Politica 30 Settembre 2014

Turni massacranti, l’on. Binetti: “Italia bacchettata per l’ennesima volta dall’Ue”

La deputata analizza il problema partendo dal blocco turn over. E sull’ipotesi ricorsi: “Avere l’avallo dell’Europa aiuta a difendersi da questa ingiustizia”.

Immagine articolo

Tagli alla sanità, blocco stipendi, obbligo assicurativo e turni massacranti: per i camici bianchi è davvero un periodo nero. Ma, almeno sul fronte del sovraccarico lavorativo, si è aperto uno spiraglio. C’è infatti la possibilità di far valere i propri diritti attraverso i ricorsi. Consulcesi, in tal senso, è già scesa in campo al fianco dei medici.

C’è una direttiva della Commissione Europea (2003/88) che stabilisce orari massimi di lavoro e minimi di riposo che viene puntualmente violata dall’Italia, nonostante le sanzioni della Ue. Mentre i professionisti della sanità si preparano a far valere i propri diritti, il dibattito comincia ad accendersi coinvolgendo anche il mondo politico. Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con l’on. Paola Binetti, medico prima ancora che parlamentare impegnata alla Camera dei Deputati nella Commissione Affari Sociali.

On. Binetti, il blocco degli stipendi statali è l’ennesima tegola sulle spalle dei medici pubblici….
Il blocco degli statali è particolarmente pesante e di certo non comincia ora, ma continua. E’ un problema costante e che parte già da un depauperamento delle risorse su cui le persone sono abituate a contare. Si parla di padri e madri di famiglia, che hanno fatto investimenti importanti e che ora si ritrovano nella disgraziata situazione di chi non può mantenere le promesse fatte ai propri figli. Il blocco rientra in una logica di riduzioni complessive attuate dello Stato, che gli italiani sperimentano sulla propria pelle, in vista di un PIL che, nella migliore delle ipotesi, resterà a quota zero. Dobbiamo trovare le risorse concrete perché gli italiani possano far fronte alle loro responsabilità nei confronti di se stessi e delle loro famiglie.

E a questo si aggiungono i turni e gli orari di lavoro massacranti cui sono sottoposti i medici: un problema rilevato dalla direttiva 2003/88 CE…
Questa normativa europea che sanziona l’Italia per l’ennesima volta, rimproverandole la lunghezza dei turni di lavoro dei medici, che non vengono adeguatamente retribuiti o addirittura non lo sono affatto, porta a un altro dei vincoli incredibili del nostro sistema: il blocco del turn over. I medici potrebbero fare orari più umani e contenere il loro tempi di lavoro in proporzione al reddito percepito, purché ci fossero altri colleghi che condividono lo stesso tipo di orario. In un momento di disoccupazione crescente, è una gratificazione sapere di svolgere mansioni all’altezza degli studi fatti.

Le Istituzioni sono quindi chiamate ad intervenire perché il rischio di ricorsi è concreto…
È chiaro che quando ci trova in queste condizioni si pensa ad un ricorso. Si ha la percezione di star subendo una ingiustizia profonda e si cerca il responsabile. Ma si punta anche a fargli pagare proprio quella ingiustizia subita. Avere l’avallo dell’Europa, in questa particolare situazione, aiuta questi professionisti a combattere con le unghie e con i denti.

Articoli correlati
Il 12 marzo è la giornata contro le aggressioni ai medici, D’Autilia (CEOM): «Episodi di violenza in aumento in tutta Europa»
Il vicepresidente del Consiglio degli Ordini dei Medici Europei spiega a Sanità Informazione quali sono le differenze (turni di lavoro, stipendi, formazione continua) tra la classe medica italiana e quella del resto del vecchio continente. E il quadro che ne esce non è dei migliori…
«La legge sulle 11 ore di riposo degli ospedalieri non viene applicata. A rischio la sicurezza dei pazienti»
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio e componente Esecutivo nazionale
Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»
Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronuncia della Corte di Giustizia europea che faccia giurisprudenza»
«Il riposo deve essere di 11 ore e continuativo anche dopo la reperibilità». Anaao ricorre alla Commissione Europea
Per gli operatori sanitari del Ssn sarebbe stato violato il sistema minimo di tutele della salute e della sicurezza dei lavoratori
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...