Voci della Sanità 17 Ottobre 2022 12:58

PNRR, specialistica ambulatoriale convenzionata e carenza specialisti: al via il Congresso Nazionale SUMAI Assoprof

Il 54° Congresso Nazionale del SUMAI Assoprof a Roma dal 18 al 20 ottobre presso l’Hotel Villa Pamphili. Una tre giorni di confronti, tavole rotonde, Ecm e talk a cui parteciperanno oltre 350 iscritti, politici, rappresentanti delle Regioni, delle Professioni e dei Cittadini, Stakeholder

PNRR, specialistica ambulatoriale convenzionata e carenza specialisti: al via il Congresso Nazionale SUMAI Assoprof

A poche ore dall’inizio della diciannovesima Legislatura che di fatto ha dato il via al processo di formazione del nuovo Governo si svolgerà il 54° Congresso nazionale del SUMAI Assoprof. Si tratta del sindacato maggiormente rappresentativo degli specialisti ambulatoriali convenzionati interni che aprirà i suoi lavori domani, martedì 18 ottobre, a Roma presso Hotel Villa Pamphili, con la relazione del segretario generale del SUMAI Assoprof, Antonio Magi.

I temi del congresso SUMAI Assoprof

La rivendicazione del ruolo fondamentale dello specialista ambulatoriale in un’ottica di riforma della sanità territoriale, a maggior ragione ora che il Covid 19 si avvia da pandemico a diventare endemico, sarà il tema di questo Congresso.

Se la Missione 6 del Pnrr intende riformare le cure primarie attraverso la costituzione delle Case della Comunità e degli Ospedali di Comunità, entrambe finanziate con circa 2mld, a tutt’oggi non è ancora chiaro come queste strutture lavoreranno, poiché una delle criticità resta il nodo del personale. In sostanza da qui al 2026 se non si modificheranno i parametri del Pnrr, le Case della Comunità saranno realizzate ma queste non verranno attivate prima del 2027 in quanto oltre alla carenza delle figure indispensabili (medici specialisti ed infermieri) non è prevista la copertura agli oneri del personale sanitario.

Da qui il titolo del Congresso: Pnrr Missione 6, specialista dove sei? Che intende evidenziare ancora una volta la miopia di chi pensa di poter riordinare le cure primarie senza prevedere anche lo specialista ambulatoriale, figura essenziale nell’equipe multidisciplinare al pari del Medico di Medicina Generale, del Pediatra, dell’Infermiere del Farmacista e degli altri Professionisti sanitari. Nel corso dei lavori che si svolgeranno dal 18 al 20 ottobre,  si metterà a fuoco anche un’altra tematica che da anni infiamma il dibattito politico intorno alla sanità ovvero la carenza dei medici.

Magi presenta il libro “Medici specialisti, situazione al 2021-previsione al 2030”

 Mercoledì 19 ottobre verrà presentato il libro Medici specialisti, situazione al 2021-previsione al 2030 scritto dal segretario generale del SUMAI Assoprof, Antonio Magi. Un volume che si pregia della presentazione di Antonella Polimeni, Magnifica Rettrice dell’Università “La Sapienza” di Roma e della prefazione di Filippo Palumbo, già Capo Dipartimento della Programmazione sanitaria del Ministero della salute.

Il volume, uno studio realizzato partendo dall’analisi di dati forniti da Enti ed Istituzioni nazionali ed internazionali, è una fotografia quanto mai attuale che attraverso i numeri e l’utilizzo di decine tra grafici e tabelle illustra lo scenario nazionale lavorativo medico-sanitario del nostro Paese diviso per età, provincia, genere e specialità. Una fotografia che partendo dalla situazione attuale arriva a sviluppare una previsione del fabbisogno medico e specialistico nel 2030.

Fare salute

Altro momento centrale dei lavori sarà la presentazione di “Fare Salute” associazione tra il SUMAI Assoprof e l’Università Cattolica del Sacro Cuore. L’obiettivo, attraverso Altems (Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari), è avviare una collaborazione istituzionale, al fine di implementare i propri ambiti funzionali, finalizzata al conseguimento della missione dei due enti con l’obiettivo di realizzare una «Academy della Professione Medica Specialistica» che promuova attività di formazione continua dei medici appartenenti al SUMAI Assoprof negli ambiti della sanità pubblica, del management, dell’economia e della politica sanitaria, lo sviluppo di un programma di attività di ricerca, studio ed approfondimento e l’avvio di attività di comunicazione, eventi ed iniziative editoriali (anche grazie alle nuove tecnologie digitali) a supporto della valorizzazione dei risultati degli studi e che possano innalzare il livello di awarness degli interlocutori istituzionali e del grande pubblico verso il Sindacato stesso ed ALTEMS.

Durante la cerimonia di inaugurazione sono previsti, tra gli altri, gli interventi del Ministro della salute, Roberto Speranza, del Coordinatore della Commissione Salute delle Regioni, Raffaele Donini, dell’Assessore alla Salute della regione Lazio, Alessio D’Amato, dell’assessore alla Salute della regione Umbria, Luca Coletto, del direttore generale dell’Agenas, Domenico Mantoan, del Coordinatore della Sisac, Marco Luca Caroli e del Presidente della Fnomceo, Filippo Anelli. I lavori saranno trasmessi in diretta sul canale YouTube SUMAI Assoprof

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...