Politica 30 Settembre 2014

Turni massacranti, l’on. Binetti: “Italia bacchettata per l’ennesima volta dall’Ue”

La deputata analizza il problema partendo dal blocco turn over. E sull’ipotesi ricorsi: “Avere l’avallo dell’Europa aiuta a difendersi da questa ingiustizia”.

Immagine articolo

Tagli alla sanità, blocco stipendi, obbligo assicurativo e turni massacranti: per i camici bianchi è davvero un periodo nero. Ma, almeno sul fronte del sovraccarico lavorativo, si è aperto uno spiraglio. C’è infatti la possibilità di far valere i propri diritti attraverso i ricorsi. Consulcesi, in tal senso, è già scesa in campo al fianco dei medici.

C’è una direttiva della Commissione Europea (2003/88) che stabilisce orari massimi di lavoro e minimi di riposo che viene puntualmente violata dall’Italia, nonostante le sanzioni della Ue. Mentre i professionisti della sanità si preparano a far valere i propri diritti, il dibattito comincia ad accendersi coinvolgendo anche il mondo politico. Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con l’on. Paola Binetti, medico prima ancora che parlamentare impegnata alla Camera dei Deputati nella Commissione Affari Sociali.

On. Binetti, il blocco degli stipendi statali è l’ennesima tegola sulle spalle dei medici pubblici….
Il blocco degli statali è particolarmente pesante e di certo non comincia ora, ma continua. E’ un problema costante e che parte già da un depauperamento delle risorse su cui le persone sono abituate a contare. Si parla di padri e madri di famiglia, che hanno fatto investimenti importanti e che ora si ritrovano nella disgraziata situazione di chi non può mantenere le promesse fatte ai propri figli. Il blocco rientra in una logica di riduzioni complessive attuate dello Stato, che gli italiani sperimentano sulla propria pelle, in vista di un PIL che, nella migliore delle ipotesi, resterà a quota zero. Dobbiamo trovare le risorse concrete perché gli italiani possano far fronte alle loro responsabilità nei confronti di se stessi e delle loro famiglie.

E a questo si aggiungono i turni e gli orari di lavoro massacranti cui sono sottoposti i medici: un problema rilevato dalla direttiva 2003/88 CE…
Questa normativa europea che sanziona l’Italia per l’ennesima volta, rimproverandole la lunghezza dei turni di lavoro dei medici, che non vengono adeguatamente retribuiti o addirittura non lo sono affatto, porta a un altro dei vincoli incredibili del nostro sistema: il blocco del turn over. I medici potrebbero fare orari più umani e contenere il loro tempi di lavoro in proporzione al reddito percepito, purché ci fossero altri colleghi che condividono lo stesso tipo di orario. In un momento di disoccupazione crescente, è una gratificazione sapere di svolgere mansioni all’altezza degli studi fatti.

Le Istituzioni sono quindi chiamate ad intervenire perché il rischio di ricorsi è concreto…
È chiaro che quando ci trova in queste condizioni si pensa ad un ricorso. Si ha la percezione di star subendo una ingiustizia profonda e si cerca il responsabile. Ma si punta anche a fargli pagare proprio quella ingiustizia subita. Avere l’avallo dell’Europa, in questa particolare situazione, aiuta questi professionisti a combattere con le unghie e con i denti.

Articoli correlati
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio
Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone