Voci della Sanità 27 Settembre 2021 15:49

Vaccini, Simedet-Unid: «Ripercorrere la storia dell’Immunologia per capirne l’importanza»

L’argomento è stato al centro dell’incontro “La vaccinazione: strumento culturale di prevenzione e cura. Come l’Immunologia ha cambiato la Medicina” organizzato dalla Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica

La Simedet (Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica), Società scientifica riconosciuta a livello nazionale, che include varie componenti della realtà sanitaria italiana, si è impegnata sin dalla sua costituzione nel 2017 a lavorare per la formazione e l’aggiornamento nel campo delle Professioni Sanitarie, vivendo “in diretta”, grazie al contributo professionale dei suoi afferenti, la lotta contro il virus Sars-CoV-2. La sfida della pandemia è stata un’occasione unica, sotto il profilo scientifico e assistenziale, per dimostrare come l’unità di un approccio multidisciplinare e multiprofessionale sia l’unico sistema possibile per ottenere il controllo di un’emergenza epocale.

Tra le iniziative più recenti della società si ricorda la pubblicazione di una “Guida Pratica al Covid 19 per le professioni sanitarie”, numero speciale dell’organo ufficiale della SIMEDET, l’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine. L’iniziativa ha avuto il  gradito plauso del Ministro della Sanità Roberto Speranza, che nella prefazione ha scritto “Oggi più che mai è importante condividere le buone pratiche e le conoscenze apprese sul campo, nella pratica clinica, assistenziale e tecnico-diagnostica, come fa questo Quaderno”.

Proseguendo le varie attività di comunicazione e formazione si è scelto, nell’incontro del 25 settembre 2021, di trattare un argomento cruciale: il tema della vaccinazione. Sono ben noti i problemi che a livello organizzativo e gestionale ha comportato attuare il trattamento vaccinale di milioni di persone. Consapevole del successo ottenuto dalla ricerca scientifica e della complessità delle reazioni che sono emerse di fronte all’impiego dei vaccini, la Simedet ha proposto un incontro con un titolo non strettamente correlato al vaccino anti SARS-CoV-2: “La vaccinazione: strumento culturale di prevenzione e cura. Come l’Immunologia ha cambiato la Medicina”.

Il motivo è semplice: esporre la storia e la fatica della ricerca che hanno consentito la realizzazione dei vaccini, di tutti i vaccini, nel contesto dei progressi dell’Immunologia, disciplina di base che ha in gran parte trasformato la Medicina nel XX secolo, consentendo un’evoluzione in campo diagnostico, preventivo e terapeutico. L’Immunologia Clinica è il risultato di questa entusiasmante impresa collettiva, che si può sintetizzare in un’efficace espressione in lingua inglese: from bench to bedside, ma anche…from bedside to bench. L’incontro si è svolto presso la Sala Convegni della Casa dell’Aviatore e ha visto la partecipazione del Prof. Giuseppe Luzi, Immunologo clinico e responsabile scientifico della rivista Simedet, di Nico Tomassi della UNID, di Manuel Monti Vice-Presidente Nazionale della Simedet e dell’On.le Beatrice Lorenzin e dei rappresentanti delle Commissioni d’albo dell’Ordine TSRM e PSTRP di Roma.

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale