Voci della Sanità 18 Novembre 2019

Tumori al seno, diagnosi precoce e innovazione per obiettivo mortalità zero. Il seminario alla Link Campus University

“Fornire informazioni corrette, in merito ai percorsi diagnostici e clinici verso i quali le donne che fanno prevenzione devono essere indirizzate. Anche perché la prevenzione diagnostica di qualità permette di individuare tumori di piccole dimensioni e si basa sul l’impiego di apparecchiature innovative di ultima generazione e nuove metodiche di I e II livello”. Rossella […]

“Fornire informazioni corrette, in merito ai percorsi diagnostici e clinici verso i quali le donne che fanno prevenzione devono essere indirizzate. Anche perché la prevenzione diagnostica di qualità permette di individuare tumori di piccole dimensioni e si basa sul l’impiego di apparecchiature innovative di ultima generazione e nuove metodiche di I e II livello”.

Rossella Occhiato, responsabile scientifica del seminario Ecm “Innovazione in senologia: percorsi avanzati di prevenzione, diagnosi e cura”, ha riassunto così la mission del convegno organizzato da Artemisia Onlus, tenutosi in questi giorni a Roma presso l’Università degli Studi Link Campus University. Un focus ad ampio spettro sul tumore al seno – la neoplasia più frequente in assoluto nella popolazione femminile – sviluppatosi attraverso indicazioni, analisi, esperienze e prospettive future fornite da medici e accademici di primario livello (tra i quali i professor Giuseppe Petrella, Massimo Monti e Lucio Fortunato, e il dottor Francesco Pignataro), finalizzato al raggiungimento dell’obiettivo finale, ovvero la mortalità zero.

I dati di partenza. Il tumore al seno colpisce una donna ogni 8 nell’arco della vita. Si stima che nel 2018, in Italia, abbia colpito 52.800 donne e circa 500 uomini (per confronto, nel 2015 le stime indicavano, rispettivamente, 48 mila e 300). Il trend di incidenza tra il 2003 e il 2018 appare in leggero aumento (+0,3% per anno) mentre continua a calare, in maniera significativa, la mortalità (-0,8% per anno). L’aumento di incidenza è riferito in particolare alle donne di 45-49 anni, e potrebbe essere spiegato dall’ampliamento dello screening mammografico in alcune regioni che hanno coinvolto anche questa fascia di età (oltre a quella di 50-69 anni per cui storicamente è attivo lo screening).

Artemisia Onlus. “Abbiamo vissuto una giornata molto importante, a cui abbiamo dedicato un grande impegno organizzativo, dedicata a una patologia purtroppo molto diffusa tra le donne, che ne colpisca in media una su otto”, ha spiegato la dottoressa Mariastella Giorlandino, presidente di Artemisia Onlus. “Accelerare i tempi, in fatto di diagnosi e prevenzione, vuol dire salvare tantissime vite in più ed evitare di far vivere a tantissime donne questo immenso disagio”, ha rimarcato.

Lilt. Per Francesco Schittulli, presidente della Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt), “nonostante la crescente annuale incidenza del cancro della mammella (sono stimati 53.500 nuovi casi per il 2019) paradossalmente diminuisce la mortalità. Tant’è che oggi si registra una guaribilità del cancro al seno complessivamente superiore all’80%”. “Oggi – rimarca l’oncologo – si potrebbe raggiungere oltre il 95% se mettessimo in atto tutto ciò che è già a nostra portata di conoscenza: dall’informazione corretta, all’educazione sanitaria, dall’adesione alle campagne di screening, ai periodici controlli clinico-strumentali (visita specialistica senologica, ecografia, mammografia, RMM, mammografia con mezzo di contrasto). Alla diagnostica strumentale, sempre più raffinata, si aggiunge la disponibilità della cosiddetta medicina predittiva (test genetici, ect.)”. “L’impegno finale comune – conclude – è poter raggiungere prima possibile, superando le criticità tuttora evidenti per il tumore al seno, l’obiettivo: zero per mortalità di cancro mammario!”.

Articoli correlati
Crioablazione, e il tumore muore… di freddo. Come funziona l’innovativa tecnica mini-invasiva
Il professor Enrico Ragone dell'ospedale Monaldi di Napoli: «Scelta preferibile per quei pazienti che è sconsigliabile sottoporre ad anestesia generale o su cui è impossibile intervenire con la chirurgia tradizionale»
Sanità lombarda: Marco Trivelli punta su diagnosi precoce e dialogo tra medici del territorio e ospedalieri
La ricetta del manager cresciuto con Formigoni ciellino doc: «Tamponi per anticipare i focolai e continuità assistenziale per gestire pazienti covid e cronici»
di Federica Bosco
Emofilia: che cos’è, i sintomi, le terapie e tutti i numeri. Intervista all’esperta
La responsabile del Centro Emofilia di Cesena: «Non abbiamo ancora una cura definitiva. Le novità più interessanti arrivano dalle terapie che determinano un equilibrio coagulativo e possono essere somministrate a livello sottocutaneo»
Tumore al seno: EMA concede valutazione accelerata per Trastuzumab Deruxtecan
Il Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha concesso la valutazione accelerata per Trastuzumab deruxtecan, l’anticorpo monoclonale coniugato (ADC) anti-HER2 per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma mammario HER2 positivo non resecabile o metastatico che hanno ricevuto due o più precedenti regimi terapeutici anti-HER2. Lo riferisce l’azienda […]
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»