderoli, Ugo Grassi, Alessandra Riccardi e Daisy Pirovano segnalano che «la Lega è contro il virus e lavora con impegno alla tutela della salute della nostra comunità nazionale: bene, dunque – continuano i parlamentari in una nota – che […]
Accordo sul Green pass e lo strappo della Lega, cosa succede in Aula
La Lega ha votato contro il Green pass nei ristoranti al chiuso insieme a Fratelli d'Italia ed ha aperto una frattura
ReiThera, Tiramani (Lega): «Speranza batti un colpo, mille persone ingannate due volte»
«Il 6 agosto è ormai dietro l’angolo e nelle stanze del ministro Speranza tutto tace sul Green pass per le mille persone che si sono offerte per fare la sperimentazione sul vaccino ReiThera. Ci sono mille persone in agitazione perché devono programmare le loro attività, ma non possono avere il Green Pass. La sperimentazione di […]
“Screening Cardio 50”, entra nel vivo il ddl per la campagna di prevenzione delle malattie cardiovascolari
La proposta di legge presentata dal Carroccio nasce dal successo di una analoga iniziativa effettuata in Veneto. L’obiettivo è quello di individuare alcuni parametri utili predittivi di condizioni di rischio cardiovascolare, con conseguente indirizzo verso percorsi strutturati di risposta. In Italia sono 7,5 milioni i pazienti afflitti da queste patologie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...