Politica 7 ottobre 2014

Controllo qualità e formazione: ruolo chiave per Age.Na.S.

Intervista esclusiva a Francesco Bevere, direttore generale dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Immagine articolo

Una nuova era della sanità è pronta a partire. Complice la stesura di un Patto per la Salute 2014 – 2015 lungimirante e ricco di spunti innovativi, la parola d’ordine sembra essere “qualità”.

Qualità nel controllo e nel monitoraggio delle realtà che operano nel Ssn, e nell’ambito della formazione dei professionisti. Perché, è chiaro, una sanità di alto profilo non può prescindere dalla professionalità di chi opera al suo interno. Su questi temi Sanità Informazione ha intervistato il nuovo direttore generale di Age.Na.S., Francesco Bevere.

L’Age.Na.S. entra in una nuova fase: quali sono le prospettive in Italia e in Europa?
Stando a quanto previsto dal Patto per la Salute, finalmente l’Age.Na.S. assumerà un ruolo di grandissima rilevanza nel Sistema. Basta leggere l’articolo 12 del Patto per capire il cambio di passo che Regioni e Governo hanno voluto imprimere. Il monitoraggio delle attività delle strutture e dei sistemi sanitari regionali ci consentirà di assumere un ruolo determinante nell’affiancare quelle realtà che ancora mostrano qualche carenza.

Il nostro obiettivo è evidenziare l’importanza della formazione individuale

E’ necessario progettare un modello di monitoraggio anche sulle performance gestionali ed amministrative. In questo modo Age.Na.S., come previsto dal Patto, creerà un sistema che, immediatamente, allerti la struttura, affinché i problemi vengano affrontati subito e non lasciati sedimentare col rischio di cronicizzare le lacune, come nel caso delle Regioni in piano di rientro.

Age.Na.S. di recente si è rifatta il trucco con un nuovo sito, e con nuovi controlli stringenti sulla formazione affinché sia di qualità…
Assolutamente. Ogni cambiamento, soprattutto in un sistema così complesso e delicato come quello sanitario, non può prescindere da un cambio di registro nel percorso formativo dei suoi protagonisti. I cambiamenti culturali sono quelli più difficili da ottenere, poiché richiedono un forte impegno personale; e in sanità, rispetto ad altri settori, l’impegno personale del singolo ha un peso specifico considerevole. Il nostro obiettivo è evidenziare l’importanza della formazione individuale, ancor più di quella di categoria. Per non parlare delle nuove tecnologie, che rendono possibile la formazione a distanza: sempre più qualità, sempre più merito.

Tags

Articoli correlati
Morbillo, arriva piano del Ministero. Il Sottosegretario Bartolazzi: «Vaccino obbligatorio per adulti e operatori sanitari»
Il Sottosegretario alla Salute annuncia piano per l’eradicazione della malattia ospite delle celebrazioni per i 40 anni del SSN. E si dice solidale con lo sciopero dei medici: «Dobbiamo parlare con regioni per trovare risorse per il rinnovo»
di Cesare Buquicchio e Serena Santi
La FNOMCeO festeggia i 40 anni del SSN. Censis: «Medici pilastro della buona sanità e garanti interesse paziente»
Per il 53% degli italiani tetti di spesa, linee guida e protocolli sono utili, ma al medico deve essere lasciata la libertà di decidere. Perché il rapporto è basato sulla fiducia. L’87% si fida del medico di medicina generale. Per il 72% è la prima fonte di informazione. E per il 45% è fondamentale la dimensione psicologica e relazionale
Fiaso, l’orgoglio dei manager della sanità: «Abbiamo salvato il SSN». Ripa di Meana: «Ora fondo per innovazione e sblocco assunzioni»
A Roma il ventennale della Federazione Italiana Aziende sanitarie e ospedaliere che ha riunito i dirigenti di 170 aziende sanitarie. Il Presidente: «Abbiamo reso il sistema capace di produrre a costi sostenibili qualità. Chiediamo siano sbloccati i contratti»
Gianluca Giuliano (UGL): «Bene governo su sanità, ma non tardi intesa Stato-Regioni su Patto Salute 2019-2021»
«Finalmente la sanità italiana viene considerata dal governo come uno dei settori nei quali investire risorse economiche». Valuta positivamente l’operato del governo e del Ministro della Salute Giulia Grillo il segretario nazionale Ugl Sanità Gianluca Giuliano. «Il Fondo Sanità – sottolinea –  verrà incrementato di 2 mld per l’anno 2020 e di ulteriori 1,5 mld […]
Sanità in Italia, presentato rapporto TDM-Cittadinanzattiva: «Troppe diseguaglianze, serve confronto su ‘autonomia differenziata’»
Tonino Aceti, Coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva, avverte: «Si stanno liquidando i principi di solidarietà, equità e unitarietà del nostro Ssn. Siamo preoccupati e chiediamo al Ministro Grillo l’immediata costituzione di un tavolo di confronto sulle proposte di autonomia differenziata, prima che il Consiglio dei Ministri le approvi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...