Voci della Sanità 12 Novembre 2020 17:25

Test rapidi, Fnopo: «Contratti co.co.co. a studenti terzo anno dei corsi di laurea in ostetricia per supportare il territorio»

«Alla luce degli attuali gravissimi scenari epidemici da Sars-Cov-2 e per contrastare la carenza di personale sanitario in modo responsabile e consapevole, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO) ritiene che sia opportuno individuare tra le misure elaborate dalla Commissione Salute della Conferenza Stato Regioni una azione a “brevissimo termine”, ovvero attingere dagli […]

«Alla luce degli attuali gravissimi scenari epidemici da Sars-Cov-2 e per contrastare la carenza di personale sanitario in modo responsabile e consapevole, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO) ritiene che sia opportuno individuare tra le misure elaborate dalla Commissione Salute della Conferenza Stato Regioni una azione a “brevissimo termine”, ovvero attingere dagli studenti del corso di Laurea in Ostetrica che stanno ultimando l’anno accademico 2019-2020». È quanto fa sapere la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO) in una nota.

«La misura, infatti, è ben inquadrabile tra quelle individuate dalla Commissione salute per i diversi settori del Sistema salute, ed elaborate a seguito dell’audizione con i soggetti che garantiscono l’applicazione dei piani terapeutici e la conseguente riorganizzazione dei servizi» affermano le componenti del Comitato centrale FNOPO. Si tratta di una misura che potrebbe rappresentare una buona fonte di risorse professionali prontamente disponibili e adottabili con immediatezza per le diverse esigenze – spiegano i vertici della Federazione ostetrica -. Sulla base di quanto indicato dalla legge 27/2020, la FNOPO propone, pertanto, di inserire negli enti e nelle aziende del SSN gli studenti del terzo dei corsi di laurea in Ostetricia, in regola con i crediti formativi universitari, per le attività di contact tracing, e non solo, e inquadrati con contratti di collaborazione coordinata e continuativa con durata limitata al periodo emergenziale. L’attuale pandemia da Covid-19 ha fatto emergere, infatti, una realtà già nota e affrontata in modo non omogeneo in tutto il Paese per la quale occorre “la riorganizzazione delle rete dei servizi territoriali”».

«Per fortuna, nonostante i dati costantemente drammatici dei Rapporti ISTAT e CEDAP che segnano gravi flessioni negative delle nascite, le donne continuano a partorire i propri figli seppur con grande preoccupazione. A seguito della necessaria concentrazione e del potenziamento dei servizi ospedalieri con sospensione / limitazioni di alcuni servizi territoriali dovuti alla recrudescenza dei contagi Covid, le donne hanno rilevato l’inevitabile “vuoto della medicina del territorio e di prossimità” per le esigenze connesse al percorso nascita. Un vuoto che può rappresentare un forte deterrente per le donne ad effettuare i controlli necessari e che rientrano nelle prestazioni inderogabili per garantire sicurezza e supporto nel periodo perinatale (gravidanza, parto e puerperio-allattamento) – evidenziano le rappresentanti nazionali delle ostetriche italiane. – Le ostetriche del territorio, ove le attività del distretto sono sospese o limitate, continuano ad adottare nuove modalità di approccio in ambito perinatale ricorrendo a tutte le tecnologie disponibili (contatto telefonico costante, video chiamate, corsi di accompagnamento alla lascia a distanza, gruppo WZ etc..) per rimanere accanto alle donne. È evidente, tuttavia, che queste lodevoli iniziative da sole non possano bastare, ma è necessario potenziare i servizi alla nascita soprattutto in questa grave fase epidemica colmando il vuoto organizzativo. Gli studenti del terzo dei corsi di laurea in Ostetricia, in regola con i crediti formativi universitari – ribadisce la FNOPO – potrebbero essere impegnati anche e soprattutto nel supporto alle attività della medicina del territorio, con la conseguenziale “liberazione” di ulteriori risorse umane già formate e collocabili nelle strutture ospedaliere ormai al collasso» afferma la presidente FNOPO Maria Vicario.

«Il mondo, e l’Italia, stanno attraversando uno dei periodi più difficili della storia sanitaria recente. Gli eventi hanno dimostrato che anche il miglior servizio sanitario non può reggere da solo la violenza dell’onda d’urto provocata dall’epidemia da Covid-19. È urgente e necessario che le Federazioni e gli Ordini Territoriali facciano la propria parte in quanto enti sussidiari dello Stato. Proprio in questa direzione va la proposta della Federazione delle ostetriche: investire sugli studenti del terzo anno dei corsi di laurea in ostetricia per il supporto al territorio e l’esecuzione dei test rapidi anti Covid/tamponi per diagnosi Sars-Cov-2» concludono i vertici FNOPO.

Articoli correlati
Tamponi molecolari, test rapidi e salivari: a che punto siamo con le tecnologie di screening del Covid-19?
Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Massimo Pica, Presidente Assodiagnostici di Confindustria Dispositivi Medici
Da sedentarietà a disturbi del sonno, occhio agli “effetti collaterali” della Dad
Maria Cristina Gori, neurologa psicologa e docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza”, realizzato da Consulcesi: «Gli effetti psicologici della Dad non sono ancora del tutto chiari. È necessario rimodulare le strategie e le tecniche di insegnamento»
NIPT: lo screening prenatale in un prelievo di sangue. Vaccari (Fnopo): «Per le sindromi di Down, Edwards e Patau attendibile al 99%»
In Emilia Romagna il NIPT (Non Invasive Prenatal Testing ) è gratuito. La vice presidente Fnopo: «Grazie ad un progetto regionale le donne in gravidanza, selezionate con apposito counseling, potranno sottoporsi al NIPT contemporaneamente al Bitest, evitando i rischi di esami più invasivi»
di Isabella Faggiano
Fnopo: «Intollerabile campagna contro la RU486. La vita si difende tutelando diritti e salute delle donne»
«Quando una donna ricorre all’interruzione volontaria di gravidanza, lo fa con una propria personale e insindacabile motivazione. E porta con sé un dolore che rimarrà per sempre indelebile. Non c’è atto, infatti, che riesca a segnare di più la vita di una donna quanto la decisione di interrompere una gravidanza. Per tali motivi la Federazione […]
Posticipare l’orario di ingresso a scuola: il rendimento degli studenti ci guadagna
Dormire di più aumenta il livello di attenzione e migliora le prestazioni scolastiche. È quanto ha dimostrato lo studio pilota coordinato dal Dipartimento di Psicologia della Sapienza Università di Roma e pubblicato sulla rivista Nature and Science of Sleep
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...