Voci della Sanità 18 Novembre 2020 18:30

Telemedicina, l’esperimento di Borgosesia: a scuola apparecchiature per monitorare la salute dei bambini

Le strumentazioni verranno utilizzate da personale infermieristico appositamente formato. Il sindaco Tiramani: «Le abbiamo ordinate mesi fa, quando ancora non si sapeva se ci sarebbe stata una seconda ondata di Covid-19 e di che entità potesse essere: oggi, alla luce di quanto sta accadendo, la nostra decisione si rivela quanto mai opportuna»

Nelle scuole dell’obbligo di Borgosesia, dalla Scuola dell’Infanzia fino alla Scuola Media, sbarca la telemedicina: il Comune ha dotato tutti gli istituti scolastici di strumenti medici che permettono di valutare lo stato di salute dei bambini, particolarmente utili in questo periodo per l’emergenza Covid, ma che rimarranno in dotazione delle scuole per garantire il massimo della sicurezza anche in futuro.

«La tutela della salute è una nostra priorità – dice il Sindaco, On. Paolo Tiramani – ed anche questa azione si inserisce nel contesto del nostro lavoro in questo ambito. Le attrezzature ci sono state consegnate in questi giorni, ma le abbiamo ordinate mesi fa, quando ancora non si sapeva se ci sarebbe stata una seconda ondata e di che entità potesse essere: oggi, alla luce di quanto sta accadendo, la nostra decisione si rivela quanto mai opportuna».

In queste ore i tecnici stanno installando le strumentazioni, che quanto prima diventeranno operative. Come previsto dal protocollo scuole dell’Istituto Superiore della Sanità, in questa fase di emergenza Covid lo strumento sarà di utilità fondamentale: «I protocolli prevedono che gli alunni che manifestino una sintomatologia riconducibile al virus – spiega l’Assessore ai Servizi Sociali dell’Unione Montana Valsesia, Francesco Nunziata – saranno sottoposti a pre-valutazione dello stato di salute tramite i parametri misurati dal dispositivo di telemedicina Tytocare, che verrà utilizzato da personale infermieristico appositamente formato. Come Unione Montana – aggiunge l’Assessore – partecipiamo con entusiasmo a questo progetto, e abbiamo dotato di analoghi strumenti anche i nostri centri per disabili e malati di Alzheimer, in quanto la telemedicina è un ausilio fondamentale per la tutela e la conservazione della salute della cittadinanza».

Nello specifico, infermieri specializzati utilizzeranno il dispositivo di telemedicina per rilevare il battito cardiaco e la saturazione, effettuare l’auscultazione polmonare, valutare l’area rino-orofaringea e l’epidermide grazie alla telecamera di cui è dotato l’apparecchio; quindi misureranno la febbre ed invieranno tutti i dati raccolti direttamente ai Medici e Pediatri di base per ottenere una diagnosi in tempi rapidi.

La città di Borgosesia si sta rivelando all’avanguardia a livello nazionale nel settore della prevenzione e della tutela della salute: negli ultimi mesi alla cittadinanza è stata offerta una lunga serie di misure preventive ed assistenziali,  nell’ottica di fronteggiare adeguatamente la crisi sanitaria e di gettare le basi per un sistema di gestione della pubblica in grado di far sentire i cittadini sicuri e tutelati: «La telemedicina è un nuovo anello della catena di iniziative che la nostra amministrazione sta mettendo in campo – spiega il Sindaco Tiramani  –. La Costituzione tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, ma purtroppo in questo momento critico si sono evidenziate tante falle nel Sistema sanitario nazionale. La nostra azione è mirata, con i fondi di cui disponiamo e con l’aiuto di alcuni privati che non smetterò mai di ringraziare, a colmare quei vuoti lasciati a livelli amministrativi superiori a quello comunale, con l’obiettivo di rendere il servizio sanitario sul nostro territorio adeguato alle esigenze della popolazione e – conclude – abbiamo anche l’ambizione di raggiungere punte d’eccellenza».  

Articoli correlati
Come assistere una persona portatrice di catetere vescicale a domicilio
Il cateterismo vescicale consiste nell’introduzione di un tubicino in vescica che permette il deflusso delle urine all’esterno
di Dott. Enrico Pinton
La telemedicina sbarca in Toscana: a Gorgona il primo test in un’isola-penitenziario
Obiettivo migliorare le prestazioni e ridurre i costi di spostamento. A Capraia successo per un primo test rivolto a tutta la popolazione. «Vogliamo creare un collegamento tra il medico di base e i vari specialisti» spiega Alessandro Iala, direttore dell'area Supporto ai servizi sanitari e al cittadino dell'Asl Toscana Nord Ovest. Anche ecografie ed elettroencefalogramma vengono teleguidate da remoto
di Francesco Torre
Indolfi (SIC) fuori dal coro: «Telemedicina foglia di fico, investire su ospedali, PS e posti letto»
«Milioni di pazienti cardiologici non sanno di esserlo e potrebbero scoprirlo troppo tardi. Diagnostica, terapie e monitoraggio dei risultati delle procedure da recuperare con urgenza»
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale