Pazienti 5 Aprile 2017

Le sostanze più pericolose per la salute sui luoghi di lavoro

Quando parliamo di rischio ci riferiamo alla probabilità da parte di un individuo di subire un danno. Tutti i luoghi di lavoro sottopongono i dipendenti al potenziale rischio d’incidenti di qualsiasi genere, anche in relazione al luogo di lavoro e alle sostanze utilizzate durante le diverse attività. Considerando una minima percentuale dovuta al caso, umanamente […]


Quando parliamo di rischio ci riferiamo alla probabilità da parte di un individuo di subire un danno. Tutti i luoghi di lavoro sottopongono i dipendenti al potenziale rischio d’incidenti di qualsiasi genere, anche in relazione al luogo di lavoro e alle sostanze utilizzate durante le diverse attività.

Considerando una minima percentuale dovuta al caso, umanamente il rischio non può essere azzerato ma può (e deve) essere ridotto al minimo indispensabile. Tra le sostanze che mettono a repentaglio la salute dei lavoratori, le sostanze chimiche, presenti negli ambiti più vari, occupano un posto preponderante.

Come vengono gestite le sostanze chimiche dalla legislazione in vigore?

In quasi tutti gli ambienti di lavoro sono presenti sostanze pericolose, liquidi, gas, polveri, fumi o sostanze solide che mettono in pericolo la sicurezza dei lavoratori. In Europa, milioni di lavoratori entrano in contatto con agenti chimici o biologici che possono essere nocivi.

L’uso di alcune sostanze altamente pericolose è ormai vietato, tra queste sostanze troviamo l’amianto, responsabile del cancro ai polmoni e altre malattie respiratorie letali come l’asbestosi. Questo non significa che non si faccia ancora uso di altre sostanze ugualmente pericolose, per questo motivo è stata adottata una legislazione per la gestione dei rischi correlati.

Nel D.Lgs 81/2008 si pone attenzione alla protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori che, durante la loro attività lavorativa, vengono a contatto (attraverso produzione, manipolazione, immagazzinamento, trasporto e smaltimento) con agenti chimici nocivi per la salute.

La definizione di “agenti chimici” data nell’art. 222 del decreto è la seguente:

tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato naturale o ottenuti, utilizzati o smaltiti, compreso lo smaltimento come rifiuti, mediante qualsiasi attività lavorativa, siano essi prodotti intenzionalmente o no e siano immessi o no sul mercato”.

Dove vengono elencate le sostanze chimiche pericolose?

Ecco un elenco delle sostanze chimiche pericolose per la salute:

  1. a) le sostanze ritenute pericolose ai sensi del D. Lgs. n° 52 del 3 febbraio 1997, compresi gli agenti considerati da questo decreto come sostanze pericolose, ma con esclusione delle sostanze pericolose solo per l’ambiente;
  2. b) i preparati pericolosi ai sensi del D. Lgs. n° 65 del 14 marzo 2003 e gli agenti chimici che in base a questa normativa sono ritenuti preparati pericolosi, con esclusione dei preparati pericolosi solo per l’ambiente;
  3. c) gli agenti chimici non idonei a essere considerati pericolosi dalle lettere a) e b), ma che possono costituire un rischio per la sicurezza e la salute dei lavoratori a causa di loro proprietà chimico-fisiche, chimiche o tossicologiche e del modo in cui sono utilizzati o presenti sul luogo di lavoro, compresi gli agenti chimici cui è stato assegnato un valore limite di esposizione professionale.

Quali sono i doveri del datore di lavoro?

E’ dovere del datore di lavoro effettuare la valutazione dei rischi, indicando la possibile presenza di sostanze chimiche pericolose presenti nella propria azienda e stabilendo quali sono i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori derivati da queste sostanze.

Il datore di lavoro deve, inoltre, illustrare quali sono le misure adottate per la tutela del lavoratore. Il documento relativo alla valutazione dei rischi deve essere aggiornato periodicamente.

Tutte le misure di protezione e prevenzione devono avere l’obiettivo di eliminare o ridurre i pericoli attraverso la sostituzione delle sostanze, o delle strumentazioni, nocive con altre innocue o meno dannose per la salute dei lavoratori. Il datore di lavoro ha la responsabilità degli strumenti forniti ai dipendenti, i quali hanno il diritto di manipolare macchinari e dispositivi sicuri, non obsoleti, non usurati e con la dovuta manutenzione periodica.

Infine, è un dovere del datore di lavoro, l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale e collettiva organizzando dei piani formativi per i dipendenti, tramite i quali imparare a usare questi dispositivi, soprattutto in caso di reale necessità e pericolo.

Quali sono i rischi per la salute?

I disturbi che possono causare le sostanze chimiche pericolose vanno da lievi irritazioni a occhi e pelle a gravissime ripercussioni sulla salute, dai difetti congeniti al cancro. Gli effetti possono essere a breve termine (acuti) o a lungo termine. Alcune sostanze possono avere un effetto cumulativo.

Tra i pericoli più comuni ci sono:

  • Avvelenamento
  • Allergie
  • Patologie della pelle
  • Patologie respiratorie
  • Tumori
  • Problemi di riproduzione e difetti congeniti

Agenti biologici pericolosi sui luoghi di lavoro

Gli agenti biologici pericolosi per i lavoratori sono in genere microrganismi quali batteri, virus, funghi e parassiti. Alcuni settori, più di altri, mettono a rischio biologico la salute dei lavoratori, questi settori sono:

  • Sanità
  • Lavoro di laboratorio
  • Veterinaria
  • Agricoltura
  • Giardinaggio
  • Pulizia e manutenzione
  • Gestione di acque reflue e rifiuti

Il rischio biologico nei luoghi di lavoro è la probabilità che gli agenti biologici possano arrecare danni ai lavoratori. Per poter mettere in atto efficaci misure di prevenzione è indispensabile che l’operatore conosca quali sono gli agenti biologici con cui potrebbe venire a contatto nel proprio ambiente di lavoro. L’art.36 del D.Legs. 81/2008 sancisce che il datore di lavoro provveda ad informare adeguatamente i propri dipendenti sui rischi biologici dovuti agli agenti biologici utilizzati. Deve inoltre fornire ai lavoratori informazioni sul corretto impiego degli indumenti protettivi e dei dispositivi di protezione individuale.

Articoli correlati
Amianto, Castellone (M5S): «Un’emergenza sanitaria, ambientale e sociale. Presentato nuovo Ddl»
Con il Registro Nazionale dei tumori e l’istituzione del referto epidemiologico nuovi strumenti per monitorare le varie forme tumorali legate all’esposizione ad asbesto. Il sottosegretario all’Ambiente Micillo: «Grazie alla collaborazione tra il pm Guariniello e il ministero, entro pochi mesi sarà attivata una task force incaricata di creare un sistema di smaltimento sicuro»
di Isabella Faggiano
Lotta alle Leucemie, la giornata nazionale celebra la ricerca scientifica: «Sviluppati farmaci innovativi»
A parlare è il presidente nazionale Ail, Sergio Amadori: «L’obiettivo di tutti noi è quello di riuscire a guarire tutti i tumori del sangue». Durante la giornata sarà attivo il numero verde per entrare in contatto con illustri ematologi italiani
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»
Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virgili: «Il tecnico di laboratorio è sempre più un gestore di tecnologia oltre che di tecnica, mentre prima si basava su metodiche da banco. Figure professionali come biostatistici e i bioinformatici saranno quelle che affiancheranno medici e tecnici del prossimo futuro»
“Apolide”, l’amicizia tra un oncologo e un migrante diventa un cortometraggio
Presentato in apertura degli Stati generali della professione medica di FNOMCeO, il cortometraggio racconta il legame di amicizia instaurato tra il dottor Gallera e Dabo, un migrante nato in Guinea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano