PNRR 25 Ottobre 2022 09:18

PNRR: ecco cosa prevede la Missione Salute

Gli obiettivi previsti, da realizzare entro il 2026, ruotano attorno a tre parole chiave: prossimità, innovazione e uguaglianza. Per raggiungerli sono stati stanziati 15,63 miliardi di euro, cifra che, grazie ad ulteriori fondi via via approvati supera i 20 miliardi. Gli interventi programmati sono indirizzati verso due specifiche aree: il territorio e l’ospedale

PNRR: ecco cosa prevede la Missione Salute

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) finanziato attraverso il programma dell’Unione europea “Next Generation Europe”, dedica un’intera Missione, la numero 6, alla Salute. Gli obiettivi previsti, tutti da realizzare entro il 2026, ruotano attorno a tre parole chiave: prossimità, innovazione e uguaglianza.

Da dove nasce l’idea di una Missione Salute

Perché il precedente governo ha deciso di dedicare una Missione ad hoc alla Salute?

Le ragioni possono essere riassunte in 4 punti chiave:

  • Adeguare il Sistema Sanitario Nazionale ai cambiamenti demografici ed alle nuove richieste di salute.
  • Garantire assistenza e cure uguali per tutti i cittadini italiani, eliminando le disparità geografiche, in particolare tra Nord e Sud.
  • Rendere più capillare ed efficiente la rete dell’assistenza primaria territoriale.
  • Sfruttare appieno le nuove tecnologie.

Le aree d’intervento

In concreto, questi interventi saranno indirizzati verso due specifiche aree: il territorio e l’ospedale. Ad ognuna è dedicata una componente. La numero 1 è dedicata alle reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale; la componente 2 ad innovazione, ricerca e digitalizzazione del servizio sanitario nazionale. A livello territoriale, è prevista la realizzazione di Case e Ospedali della Comunità, strutture vicine ai luoghi di vita delle persone, in cui medici, specialisti, professionisti sanitari e operatori sociali sono a disposizione dei cittadini. All’interno degli ospedali, invece, è prevista l’innovazione del parco tecnologico, la digitalizzazione del Servizio sanitario nazionale, con investimenti in ricerca e per la formazione del personale sanitario, al fine di ottenere una sanità più sicura, equa e sostenibile.

I fondi disponibili per la missione Salute del PNRR

Alla Missione Salute è stato dedicato l’8,16% delle risorse totali del PNRR, pari a 15,63 miliardi di euro, cifra che, grazie ad ulteriori fondi via via stanziati, supera i 20 miliardi. I finanziamenti, oltre ai 15,63 miliardi di euro del PNRR, sono così ripartiti:

  • 2,89 miliardi di euro derivano dal Piano Nazionale per gli Investimenti Complementari al PNRR (PNC).
  • 1,71 miliardi di euro provengono dal Pacchetto di Assistenza alla Ripresa per la Coesione e i Territori d’Europa(Recovery Assistence for Cohesion and the Territories of Europe – REACT-EU).
  • 625 milioni di euro, stanziati in collaborazione con il Ministero per la coesione territoriale, sono i fondi dell’Unione Europea per il Programma Nazionale – Equità nella Salute, il primo finanziato attraverso il programma di coesione dell’UE destinato a potenziare la salute in sette Regioni del Mezzogiorno.

A queste risorse va aggiunto il finanziamento pubblico del Servizio sanitario nazionale che per il 2022 è di 124 miliardi di euro, cifra che dovrebbe essere destinata a crescere negli anni successivi.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa