Voci della Sanità 12 Novembre 2020 17:25

Test rapidi, Fnopo: «Contratti co.co.co. a studenti terzo anno dei corsi di laurea in ostetricia per supportare il territorio»

«Alla luce degli attuali gravissimi scenari epidemici da Sars-Cov-2 e per contrastare la carenza di personale sanitario in modo responsabile e consapevole, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO) ritiene che sia opportuno individuare tra le misure elaborate dalla Commissione Salute della Conferenza Stato Regioni una azione a “brevissimo termine”, ovvero attingere dagli […]

«Alla luce degli attuali gravissimi scenari epidemici da Sars-Cov-2 e per contrastare la carenza di personale sanitario in modo responsabile e consapevole, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO) ritiene che sia opportuno individuare tra le misure elaborate dalla Commissione Salute della Conferenza Stato Regioni una azione a “brevissimo termine”, ovvero attingere dagli studenti del corso di Laurea in Ostetrica che stanno ultimando l’anno accademico 2019-2020». È quanto fa sapere la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO) in una nota.

«La misura, infatti, è ben inquadrabile tra quelle individuate dalla Commissione salute per i diversi settori del Sistema salute, ed elaborate a seguito dell’audizione con i soggetti che garantiscono l’applicazione dei piani terapeutici e la conseguente riorganizzazione dei servizi» affermano le componenti del Comitato centrale FNOPO. Si tratta di una misura che potrebbe rappresentare una buona fonte di risorse professionali prontamente disponibili e adottabili con immediatezza per le diverse esigenze – spiegano i vertici della Federazione ostetrica -. Sulla base di quanto indicato dalla legge 27/2020, la FNOPO propone, pertanto, di inserire negli enti e nelle aziende del SSN gli studenti del terzo dei corsi di laurea in Ostetricia, in regola con i crediti formativi universitari, per le attività di contact tracing, e non solo, e inquadrati con contratti di collaborazione coordinata e continuativa con durata limitata al periodo emergenziale. L’attuale pandemia da Covid-19 ha fatto emergere, infatti, una realtà già nota e affrontata in modo non omogeneo in tutto il Paese per la quale occorre “la riorganizzazione delle rete dei servizi territoriali”».

«Per fortuna, nonostante i dati costantemente drammatici dei Rapporti ISTAT e CEDAP che segnano gravi flessioni negative delle nascite, le donne continuano a partorire i propri figli seppur con grande preoccupazione. A seguito della necessaria concentrazione e del potenziamento dei servizi ospedalieri con sospensione / limitazioni di alcuni servizi territoriali dovuti alla recrudescenza dei contagi Covid, le donne hanno rilevato l’inevitabile “vuoto della medicina del territorio e di prossimità” per le esigenze connesse al percorso nascita. Un vuoto che può rappresentare un forte deterrente per le donne ad effettuare i controlli necessari e che rientrano nelle prestazioni inderogabili per garantire sicurezza e supporto nel periodo perinatale (gravidanza, parto e puerperio-allattamento) – evidenziano le rappresentanti nazionali delle ostetriche italiane. – Le ostetriche del territorio, ove le attività del distretto sono sospese o limitate, continuano ad adottare nuove modalità di approccio in ambito perinatale ricorrendo a tutte le tecnologie disponibili (contatto telefonico costante, video chiamate, corsi di accompagnamento alla lascia a distanza, gruppo WZ etc..) per rimanere accanto alle donne. È evidente, tuttavia, che queste lodevoli iniziative da sole non possano bastare, ma è necessario potenziare i servizi alla nascita soprattutto in questa grave fase epidemica colmando il vuoto organizzativo. Gli studenti del terzo dei corsi di laurea in Ostetricia, in regola con i crediti formativi universitari – ribadisce la FNOPO – potrebbero essere impegnati anche e soprattutto nel supporto alle attività della medicina del territorio, con la conseguenziale “liberazione” di ulteriori risorse umane già formate e collocabili nelle strutture ospedaliere ormai al collasso» afferma la presidente FNOPO Maria Vicario.

«Il mondo, e l’Italia, stanno attraversando uno dei periodi più difficili della storia sanitaria recente. Gli eventi hanno dimostrato che anche il miglior servizio sanitario non può reggere da solo la violenza dell’onda d’urto provocata dall’epidemia da Covid-19. È urgente e necessario che le Federazioni e gli Ordini Territoriali facciano la propria parte in quanto enti sussidiari dello Stato. Proprio in questa direzione va la proposta della Federazione delle ostetriche: investire sugli studenti del terzo anno dei corsi di laurea in ostetricia per il supporto al territorio e l’esecuzione dei test rapidi anti Covid/tamponi per diagnosi Sars-Cov-2» concludono i vertici FNOPO.

Articoli correlati
Test Medicina: da Consulcesi “manuale di sopravvivenza” per gestire studio e stress
Boom di candidature per il Test di Medicina. Anche quest'anno previsto esercito di esclusi. La guida pratica per gli studenti
Rientro a scuola, nelle nuove regole mascherine se i casi aumentano
L'Istituto superiore di sanità, con i ministeri della Salute e dell'Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno pubblicato le nuove linee guida Covid per il rientro a scuola. Le mascherine indicate solo per studenti e operatori fragili
Formazione professioni sanitarie, FNOPO: «Ddl Boldrini non rispecchia nostre necessità»
La Presidente Vaccari: «Se il testo del DDL intende essere una riforma tout court di tutte le professioni sanitarie, ribadiamo con forza la sua inadeguatezza poiché non rispetta né rispecchia le specificità di tutte le professioni citate né la normativa vigente»
Quarta ondata, aumentano le gravide positive. Masé (FNOPO): «Centrale il ruolo delle ostetriche per assicurare anche supporto emotivo»
La vice presidente FNOPO: «Le condizioni di isolamento sociale in cui le donne e le coppie trascorrono la gravidanza, a causa della pandemia in atto, hanno un impatto significativo sul vissuto emotivo: il disagio, se trascurato, può sfociare in depressione post-partum»
2021: l’anno del “Baby Bust”? Vaccari (FNOPO): «-12.500 nuovi nati in 9 mesi»
La presidente FNOPO: «La denatalità riscontrata in questi due anni di pandemia ha colpito maggiormente le prime gravidanze. La solitudine non ha scoraggiato le donne al secondo o al terzo figlio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 ottobre 2022, sono 618.051.664 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.546.875 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (3 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi