Politica 11 Settembre 2019

Autonomie, Collina (PD): «Contrario al progetto, serve omogeneità». Primo nodo sarà il Bilancio

Ottimismo tra i senatori del Partito Democratico per la nomina di Roberto Speranza al Ministero della Salute. «Dobbiamo attendere l’individuazione dei sottosegretari», precisa il vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, Stefano Collina. Boldrini (PD): «Cosa c’è in agenda? Partiremo dalla Legge di Bilancio»

Immagine articolo

«Il Ministero della Salute con questo nuovo Governo sembra avviato ad avere un nuovo impulso», è il giudizio positivo del vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità in Senato, Stefano Collina, esponente del Partito Democratico. I senatori dem che si occupano di sanità tirano le fila di quella che sarà la nuova agenda di governo. «Dobbiamo attendere l’individuazione dei sottosegretari», tiene a precisare il vicepresidente Collina non potendo già stilare un calendario di quelli che saranno i primi provvedimenti che andranno sul tavolo.

«Sappiamo che la Sanità è un tema importante per il nostro Paese, ma è cruciale sicuramente nel momento in cui si discutono temi come l’autonomia differenziata delle varie regioni», spiega il senatore del Pd ai microfoni di Sanità Informazione. Lo riusciamo ad intercettare nei corridoi del Senato, tra una pausa e l’altra dalla discussione in Aula, in occasione della fiducia. Quando gli domandiamo se le accuse di essere di fronte a un governo tutto spostato sul meridione, Collina precisa: «Le cose non stanno esattamente così. Quando la ministra Grillo ha incontrato i presidenti delle regioni Lombardia, Veneto e Emilia Romagna, non ha trovato grandi problemi rispetto ai temi sanitari. Parliamo di regioni che hanno la sanità più avanzata nel nostro Paese. Io eviterei di affrontare questi temi in modo, diciamo, ‘partigiano’. Dobbiamo guardare la sostanza di quello che è il Servizio sanitario nazionale nei vari territori e fare in modo che le condizioni nelle quali venga erogato il servizio sia il più omogeneo possibile».

«È chiaro che la delega alla sanità è una delega regionale ormai da tantissimo tempo – continua il vicepresidente – e questa gestione regionale della sanità non ha creato una sanità omogenea. Come si può fare? Questo è il tema. Ho espresso altre volte il mio punto di vista contrario al progetto di autonomia differenziata, ma gli obiettivi dell’autonomia differenziata devono essere chiari e una sanità omogenea nel nostro Paese deve essere un obiettivo da raggiungere».

A parlare anche la senatrice PD e membro della Commissione Sanità, Paola Boldrini. «Dovremmo ovviamente collaborare, – spiega la senatrice dem – perché i temi della sanità sono tanti e sono ovviamente tutti presenti sul piatto, quindi davvero sono speranzosa del fatto che possiamo portare avanti buone cose per la sanità, posto anche che ci dovrà aiutare, ma io lo dico sempre, anche il Ministero dell’Economia. La sanità deve essere rafforzata dal punto di vista finanziario. Insieme a tanti altri provvedimenti che abbiamo ancora da portare avanti in Commissione. Quindi sono contenta di questa nomina ed è ovviamente uno spiraglio nel prossimo futuro per far bene con il nostro nuovo governo».

«Sicuramente l’agenda cambierà» ammette Boldrini. «Ovviamente dovremo fare un incontro con i nostri colleghi che attualmente sono diventati i nostri colleghi di maggioranza». Un clima apparentemente sereno, quello raccontato dalla senatrice del Partito Democratico: «Devo dire che all’interno di questa Commissione noi abbiamo sempre avuto buone possibilità di accordi, perché sappiamo che la salute non deve avere un colore politico».

Quale la possibile agenda? «Sicuramente metteremo sul piatto la legge di Bilancio – prosegue – perché è la prima che si dovrà affrontare. Sappiamo che c’è il tema dei finanziamenti per quanto riguarda i professionisti della sanità, medici di medicina generale, la formazione, le specializzazioni. Sono tantissimi i temi importanti. Insieme valuteremo quali affrontare in primo luogo. Sono tanti i provvedimenti che abbiamo lasciato, perché dovevamo riprenderli al rientro e quindi partiremo da quelli che hanno già quasi completato l’iter, dove un accordo era già stato inteso con l’allora maggioranza e quindi quelli saranno i primi da portare avanti. Poi dopo valuteremo il resto».

LEGGI: MINISTERO DELLA SALUTE, PARLA SALVINI: «DOV’È LA COMPETENZA DI SPERANZA?»

Articoli correlati
Salute, Pierpaolo Sileri (M5S) è il nuovo Vice Ministro: ecco le sue idee per la sanità
Insieme a Sileri arriva a Lungotevere Ripa come sottosegretario, in quota Pd, Sandra Zampa. Il Chirurgo romano ha guidato per 15 mesi la Commissione Sanità di Palazzo Madama. Dall'endometriosi ai contenziosi medico-paziente, idee e proposte per rilanciare la sanità
Vaccini, parla Paolo Siani (Pd): «Ddl va modificato: l’obbligo si può togliere ma solo con copertura adeguata e anagrafe»
Il pediatra, membro della Commissione Affari sociali, ha apprezzato il discorso del premier Conte, in particolare la proposta sugli asili nido gratis per redditi bassi: «Governo ha preso una strada buona». Poi sul tema, spinoso, dell’obbligo vaccinale: «Prima di toglierlo bisogna avere la certezza che ci sia una copertura ‘tranquilla’ su tutto il territorio nazionale»
Sileri (M5S): «Ripartiremo dal personale sanitario». Sul tavolo della Commissione lo stop alle nomine politiche in Sanità
«Abbiamo incardinato provvedimenti che erano della minoranza e della maggioranza. Non credo cambierà il modo di lavorare», spiega il presidente della Commissione Igiene e Sanità, Pierpaolo Sileri. Il plauso del collega pentastellato, Gianluca Perilli: «Sileri sta facendo un lavoro molto importante e proficuo»
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali