Politica 11 Settembre 2019

Autonomie, Collina (PD): «Contrario al progetto, serve omogeneità». Primo nodo sarà il Bilancio

Ottimismo tra i senatori del Partito Democratico per la nomina di Roberto Speranza al Ministero della Salute. «Dobbiamo attendere l’individuazione dei sottosegretari», precisa il vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, Stefano Collina. Boldrini (PD): «Cosa c’è in agenda? Partiremo dalla Legge di Bilancio»

Immagine articolo

«Il Ministero della Salute con questo nuovo Governo sembra avviato ad avere un nuovo impulso», è il giudizio positivo del vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità in Senato, Stefano Collina, esponente del Partito Democratico. I senatori dem che si occupano di sanità tirano le fila di quella che sarà la nuova agenda di governo. «Dobbiamo attendere l’individuazione dei sottosegretari», tiene a precisare il vicepresidente Collina non potendo già stilare un calendario di quelli che saranno i primi provvedimenti che andranno sul tavolo.

«Sappiamo che la Sanità è un tema importante per il nostro Paese, ma è cruciale sicuramente nel momento in cui si discutono temi come l’autonomia differenziata delle varie regioni», spiega il senatore del Pd ai microfoni di Sanità Informazione. Lo riusciamo ad intercettare nei corridoi del Senato, tra una pausa e l’altra dalla discussione in Aula, in occasione della fiducia. Quando gli domandiamo se le accuse di essere di fronte a un governo tutto spostato sul meridione, Collina precisa: «Le cose non stanno esattamente così. Quando la ministra Grillo ha incontrato i presidenti delle regioni Lombardia, Veneto e Emilia Romagna, non ha trovato grandi problemi rispetto ai temi sanitari. Parliamo di regioni che hanno la sanità più avanzata nel nostro Paese. Io eviterei di affrontare questi temi in modo, diciamo, ‘partigiano’. Dobbiamo guardare la sostanza di quello che è il Servizio sanitario nazionale nei vari territori e fare in modo che le condizioni nelle quali venga erogato il servizio sia il più omogeneo possibile».

«È chiaro che la delega alla sanità è una delega regionale ormai da tantissimo tempo – continua il vicepresidente – e questa gestione regionale della sanità non ha creato una sanità omogenea. Come si può fare? Questo è il tema. Ho espresso altre volte il mio punto di vista contrario al progetto di autonomia differenziata, ma gli obiettivi dell’autonomia differenziata devono essere chiari e una sanità omogenea nel nostro Paese deve essere un obiettivo da raggiungere».

A parlare anche la senatrice PD e membro della Commissione Sanità, Paola Boldrini. «Dovremmo ovviamente collaborare, – spiega la senatrice dem – perché i temi della sanità sono tanti e sono ovviamente tutti presenti sul piatto, quindi davvero sono speranzosa del fatto che possiamo portare avanti buone cose per la sanità, posto anche che ci dovrà aiutare, ma io lo dico sempre, anche il Ministero dell’Economia. La sanità deve essere rafforzata dal punto di vista finanziario. Insieme a tanti altri provvedimenti che abbiamo ancora da portare avanti in Commissione. Quindi sono contenta di questa nomina ed è ovviamente uno spiraglio nel prossimo futuro per far bene con il nostro nuovo governo».

«Sicuramente l’agenda cambierà» ammette Boldrini. «Ovviamente dovremo fare un incontro con i nostri colleghi che attualmente sono diventati i nostri colleghi di maggioranza». Un clima apparentemente sereno, quello raccontato dalla senatrice del Partito Democratico: «Devo dire che all’interno di questa Commissione noi abbiamo sempre avuto buone possibilità di accordi, perché sappiamo che la salute non deve avere un colore politico».

Quale la possibile agenda? «Sicuramente metteremo sul piatto la legge di Bilancio – prosegue – perché è la prima che si dovrà affrontare. Sappiamo che c’è il tema dei finanziamenti per quanto riguarda i professionisti della sanità, medici di medicina generale, la formazione, le specializzazioni. Sono tantissimi i temi importanti. Insieme valuteremo quali affrontare in primo luogo. Sono tanti i provvedimenti che abbiamo lasciato, perché dovevamo riprenderli al rientro e quindi partiremo da quelli che hanno già quasi completato l’iter, dove un accordo era già stato inteso con l’allora maggioranza e quindi quelli saranno i primi da portare avanti. Poi dopo valuteremo il resto».

LEGGI: MINISTERO DELLA SALUTE, PARLA SALVINI: «DOV’È LA COMPETENZA DI SPERANZA?»

Articoli correlati
Il Ddl aggressioni è legge. Cosa prevede il testo approvato all’unanimità dal Senato
Sanzioni da 500 a 5mila euro e dai 4 ai 16 anni di reclusione per chi aggredisce gli operatori della sanità. Le reazioni
Commissione Sanità, Boldrini (Pd) eletta vicepresidente: «Mio obiettivo rafforzare SSN e professioni sanitarie»
«Porterò avanti anche gli impegni assunti prima del Covid, dall’inserimento della Fibromialgia nei Lea (Livelli essenziali di assistenza) ai provvedimenti di legge per bambini e adolescenti che soffrono di diabete Mellito di tipo I, cosiddetto infantile» sottolinea l'esponente del Partito democratico
Psicologo delle cure primarie, Boldrini (Pd) presenta Ddl. Lazzari (CNOP): «Serve con urgenza norma organica»
La figura agirà accanto ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta per consentire la presa in carico della persona e garantire prevenzione e cure psicologiche di prossimità. «Il nostro sistema universalistico ci impone di offrire un supporto in maniera gratuita» sottolinea la capogruppo Pd in Commissione Sanità
«Misure anti-Covid fino al 31 luglio». Le comunicazioni del ministro Speranza in Parlamento
«Nessuna decisione presa sulla proroga dello stato di emergenza. Verrà coinvolto il Parlamento. Ora non abbassare la guardia, l'Italia ha alle spalle la tempesta ma non è ancora in un porto sicuro»
Ddl Aggressioni, ok da Commissione sanità del Senato: fino a 5mila euro di multa e 16 anni di carcere
Approvazione definitiva ad un passo. Tra le novità, un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie e una giornata nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...