Politica 30 Settembre 2014

Turni massacranti, l’on. Binetti: “Italia bacchettata per l’ennesima volta dall’Ue”

La deputata analizza il problema partendo dal blocco turn over. E sull’ipotesi ricorsi: “Avere l’avallo dell’Europa aiuta a difendersi da questa ingiustizia”.

Immagine articolo

Tagli alla sanità, blocco stipendi, obbligo assicurativo e turni massacranti: per i camici bianchi è davvero un periodo nero. Ma, almeno sul fronte del sovraccarico lavorativo, si è aperto uno spiraglio. C’è infatti la possibilità di far valere i propri diritti attraverso i ricorsi. Consulcesi, in tal senso, è già scesa in campo al fianco dei medici.

C’è una direttiva della Commissione Europea (2003/88) che stabilisce orari massimi di lavoro e minimi di riposo che viene puntualmente violata dall’Italia, nonostante le sanzioni della Ue. Mentre i professionisti della sanità si preparano a far valere i propri diritti, il dibattito comincia ad accendersi coinvolgendo anche il mondo politico. Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con l’on. Paola Binetti, medico prima ancora che parlamentare impegnata alla Camera dei Deputati nella Commissione Affari Sociali.

On. Binetti, il blocco degli stipendi statali è l’ennesima tegola sulle spalle dei medici pubblici….
Il blocco degli statali è particolarmente pesante e di certo non comincia ora, ma continua. E’ un problema costante e che parte già da un depauperamento delle risorse su cui le persone sono abituate a contare. Si parla di padri e madri di famiglia, che hanno fatto investimenti importanti e che ora si ritrovano nella disgraziata situazione di chi non può mantenere le promesse fatte ai propri figli. Il blocco rientra in una logica di riduzioni complessive attuate dello Stato, che gli italiani sperimentano sulla propria pelle, in vista di un PIL che, nella migliore delle ipotesi, resterà a quota zero. Dobbiamo trovare le risorse concrete perché gli italiani possano far fronte alle loro responsabilità nei confronti di se stessi e delle loro famiglie.

E a questo si aggiungono i turni e gli orari di lavoro massacranti cui sono sottoposti i medici: un problema rilevato dalla direttiva 2003/88 CE…
Questa normativa europea che sanziona l’Italia per l’ennesima volta, rimproverandole la lunghezza dei turni di lavoro dei medici, che non vengono adeguatamente retribuiti o addirittura non lo sono affatto, porta a un altro dei vincoli incredibili del nostro sistema: il blocco del turn over. I medici potrebbero fare orari più umani e contenere il loro tempi di lavoro in proporzione al reddito percepito, purché ci fossero altri colleghi che condividono lo stesso tipo di orario. In un momento di disoccupazione crescente, è una gratificazione sapere di svolgere mansioni all’altezza degli studi fatti.

Le Istituzioni sono quindi chiamate ad intervenire perché il rischio di ricorsi è concreto…
È chiaro che quando ci trova in queste condizioni si pensa ad un ricorso. Si ha la percezione di star subendo una ingiustizia profonda e si cerca il responsabile. Ma si punta anche a fargli pagare proprio quella ingiustizia subita. Avere l’avallo dell’Europa, in questa particolare situazione, aiuta questi professionisti a combattere con le unghie e con i denti.

Articoli correlati
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
Francia, mille primari si dimettono per «salvare l’ospedale pubblico»
Tagli, turni massacranti e salari bassi i motivi della protesta
«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook
Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto gridare, con tutto il fiato che ho in corpo, queste cose a chi “governa” la sanità in Italia ma non è possibile»
Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»
La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diventa guardia attiva; in Portogallo viene pagato il 50% delle ore anche se non si viene chiamati
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano