Voci della Sanità 1 Agosto 2019

Trapianti, Rostan (LeU): «Mancano decreti attuativi per donazione organi, interrogazione al ministro Grillo»

La vicepresidente della Commissione Affari Sociali sostiene la petizione di un gruppo di pazienti dell’ospedale Monaldi di Napoli, in lista di attesa per un trapianto di cuore, che hanno lanciato un appello pubblico che ha raccolto ben 70mila adesioni affinchè si proceda con la piena attuazione della legge 1° aprile 1999, n. 91

«Ho presentato un’interrogazione parlamentare al ministro della Salute, Giulia Grillo, affinchè si proceda con la massima celerità possibile all’emanazione dei decreti attuativi della legge 1° aprile 1999, n. 91, recante “Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e di tessuti“. A distanza di vent’anni dalla promulgazione, resta un vulnus che impedisce alla aziende sanitarie locali di effettuare la notifica ai propri assistiti della richiesta di dichiarare la propria libera volontà di donazione. Senza tale notifica il silenzio non è considerabile come assenso. Il risultato di questa condizione è che in Italia i pazienti in attesa di trapianti registrati al 31 dicembre 2018 sono 8.713 mentre sono quasi 4 milioni e mezzo le persone che hanno dato esplicitamente il loro consenso alla donazione di organi, grazie ai molti comuni nei quali è possibile dichiarare il consenso o il diniego a donare in occasione del rilascio o del rinnovo della propria carta d’identità. Se si fosse data esecuzione a quanto previsto dalla legge ci troveremmo ad avere una platea di donatori enormemente superiori, aumentando in modo esponenziale la possibilità di salvare vite umane». Lo ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan.

«Sostengo pienamente – prosegue la deputata di Liberi e Uguali – la petizione sul tema promossa da un gruppo di pazienti dell’ospedale Monaldi di Napoli, in lista di attesa per un trapianto di cuore, che hanno lanciato un appello pubblico che ha raccolto ben 70mila adesioni affinchè si proceda con la piena attuazione della legge. Attraverso la mia interrogazione ho inteso portare a conoscenza del ministro la difficile situazione che si vive in quell’ospedale e in tanti altri nosocomi del Paese. Gli italiani dimostrano di essere sempre più sensibili a questo tema. Bisogna offrire loro gli adeguati strumenti normativi per dare concretezza alla loro volontà. Bisogna fare presto, vent’anni di attesa non sono tollerabili quando in gioco ci sono vite umane».

Articoli correlati
Covid-19, Rostan (Italia Viva): «Su dpi gravi ritardi, servirà Commissione d’inchiesta. Ora creare big data sanitario per collegare eccellenze»
La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan chiede giustizia per i tanti operatori sanitari contagiati e deceduti a causa del virus: «Noi li chiamiamo eroi troppo superficialmente, semplicemente avrebbero voluto fare bene il loro lavoro. Dopo l’emergenza bisognerà capire cosa è successo». Poi elogia il governatore campano De Luca: «Linea di comando chiara ha aiutato»
Dl Rilancio, Rostan (Iv): «Basta giocare in difesa: ora piano shock per cantieri e sanità»
La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali promuove i fondi stanziati per la sanità ma ora auspica una strategia di rilancio: «Serve un programma serio di investimenti sulla ricerca, a sostegno della medicina del territorio oltre alla realizzazione di una rete che renda più facile il dialogo tra le numerose eccellenze di cui disponiamo»
Giornata dell’infermiere, Rostan (IV): «Garantire sicurezza e colmare vuoti in organico per ringraziarli»
«Ancora oggi - sottolinea la Vice Presidente della Commissione Affari Sociali - si registrano serie difficoltà nell’approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuale, in particolar modo per gli infermieri che lavorano presso strutture private»
Coronavirus, Rostan e Occhionero (Iv): «Sostegno psicologico sia garantito a tutti»
«In diverse regioni italiane il rapporto tra numero di psicologi impegnati nel servizio sanitario e potenziali richiedenti aiuto è assolutamente sproporzionato. Bisogna impiegare tutte le risorse possibili per colmare questo gap» sottolineano Michela Rostan e Giuseppina Occhionero, deputate di Italia Viva
Coronavirus, Rostan (Iv): «Serve piano anti speculazione con Iva agevolata e sgravi fiscali su mascherine, gel e barriere plexiglass»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali denuncia l’indiscriminato aumento dei prezzi dei dispositivi di protezione individuale: «Occorre la possibilità per le persone fisiche di detrarre dalle tasse i costi sostenuti per gli approvvigionamenti di questi materiali e credito d’imposta fino al 90% per i costi sostenuti da aziende e professionisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 maggio, sono 5.594.175 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 350.531 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...