Politica 24 Giugno 2019 16:36

Amianto, Castellone (M5S): «Un’emergenza sanitaria, ambientale e sociale. Presentato nuovo Ddl»

Con il Registro Nazionale dei tumori e l’istituzione del referto epidemiologico nuovi strumenti per monitorare le varie forme tumorali legate all’esposizione ad asbesto. Il sottosegretario all’Ambiente Micillo: «Grazie alla collaborazione tra il pm Guariniello e il ministero, entro pochi mesi sarà attivata una task force incaricata di creare un sistema di smaltimento sicuro»

di Isabella Faggiano
Amianto, Castellone (M5S): «Un’emergenza sanitaria, ambientale e sociale. Presentato nuovo Ddl»

«L’amianto in Italia è ancora un’emergenza, non solo sanitaria, ma anche ambientale e sociale». Lo dice Maria Domenica Castellone, membro della Commissione Igiene e Sanità del Senato e lo confermano i dati. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, 125 milioni di persone nel mondo sono ancora esposte ai rischi dell’amianto per motivi lavorativi.

L’amianto, chiamato anche asbesto, negli anni passati ha rappresentato un’importante occasione di occupazione e sviluppo, tanto da essere stato definito il “miracoloso ritrovato tecnologico”. Successivamente si è poi rivelato molto nocivo per la salute umana. In Italia è stato messo al bando da 27 anni e, nonostante siano trascorsi quasi tre decenni, in molti continuano a “respirarlo”, mettendo a rischio la propria salute.

Si tratta di una vera e propria fibra killer: «L’esposizione ad amianto causa tumore polmonare (mesotelioma pleurico), laringeo e ovarico, oltre a condizioni di fibrosi polmonare – spiega Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima) – e si registra, in media, un morto ogni 20 tonnellate. Nel mondo, ogni anno, sono utilizzate 2 milioni di nuove tonnellate di amianto, in particolare, in Brasile, Canada, Russia e Cina, dove non è ancora stato messo al bando».

In Italia, il problema è, fortunatamente, sotto i riflettori sia del mondo scientifico che del Governo. «Sono molte le iniziative messe in campo durante la scorsa e l’attuale legislatura – sottolinea Maria Domenica Castellone -. Da qualche mese è stata approvata la legge che disciplina il Registro Nazionale dei tumori e l’istituzione del referto epidemiologico, una norma che ci permetterà finalmente di monitorare le varie forme tumorali legate all’esposizione ad asbesto, individuare aree a rischio e mettere in campo metodologie efficaci di prevenzione e assistenza».

LEGGI ANCHE: IL 28 APRILE E’ LA GIORNATA MONDIALE VITTIME AMIANTO: PICCO DI CASI DI MESOTELIOMA TRA IL 2019 E IL 2020

Il ministero dell’Ambiente ha in corso numerose attività, a partire dalla bonifica delle aree SIN (Siti di interesse nazionale) contaminate, alla mappatura e al monitoraggio su tutto il territorio nazionale, fino a diverse forme di finanziamento: «In Italia sono 96mila i siti sotto la lente d’ingrandimento del Ministero – aggiunge Salvatore Micillo, sottosegretario al ministero dell’Ambiente – . Tanti anche i finanziamenti per un totale di circa 30 milioni di euro, tra pubblico e privato, con detrazioni fino al 50% per le aziende che vogliono smaltire l’amianto. Inoltre, grazie alla collaborazione tra il pm Guariniello e il ministero dell’Ambiente entro pochi mesi sarà attivata una task force incaricata di creare un sistema di smaltimento sicuro, efficiente ed efficace».

L’amianto è presente in una grande varietà di materiali da costruzione, rappresentando quindi un’emergenza per la gestione dei rifiuti, ma si trova anche in natura: «È una fibra naturale presente in alcuni tipi di rocce, comunemente chiamate “rocce verdi”, abbastanza diffuse nella nostra Nazione – spiega Arcangelo Francesco Violo, segretario del consiglio nazionale dei Geologi -. Per questo è necessario mappare anche queste aree del Paese, e non solo quelle dove ci sono delle costruzioni potenzialmente a rischio, per verificarne l’effettiva presenza e, di conseguenza, mettere in campo strategie di prevenzione a tutela della salute di chi vive o lavora in quelle zone».

Intanto, anche l’impegno delle istituzioni continua: «È stata già depositata un’altra proposta di legge specifica per l’amianto – dice Castellone -, che permetterà pure di determinare tempi certi per le bonifiche ambientali. Il primo firmatario è il senatore Gianluca Castaldi (M5S): la proposta è in attesa di essere incardinata. Speriamo – conclude la senatrice – possa arrivare presto ad un’approvazione».

Articoli correlati
Esposti all’amianto, Bonanni (Ona): «Disporre sorveglianza sanitaria e prepensionamento per i lavoratori ex Alitalia»
Il presidente dell’Osservatorio nazionale amianto: «Secondo le stime, fino al 1992 sono stati circa 3 milioni i lavoratori esposti all’amianto a diverse intensità. Sono 600 mila, invece, coloro che consapevoli dei propri diritti hanno presentato domanda all’Inail e all’Inps per ricevere l’accredito delle maggiorazioni»
di Isabella Faggiano
A 29 anni dalla Legge 257/92, si muore ancora di amianto
Secondo recenti stime, ci sono 32 milioni di tonnellate di amianto che minacciano il territorio nazionale, 38 mila siti a rischio e circa un miliardo di metri quadrati di coperture in eternit sui tetti di case, scuole e fabbriche. Per sostenere gli esposti all’asbesto l’ANMIL istituisce la Commissione Amianto
di Isabella Faggiano
Sportello amianto nazionale, nasce il sito per tutelare i cittadini
«Siamo pronti per offrire ai cittadini uno strumento in grado di capire se vivono una situazione di pericolo» spiega il presidente dello Sportello Amianto Nazionale
Terra dei fuochi, lo studio ISS certifica l’importanza della Rete dei registri tumori. Ma dopo due anni la legge è ancora senza decreti attuativi
Dopo decenni, l’iniziativa della Procura di Napoli in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità ha chiarito con certezza che laddove ci sono più siti inquinanti aumentano patologie come tumori, asma e malformazioni congenite. Castellone (M5S): «Presentata interrogazione per sollecitare il Ministero della Salute». L’oncologo Giordano: «Investire in bonifiche, programmi di prevenzione e di assistenza»
Covid, Sima e OMCeOMI: «Incentivare DAD per ridurre i contagi»
Da Alessandro Miani (Sima) e Roberto Carlo Rossi (OMCeOMi) arriva la richiesta di ampliare la Dad per ridurre i contagi tra i più giovani, evitando il sovraccarico delle risorse ospedaliere e di testing per tamponare tutte le classi con presenza di positivi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 ottobre, sono 244.073.373 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.954.951 i decessi. Ad oggi, oltre 6,83 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?