Voci della Sanità 18 Novembre 2020

Telemedicina, l’esperimento di Borgosesia: a scuola apparecchiature per monitorare la salute dei bambini

Le strumentazioni verranno utilizzate da personale infermieristico appositamente formato. Il sindaco Tiramani: «Le abbiamo ordinate mesi fa, quando ancora non si sapeva se ci sarebbe stata una seconda ondata di Covid-19 e di che entità potesse essere: oggi, alla luce di quanto sta accadendo, la nostra decisione si rivela quanto mai opportuna»

Nelle scuole dell’obbligo di Borgosesia, dalla Scuola dell’Infanzia fino alla Scuola Media, sbarca la telemedicina: il Comune ha dotato tutti gli istituti scolastici di strumenti medici che permettono di valutare lo stato di salute dei bambini, particolarmente utili in questo periodo per l’emergenza Covid, ma che rimarranno in dotazione delle scuole per garantire il massimo della sicurezza anche in futuro.

«La tutela della salute è una nostra priorità – dice il Sindaco, On. Paolo Tiramani – ed anche questa azione si inserisce nel contesto del nostro lavoro in questo ambito. Le attrezzature ci sono state consegnate in questi giorni, ma le abbiamo ordinate mesi fa, quando ancora non si sapeva se ci sarebbe stata una seconda ondata e di che entità potesse essere: oggi, alla luce di quanto sta accadendo, la nostra decisione si rivela quanto mai opportuna».

In queste ore i tecnici stanno installando le strumentazioni, che quanto prima diventeranno operative. Come previsto dal protocollo scuole dell’Istituto Superiore della Sanità, in questa fase di emergenza Covid lo strumento sarà di utilità fondamentale: «I protocolli prevedono che gli alunni che manifestino una sintomatologia riconducibile al virus – spiega l’Assessore ai Servizi Sociali dell’Unione Montana Valsesia, Francesco Nunziata – saranno sottoposti a pre-valutazione dello stato di salute tramite i parametri misurati dal dispositivo di telemedicina Tytocare, che verrà utilizzato da personale infermieristico appositamente formato. Come Unione Montana – aggiunge l’Assessore – partecipiamo con entusiasmo a questo progetto, e abbiamo dotato di analoghi strumenti anche i nostri centri per disabili e malati di Alzheimer, in quanto la telemedicina è un ausilio fondamentale per la tutela e la conservazione della salute della cittadinanza».

Nello specifico, infermieri specializzati utilizzeranno il dispositivo di telemedicina per rilevare il battito cardiaco e la saturazione, effettuare l’auscultazione polmonare, valutare l’area rino-orofaringea e l’epidermide grazie alla telecamera di cui è dotato l’apparecchio; quindi misureranno la febbre ed invieranno tutti i dati raccolti direttamente ai Medici e Pediatri di base per ottenere una diagnosi in tempi rapidi.

La città di Borgosesia si sta rivelando all’avanguardia a livello nazionale nel settore della prevenzione e della tutela della salute: negli ultimi mesi alla cittadinanza è stata offerta una lunga serie di misure preventive ed assistenziali,  nell’ottica di fronteggiare adeguatamente la crisi sanitaria e di gettare le basi per un sistema di gestione della pubblica in grado di far sentire i cittadini sicuri e tutelati: «La telemedicina è un nuovo anello della catena di iniziative che la nostra amministrazione sta mettendo in campo – spiega il Sindaco Tiramani  –. La Costituzione tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, ma purtroppo in questo momento critico si sono evidenziate tante falle nel Sistema sanitario nazionale. La nostra azione è mirata, con i fondi di cui disponiamo e con l’aiuto di alcuni privati che non smetterò mai di ringraziare, a colmare quei vuoti lasciati a livelli amministrativi superiori a quello comunale, con l’obiettivo di rendere il servizio sanitario sul nostro territorio adeguato alle esigenze della popolazione e – conclude – abbiamo anche l’ambizione di raggiungere punte d’eccellenza».  

Articoli correlati
Congresso Nazionale Ame, il Presidente Grimaldi: «Rafforzare rete territoriale con innovazioni tecnologiche»
Il neopresidente dell’Associazione Nazionale Medici Endocrinologi (AME) indica priorità, prospettive e nuove frontiere emerse dall’attività congressuale. Inoltre, traccia la linea da seguire per riorganizzare una nuova rete territoriale
Ocse: «Infermieri vitali, specie quest’anno», ma l’Italia è sotto la media
La denuncia di Fnopi: nel nostro Paese 5,7 infermieri per 1000 abitanti, sotto la media europea
Stanchi nel corpo, avviliti nello spirito. Lo stato d’animo dei professionisti sanitari coinvolti nell’emergenza
La situazione in Italia resta grave e la pressione sugli ospedali non si alleggerisce. Medici e infermieri lavorano senza sosta, al limite delle forze. Ma devono difendersi anche dal fuoco amico
Covid-19, a Borgosesia (Vercelli) accordo comune-farmacie per tamponi rapidi
Da giovedì 19 novembre i cittadini potranno sottoporsi a tampone rapido per il contagio da Covid-19 semplicemente prenotandosi in farmacia
Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»
L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle professioni sanitarie non ci sta: «Confidiamo che nei prossimi giorni la condivisibile iniziativa a favore dei soli infermieri sia, doverosamente, estesa alle professioni sanitarie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli