Pazienti 3 Maggio 2017

Salute del cuore: se la bolletta è troppo alta… respira!

Quando ricevi una bolletta troppo salata, hai problemi in famiglia o qualcuno ti fa arrabbiare in maniera troppo, ti esce il fumo dalle orecchie come succede ai personaggi dei cartoni animati? Ognuno risponde e reagisce allo stress in modo diverso. La risposta allo stress può comportare una vasta gamma di problemi di salute e questo […]


Quando ricevi una bolletta troppo salata, hai problemi in famiglia o qualcuno ti fa arrabbiare in maniera troppo, ti esce il fumo dalle orecchie come succede ai personaggi dei cartoni animati?

Ognuno risponde e reagisce allo stress in modo diverso. La risposta allo stress può comportare una vasta gamma di problemi di salute e questo è il motivo per cui è fondamentale sapere che cosa si può fare al riguardo.

Quando siamo sottoposti a stress eccessivo, può succedere di tutto alla nostra salute, dall’ipertensione arteriosa all’asma, dalle ulcere gastriche alla sindrome dell’intestino irritabile” – ha sottolineato il dr. Ernesto L. Schiffrin, professore e vice presidente della ricerca per il Dipartimento di Medicina presso la McGill University di Montreal.

Che relazione c’è tra lo stress e la salute del cuore?

Nonostante siano necessarie ulteriori ricerche per determinare quale sia il rapporto tra malattie cardiache, nervosismo e tensione, è risaputo che lo stress può causare malattie del cuore, insieme ad altri fattori di rischio quali:

  • Ipertensione arteriosa
  • Ipercolesterolemia
  • Fumo e alcol
  • Inattività fisica
  • Eccesso di cibo

In alcuni casi diventa un circolo vizioso, bere troppo alcol o fumare troppe sigarette sono comportamenti che servono a “gestire” lo stress cronico; tuttavia, queste abitudini possono determinare un aumento della pressione sanguigna e danneggiare le pareti delle arterie.

Quali sono gli atteggiamenti tipici delle persone stressate?

I soggetti stressati tendono a mangiare troppo e molto velocemente per calmarsi, bevono alcolici o fumano, lavorano troppo, dormono poco, dormono troppo o fanno entrambe le cose, sono iperattivi.

Come risponde il corpo allo stress?

La risposta fisica allo stress può essere diversa e può includere:

  • Mal di testa
  • Dolori di schiena
  • Mal di stomaco
  • Insonnia
  • Calo di energie
  • Irritabilità

Una situazione stressante innesca una catena di eventi. Il corpo rilascia adrenalina, un ormone che provoca accelerazione temporanea della respirazione e della frequenza cardiaca, reazioni utili ad affrontare una situazione di pericolo.

Quando lo stress è costante, il corpo rimane in allerta stabilmente e si trova ad affrontare un eccessivo rilascio di ormoni, come l’adrenalina, con le conseguenze che ne derivano. Anche se il legame tra stress e malattie cardiache non è ancora chiaro; lo stress cronico può indurre alcune persone a bere troppo alcol e questo, a sua volta, può fare aumentare la pressione sanguigna e può danneggiare le pareti delle arterie.

Gestire lo stress può prevenire le malattie cardiache?

La gestione dello stress è una buona idea per la salute generale, ma i ricercatori stanno attualmente studiando se la gestione dello stress è effettivamente efficace per la prevenzione delle malattie cardiache.

Gli studi che utilizzano terapie psicosociali sono promettenti nella prevenzione degli attacchi di cuore. Dopo un attacco di cuore o un ictus, i soggetti depressi, ansiosi o sopraffatti dallo stress dovrebbero parlarne con il loro medico.

Cosa si può fare per ridurre lo stress?

Fare esercizio fisico, mantenere un atteggiamento positivo, passeggiare tra la natura, non fumare, non bere troppo caffè, seguire una dieta sana e mantenere un peso sano, sono buoni modi per affrontare lo stressI” – ha suggerito Schiffrin, ricercatore alla Institute for Medical Research del Canada.

Le medicine sono utili per affrontare moltissimi problemi di salute ma, solitamente, non per gestire lo stress.

Diverse persone prendono tranquillanti per calmarsi subito, ma sarebbe molto meglio imparare a gestire lo stress attraverso comportamenti e nuovi stili di vita. Bisogna, inoltre, fare attenzione a non confondere lo stress con l’ansia, quest’ultima può essere controllata con farmaci, invece lo stress prevede un piano di trattamento basato sulla gestione delle relazioni familiari, dei rapporti di lavoro, dei problemi di qualsiasi genere.

Parlare con uno psicologo potrebbe aiutare a imparare a gestire le condizioni di stress cronico e non.

Articoli correlati
Giovani e disturbo post-traumatico da pandemia, Starace: «Gli ostacoli si possono affrontare e superare. Ecco come»
Ansia, preoccupazione e irritazione. I mesi di lockdown hanno impattato sulla vita di bambini e adolescenti. Come tornare a una pseudonormalità? «Parlarne, concretizzare gli elementi che determinano i disturbi e ricreare una routine definendo priorità e precisi spazi per ciascuna attività, anche fisica». Così lo psichiatra Fabrizio Starace
Maturità 2020, lo psicoterapeuta: «Livelli di ansia molto superiori agli anni scorsi». Insicuro il 95% degli studenti
Incerti sulle modalità di esame e preoccupati per il futuro. I maturandi del 2020 subiscono l'effetto pandemia e guardano all'ultima prova pieni di stress e angoscia. I risultati dell'indagine dell'Associazione Nazionale Di.Te.
Indossare la mascherina causa senso di soffocamento o mal di testa? Ferro (SItI): «Sono reazioni psicologiche»
Il vicepresidente della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica: «Solo in due casi può creare degli squilibri alla capacità di ossigenare il sangue: durante l’attività fisica e in quei soggetti che soffrono di asma o altre particolari patologie»
di Isabella Faggiano
Settimana della tiroide, Toscano (AME): «È legata allo stress e condiziona la fertilità»
Si celebra, quest’anno, dal 25 al 31 maggio. Vincenzo Toscano (Past President dell'Associazione Medici Endocrinologi) «La gestione dello stress è importante per la salute della tiroide. Dobbiamo tornare a sensibilizzare le persone sulle patologie tiroidee»
Coronavirus, Kangaroo Mother Care indispensabile per i neonati
Anche durante l’emergenza Covid-19 la Società Italiana di Neonatologia (SIN) sostiene la vicinanza dei genitori ai neonati prematuri in TIN: «La separazione precoce dal genitore rappresenta uno stress per il bambino. La KMC continua ad essere un aspetto unico dell'assistenza in grado di migliorare gli esiti e ridurre la durata del ricovero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli