Voci della Sanità 8 Novembre 2019 12:29

UNID, Domenico Tomassi nuovo presidente. Lotta all’abusivismo e aggiornamento professionale tra le priorità

Le votazioni si sono svolte nel corso dell’ultimo Congresso dell’Unione Nazionale igienisti dentali. Cambia anche il direttivo: vicepresidente è Stefania Piscicelli. «Sarà fondamentale il contributo di tutti i colleghi, soci e non, per poter crescere insieme ed ottenere importanti traguardi» sottolinea Domenico Tomassi

Domenico Tomassi è il nuovo Presidente dell’U.N.I.D., l’Unione Nazionale Igienisti Dentali, che da anni rappresenta e tutela la figura professionale dell’Igienista Dentale. Il Presidente Tomassi è stato eletto in occasione del XVIII Congresso Nazionale che si è svolto a Roma venerdì 18 e sabato 19 ottobre.

Totalmente rinnovato il direttivo così come gli incarichi fiduciari che affiancheranno il lavoro del Presidente: la vicepresidenza è stata affidata a Stefania Piscicelli, già attiva nel ruolo di portavoce della categoria, mentre Ambra Pelliccia coprirà l’incarico di tesoriere; infine Sandro Sestito si impegnerà come segretario nazionale. A completare il Direttivo Nazionale i tre consiglieri Elisa Da Ros, Igor De Pasquale e Marco Miceli.

«Sono orgoglioso di poter rappresentare UNID – ha commentato il presidente Domenico Tomassi – una realtà associativa in continua crescita che negli ultimi anni si è dimostrata un importante punto di riferimento per la categoria degli Igienisti Dentali».

LEGGI ANCHE: IGIENISTI DENTALI, UNID A CONGRESSO. IL NUOVO PRESIDENTE TOMASSI: «DIMOSTREREMO QUALITÀ E PREPARAZIONE. TUTELA PROFESSIONE AL PRIMO POSTO»

«Ringrazio il Presidente uscente Maurizio Luperini che per sei anni ha ben guidato la nostra Associazione con impegno e abnegazione – continua Tomassi – siamo certi che il suo aiuto sarà prezioso al nuovo direttivo, il quale opererà in continuità con il precedente. Continueremo a batterci per l’inserimento della nostra figura professionale all’interno del Sistema Sanitario Nazionale al fine di garantire al cittadino adeguate terapie senza dover ricorrere obbligatoriamente a strutture private».

Il nuovo direttivo UNID sarà in carica per i prossimi tre anni, durante i quali, in qualità di associazione tecnico scientifica, si opererà per garantire il continuo aggiornamento formativo e scientifico degli iscritti attraverso corsi, convegni e la divulgazione delle principali informazioni riguardanti l’evoluzione giuridica della professione, partecipando attivamente ai tavoli tecnici per l’elaborazione delle linee guida. Particolare attenzione verrà prestata alla lotta all’abusivismo, anche attraverso il controllo delle liste ad esaurimento degli elenchi speciali per garantire ai fruitori dei servizi sanitari professionalità e sicurezza delle prestazioni.

Un altro obiettivo del nuovo direttivo è quello di puntare su una comunicazione di qualità, rinnovata ed al passo con i tempi, in grado di far sentire tutti i colleghi coinvolti nel contribuire alla crescita della nostra professione utilizzando i mezzi social e non solo per poter giungere rapidamente e con efficacia ad ogni singolo professionista della categoria.

«So di poter parlare a nome di tutto il Direttivo, quando affermo che siamo onorati di poter ricoprire questo importante ruolo – conclude il Presidente Tomassi – sarà fondamentale il contributo di tutti i colleghi, soci e non, per poter crescere insieme ed ottenere importanti traguardi. Siamo sempre più convinti che l’Unione continuerà ad essere la nostra forza».

Articoli correlati
Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»
Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»
di Isabella Faggiano
Covid-19, UNID Lazio: «Ecco i volti degli Igienisti dentali, operatori sanitari dimenticati dal piano vaccinale della regione»
«Riteniamo doveroso e giusto essere considerati come operatori ad alto rischio quindi in diritto di essere vaccinati al più presto» si legge in una nota dell'Unione Nazionale Igienisti Dentali del Lazio
Covid-19, la denuncia degli Igienisti dentali di Roma: «Docenti e amministrativi vaccinati prima di noi»
«Gli Igienisti dentali e gli altri professionisti sanitari non sono stati ancora contattati dalle proprie Asl e sono ancora in preoccupante attesa. Alla luce di quest’ultimo dato, nasce l’esigenza di promuovere il più presto possibile un iter per una vaccinazione di massa della categoria» spiega in una nota la Commissione d'Albo degli igienisti dentali di Roma e provincia
Igienisti dentali, Abbinante (AIDI): «Siamo operatori ad altissimo rischio. Il vaccino anti-Covid sia garantito anche ai libero-professionisti»
«Molti studenti hanno scelto tesi per indagare l’effetto della pandemia sulla salute orale e sulle conseguenze che lo stress dell’emergenza ha avuto anche sul benessere degli igienisti dentali»
di Isabella Faggiano
Igienisti Dentali, il documento: «Responsabilità e autonomia sancite da norme». Di Marco: «Al lavoro con CAO per avviare tavolo di lavoro»
Dopo la sentenza del Consiglio di Stato, parla la Presidente della Commissione d’Albo nazionale Caterina Di Marco: «Abbiamo elaborato un documento di posizionamento sui principi della responsabilità, della professionalità e delle competenze dell’Igienista Dentale: un atto dovuto verso i nostri iscritti». Poi la richiesta: «Servono più Igienisti nel SSN, siamo ancora pochi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM