Politica 24 Giugno 2019

Amianto, Castellone (M5S): «Un’emergenza sanitaria, ambientale e sociale. Presentato nuovo Ddl»

Con il Registro Nazionale dei tumori e l’istituzione del referto epidemiologico nuovi strumenti per monitorare le varie forme tumorali legate all’esposizione ad asbesto. Il sottosegretario all’Ambiente Micillo: «Grazie alla collaborazione tra il pm Guariniello e il ministero, entro pochi mesi sarà attivata una task force incaricata di creare un sistema di smaltimento sicuro»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«L’amianto in Italia è ancora un’emergenza, non solo sanitaria, ma anche ambientale e sociale». Lo dice Maria Domenica Castellone, membro della Commissione Igiene e Sanità del Senato e lo confermano i dati. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, 125 milioni di persone nel mondo sono ancora esposte ai rischi dell’amianto per motivi lavorativi.

L’amianto, chiamato anche asbesto, negli anni passati ha rappresentato un’importante occasione di occupazione e sviluppo, tanto da essere stato definito il “miracoloso ritrovato tecnologico”. Successivamente si è poi rivelato molto nocivo per la salute umana. In Italia è stato messo al bando da 27 anni e, nonostante siano trascorsi quasi tre decenni, in molti continuano a “respirarlo”, mettendo a rischio la propria salute.

Si tratta di una vera e propria fibra killer: «L’esposizione ad amianto causa tumore polmonare (mesotelioma pleurico), laringeo e ovarico, oltre a condizioni di fibrosi polmonare – spiega Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima) – e si registra, in media, un morto ogni 20 tonnellate. Nel mondo, ogni anno, sono utilizzate 2 milioni di nuove tonnellate di amianto, in particolare, in Brasile, Canada, Russia e Cina, dove non è ancora stato messo al bando».

In Italia, il problema è, fortunatamente, sotto i riflettori sia del mondo scientifico che del Governo. «Sono molte le iniziative messe in campo durante la scorsa e l’attuale legislatura – sottolinea Maria Domenica Castellone -. Da qualche mese è stata approvata la legge che disciplina il Registro Nazionale dei tumori e l’istituzione del referto epidemiologico, una norma che ci permetterà finalmente di monitorare le varie forme tumorali legate all’esposizione ad asbesto, individuare aree a rischio e mettere in campo metodologie efficaci di prevenzione e assistenza».

LEGGI ANCHE: IL 28 APRILE E’ LA GIORNATA MONDIALE VITTIME AMIANTO: PICCO DI CASI DI MESOTELIOMA TRA IL 2019 E IL 2020

Il ministero dell’Ambiente ha in corso numerose attività, a partire dalla bonifica delle aree SIN (Siti di interesse nazionale) contaminate, alla mappatura e al monitoraggio su tutto il territorio nazionale, fino a diverse forme di finanziamento: «In Italia sono 96mila i siti sotto la lente d’ingrandimento del Ministero – aggiunge Salvatore Micillo, sottosegretario al ministero dell’Ambiente – . Tanti anche i finanziamenti per un totale di circa 30 milioni di euro, tra pubblico e privato, con detrazioni fino al 50% per le aziende che vogliono smaltire l’amianto. Inoltre, grazie alla collaborazione tra il pm Guariniello e il ministero dell’Ambiente entro pochi mesi sarà attivata una task force incaricata di creare un sistema di smaltimento sicuro, efficiente ed efficace».

L’amianto è presente in una grande varietà di materiali da costruzione, rappresentando quindi un’emergenza per la gestione dei rifiuti, ma si trova anche in natura: «È una fibra naturale presente in alcuni tipi di rocce, comunemente chiamate “rocce verdi”, abbastanza diffuse nella nostra Nazione – spiega Arcangelo Francesco Violo, segretario del consiglio nazionale dei Geologi -. Per questo è necessario mappare anche queste aree del Paese, e non solo quelle dove ci sono delle costruzioni potenzialmente a rischio, per verificarne l’effettiva presenza e, di conseguenza, mettere in campo strategie di prevenzione a tutela della salute di chi vive o lavora in quelle zone».

Intanto, anche l’impegno delle istituzioni continua: «È stata già depositata un’altra proposta di legge specifica per l’amianto – dice Castellone -, che permetterà pure di determinare tempi certi per le bonifiche ambientali. Il primo firmatario è il senatore Gianluca Castaldi (M5S): la proposta è in attesa di essere incardinata. Speriamo – conclude la senatrice – possa arrivare presto ad un’approvazione».

Articoli correlati
Commissione Sanità, salta elezione presidente: vertice manca da 92 giorni
Era tutto pronto per l’elezione del presidente della XII Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama quando è stato deciso il rinvio. Da agosto ad oggi si è riunita solo 12 volte
Disuguaglianze sanitarie, fuga dei cervelli e numero chiuso: medici italiani chiedono su The Lancet più ricerca in SSN
I suggerimenti dei ricercatori al Governo italiano dalle pagine della prestigiosa rivista scientifica. Tra i promotori medici di ISBEM, SIMA, SISPED, CNR e diverse Università
HIV, torna la speranza di un vaccino. Sileri (Vice Ministro Salute): «Sarebbe rivoluzione del secolo. Diagnosi precoce fondamentale»
A Roma convegno per fare il punto su diffusione, cura e prospettive della lotta all’HIV. Lazzarin (San Raffaele): «La prova dell’efficacia del nuovo vaccino la potremo avere solo a studio concluso. La complessità e variabilità dei processi di risposta immune innescati da HIV (linfociti B, linfociti T, cellule accessorie) nel singolo individuo lasciano purtroppo margini di imprevedibilità»
Sistema 118, pronta mozione per riformarlo. Castellone (M5S): «Piante organiche, incentivi e tecnologie per renderlo efficiente»
«Vogliamo che tutte le centrali operative siano dotate di geolocalizzazione» sottolinea la senatrice M5S. Parla il patrigno di Simon Gautier, escursionista francese morto in Cilento a seguito di una caduta e ritrovato dopo dieci giorni
Dal “British Medical Journal” l’appello per una nuova visione della medicina
Sono pediatri, epidemiologi e scienziati di fama gli autori dell’appello internazionale pubblicato lo scorso 7 novembre sulle pagine del “British Medical Journal” rivolto a medici e scienziati di tutto il mondo per invertire la rotta nella direzione della prevenzione primaria: smettere di “fare la conta” dei malati e fornire ai decisori, in tempo reale, le […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...