Voci della Sanità 8 Novembre 2019 12:29

UNID, Domenico Tomassi nuovo presidente. Lotta all’abusivismo e aggiornamento professionale tra le priorità

Le votazioni si sono svolte nel corso dell’ultimo Congresso dell’Unione Nazionale igienisti dentali. Cambia anche il direttivo: vicepresidente è Stefania Piscicelli. «Sarà fondamentale il contributo di tutti i colleghi, soci e non, per poter crescere insieme ed ottenere importanti traguardi» sottolinea Domenico Tomassi

Domenico Tomassi è il nuovo Presidente dell’U.N.I.D., l’Unione Nazionale Igienisti Dentali, che da anni rappresenta e tutela la figura professionale dell’Igienista Dentale. Il Presidente Tomassi è stato eletto in occasione del XVIII Congresso Nazionale che si è svolto a Roma venerdì 18 e sabato 19 ottobre.

Totalmente rinnovato il direttivo così come gli incarichi fiduciari che affiancheranno il lavoro del Presidente: la vicepresidenza è stata affidata a Stefania Piscicelli, già attiva nel ruolo di portavoce della categoria, mentre Ambra Pelliccia coprirà l’incarico di tesoriere; infine Sandro Sestito si impegnerà come segretario nazionale. A completare il Direttivo Nazionale i tre consiglieri Elisa Da Ros, Igor De Pasquale e Marco Miceli.

«Sono orgoglioso di poter rappresentare UNID – ha commentato il presidente Domenico Tomassi – una realtà associativa in continua crescita che negli ultimi anni si è dimostrata un importante punto di riferimento per la categoria degli Igienisti Dentali».

LEGGI ANCHE: IGIENISTI DENTALI, UNID A CONGRESSO. IL NUOVO PRESIDENTE TOMASSI: «DIMOSTREREMO QUALITÀ E PREPARAZIONE. TUTELA PROFESSIONE AL PRIMO POSTO»

«Ringrazio il Presidente uscente Maurizio Luperini che per sei anni ha ben guidato la nostra Associazione con impegno e abnegazione – continua Tomassi – siamo certi che il suo aiuto sarà prezioso al nuovo direttivo, il quale opererà in continuità con il precedente. Continueremo a batterci per l’inserimento della nostra figura professionale all’interno del Sistema Sanitario Nazionale al fine di garantire al cittadino adeguate terapie senza dover ricorrere obbligatoriamente a strutture private».

Il nuovo direttivo UNID sarà in carica per i prossimi tre anni, durante i quali, in qualità di associazione tecnico scientifica, si opererà per garantire il continuo aggiornamento formativo e scientifico degli iscritti attraverso corsi, convegni e la divulgazione delle principali informazioni riguardanti l’evoluzione giuridica della professione, partecipando attivamente ai tavoli tecnici per l’elaborazione delle linee guida. Particolare attenzione verrà prestata alla lotta all’abusivismo, anche attraverso il controllo delle liste ad esaurimento degli elenchi speciali per garantire ai fruitori dei servizi sanitari professionalità e sicurezza delle prestazioni.

Un altro obiettivo del nuovo direttivo è quello di puntare su una comunicazione di qualità, rinnovata ed al passo con i tempi, in grado di far sentire tutti i colleghi coinvolti nel contribuire alla crescita della nostra professione utilizzando i mezzi social e non solo per poter giungere rapidamente e con efficacia ad ogni singolo professionista della categoria.

«So di poter parlare a nome di tutto il Direttivo, quando affermo che siamo onorati di poter ricoprire questo importante ruolo – conclude il Presidente Tomassi – sarà fondamentale il contributo di tutti i colleghi, soci e non, per poter crescere insieme ed ottenere importanti traguardi. Siamo sempre più convinti che l’Unione continuerà ad essere la nostra forza».

Articoli correlati
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
Una cattiva igiene orale mette a rischio la salute cognitiva
Un nuovo studio ha individuato la correlazione tra cattiva salute orale e decadimento cognitivo, Cittone (igienista dentale): «La presenza di periodontite conclamata, perdita di uno o più denti, tasche gengivali profonde e perdita di osso alveolare si sono rivelati associati ad una peggiore salute cognitiva, con un rischio 1,5 volte superiore rispetto a coloro che godono di una buona salute orale».
Igienisti dentali, Spring Meeting AIDI: «Approccio alla disabilità attraverso la salute orale»
Abbinante (AIDI): «L’igiene orale professionale nelle persone diversamente abili non è diversa da quella delle persone normodotate. Quello che cambia sono gli approcci e le tecniche di comunicazione e desensibilizzazione che si usano con la consapevolezza che ogni paziente ha una storia a sé»
Igienisti dentali, a Udine il congresso regionale FVG – Veneto dell’UNID: «Garantire prevenzione e salute a 360 gradi»
Sabato 26 marzo si è svolto a Udine il Congresso U.N.I.D. Friuli Venezia Giulia – Veneto dedicato al tema  “Focus on professional comunication in dentistry: maintenance of oral health is possible?”. «Finalmente – si legge nella nota Unid – dopo questo lungo periodo di incertezza e di dispersione a causa della pandemia Covid 19 che […]
Malattie trasmissibili, i diversi ruoli dell’Igienista dentale  
L’argomento è stato oggetto di un convegno organizzato da UNID (Unione Nazionale Igienisti Dentali) a Roma. Ribadito il prezioso contributo della figura professionale nel promuovere salute partendo dalla prevenzione delle patologie del cavo orale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...