PNRR 23 Gennaio 2023 16:45

Nuove pandemie: con il PNRR ci si prepara ad affrontarle

L’ente nazionale di ricerca Area Science Park si è aggiudicata 41 milioni di euro messi a disposizione dal PNRR. Tra i progetti da realizzare un’infrastruttura, altamente specializzata, che metterà in rete i laboratori già esistenti e una camera di biocontenimento di massima sicurezza per studiare i virus e manipolarli al fine di renderli inoffensivi

Nuove pandemie: con il PNRR ci si prepara ad affrontarle

E se dovesse arrivare una nuova pandemia? Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ci prepara ad affrontarla. Secondo l’Oms, presto potrebbero svilupparsi nuove pandemie, pericolose per uomini, animali e piante. Per far fronte a queste previsioni, e soprattutto per evitare che il SSN possa rivivere nuovamente le difficoltà emerse durate la pandemia da Covid-19, l’ente nazionale di ricerca Area Science Park, che si aggiudicata i fondi messi a disposizione dal PNRR in questo ambito – 41 milioni di euro – realizzerà un ambizioso progetto.

I laboratori d’Italia in rete

È prevista la creazione di un’infrastruttura, altamente specializzata e unica nel suo genere, che metterà in rete i laboratori già esistenti, potenziandoli per garantire unicità di servizi a ricerca e sistema imprenditoriali. Il 60% dei 41 milioni di euro finanziati sarà destinato ai campus di Padriciano e Basovizza. Il restante 40% andrà ai partner storici di Area Science Park: le università di Salerno, del Salento e, Federico II, con cui sono state già avviate sperimentazioni e collaborazioni anche in passato.

Una camera di biocontenimento per rendere inoffensivi i virus

Il progetto della durata di 30 mesi prevede la realizzazione, Sul Carso, dove si trova Area Science Park, di una nuova camera di biocontenimento di massima sicurezza in cui i ricercatori potranno studiare i virus e manipolarli al fin e di renderli inoffensivi. Poi, nei laboratori, all’interno dei quali saranno installate nuove apparecchiature acquistate sempre con i fondi del PNRR, saranno sequenziati ed analizzati. Al Sud Italia, invece, sarà implementato l’importante e complementare laboratorio di spettrometria di massa che studia gli aggregati dei virus. Si tratta di studi su larga scala che permetteranno di approfondire aspetti dell’interazione virus-organismo umano.
 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...