Politica 11 Settembre 2019

Autonomie, Collina (PD): «Contrario al progetto, serve omogeneità». Primo nodo sarà il Bilancio

Ottimismo tra i senatori del Partito Democratico per la nomina di Roberto Speranza al Ministero della Salute. «Dobbiamo attendere l’individuazione dei sottosegretari», precisa il vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, Stefano Collina. Boldrini (PD): «Cosa c’è in agenda? Partiremo dalla Legge di Bilancio»

Immagine articolo

«Il Ministero della Salute con questo nuovo Governo sembra avviato ad avere un nuovo impulso», è il giudizio positivo del vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità in Senato, Stefano Collina, esponente del Partito Democratico. I senatori dem che si occupano di sanità tirano le fila di quella che sarà la nuova agenda di governo. «Dobbiamo attendere l’individuazione dei sottosegretari», tiene a precisare il vicepresidente Collina non potendo già stilare un calendario di quelli che saranno i primi provvedimenti che andranno sul tavolo.

«Sappiamo che la Sanità è un tema importante per il nostro Paese, ma è cruciale sicuramente nel momento in cui si discutono temi come l’autonomia differenziata delle varie regioni», spiega il senatore del Pd ai microfoni di Sanità Informazione. Lo riusciamo ad intercettare nei corridoi del Senato, tra una pausa e l’altra dalla discussione in Aula, in occasione della fiducia. Quando gli domandiamo se le accuse di essere di fronte a un governo tutto spostato sul meridione, Collina precisa: «Le cose non stanno esattamente così. Quando la ministra Grillo ha incontrato i presidenti delle regioni Lombardia, Veneto e Emilia Romagna, non ha trovato grandi problemi rispetto ai temi sanitari. Parliamo di regioni che hanno la sanità più avanzata nel nostro Paese. Io eviterei di affrontare questi temi in modo, diciamo, ‘partigiano’. Dobbiamo guardare la sostanza di quello che è il Servizio sanitario nazionale nei vari territori e fare in modo che le condizioni nelle quali venga erogato il servizio sia il più omogeneo possibile».

«È chiaro che la delega alla sanità è una delega regionale ormai da tantissimo tempo – continua il vicepresidente – e questa gestione regionale della sanità non ha creato una sanità omogenea. Come si può fare? Questo è il tema. Ho espresso altre volte il mio punto di vista contrario al progetto di autonomia differenziata, ma gli obiettivi dell’autonomia differenziata devono essere chiari e una sanità omogenea nel nostro Paese deve essere un obiettivo da raggiungere».

A parlare anche la senatrice PD e membro della Commissione Sanità, Paola Boldrini. «Dovremmo ovviamente collaborare, – spiega la senatrice dem – perché i temi della sanità sono tanti e sono ovviamente tutti presenti sul piatto, quindi davvero sono speranzosa del fatto che possiamo portare avanti buone cose per la sanità, posto anche che ci dovrà aiutare, ma io lo dico sempre, anche il Ministero dell’Economia. La sanità deve essere rafforzata dal punto di vista finanziario. Insieme a tanti altri provvedimenti che abbiamo ancora da portare avanti in Commissione. Quindi sono contenta di questa nomina ed è ovviamente uno spiraglio nel prossimo futuro per far bene con il nostro nuovo governo».

«Sicuramente l’agenda cambierà» ammette Boldrini. «Ovviamente dovremo fare un incontro con i nostri colleghi che attualmente sono diventati i nostri colleghi di maggioranza». Un clima apparentemente sereno, quello raccontato dalla senatrice del Partito Democratico: «Devo dire che all’interno di questa Commissione noi abbiamo sempre avuto buone possibilità di accordi, perché sappiamo che la salute non deve avere un colore politico».

Quale la possibile agenda? «Sicuramente metteremo sul piatto la legge di Bilancio – prosegue – perché è la prima che si dovrà affrontare. Sappiamo che c’è il tema dei finanziamenti per quanto riguarda i professionisti della sanità, medici di medicina generale, la formazione, le specializzazioni. Sono tantissimi i temi importanti. Insieme valuteremo quali affrontare in primo luogo. Sono tanti i provvedimenti che abbiamo lasciato, perché dovevamo riprenderli al rientro e quindi partiremo da quelli che hanno già quasi completato l’iter, dove un accordo era già stato inteso con l’allora maggioranza e quindi quelli saranno i primi da portare avanti. Poi dopo valuteremo il resto».

LEGGI: MINISTERO DELLA SALUTE, PARLA SALVINI: «DOV’È LA COMPETENZA DI SPERANZA?»

Articoli correlati
Bilancio, Sileri-Cartabellotta: «Intervenire su personale e Lea». Viceministro: «Per specializzazioni 2mila borse in più»
Botta e risposta ai microfoni di Sanità Informazione, tra il Senatore e il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Su fondi per il personale ed esigibilità dei Lea giuste critiche che consentono di aggiustare il tiro di una Legge di Bilancio su cui, io credo, abbiamo già ottenuto moltissimo: vedi l’abolizione del superticket»
Manovra 2020, luci e ombre del testo: dai Lea al personale. Tutte le voci della sanità…
Intanto, dal testo su cui lavoreranno entrambi i rami del Parlamento emerge quello che, molto probabilmente, sarà l’indirizzo finale della Legge, soprattutto per quel che riguarda la sanità
Bilancio 2020, Cartabellotta (GIMBE): «Personale e Lea i lati oscuri. Altri aspetti positivi»
«Diversi aspetti seducenti nel testo che arriva in Parlamento. Ma è realmente tutto oro quello che luccica?» si domanda la Fondazione Gimbe analizzando punto per punto la Legge di Bilancio. «Tra i grandi assenti ci sono gli investimenti su personale sanitario, nuovi Lea e farmaci innovativi»
Manovra 2020 approda in Aula, confermati gli stanziamenti in Sanità. Detrazioni anche se si usano i contanti
Iniziato in Senato il percorso parlamentare della Legge di Bilancio. Non si fermano le polemiche sulle nuove tasse. Confermato stanziamento di 30 miliardi per l'edilizia sanitaria, abolizione del superticket a decorrere dal 1° settembre 2020
Aggressioni, Carlo Piastra (Lega): «Operatori sanitari e farmacisti siano equiparati a pubblici ufficiali»
Il deputato della Lega rivendica di aver depositato il primo Ddl in materia nell’estate del 2018. Ora chiede di emendare e rafforzare il testo votato in Senato: «Insieme ai colleghi della Commissione Affari sociali stiamo ragionando su quello che si può aggiungere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...