OMCeO, Enti e Territori 2 maggio 2018

“Telemedicina in emergenza-urgenza”, il convegno CIMO a Perugia

La Telemedicina ancora non decolla in Italia, è stata adottata a macchia di leopardo o con investimenti sbagliati, mentre in tutto il mondo i suoi vantaggi sono riconosciuti e sfruttati in termini di efficacia, qualità e risparmio. Prende le mosse da questo scenario il confronto tra esperti dedicato a “Telemedicina in emergenza-urgenza” organizzato dal sindacato […]

La Telemedicina ancora non decolla in Italia, è stata adottata a macchia di leopardo o con investimenti sbagliati, mentre in tutto il mondo i suoi vantaggi sono riconosciuti e sfruttati in termini di efficacia, qualità e risparmio. Prende le mosse da questo scenario il confronto tra esperti dedicato a “Telemedicina in emergenza-urgenza” organizzato dal sindacato dei medici CIMO il prossimo 5 maggio presso l’Hotel Posta dei Donini a San Martino in campo (Perugia).

In occasione del convegno si discuterà di esperienze concrete e scenari futuri, soprattutto nel settore dell’emergenza-urgenza: dal ricovero del paziente nell’ospedale più sicuro in caso di urgenza al teleconsulto per un malato acuto o cronico residente in zone disagiate; dalla possibilità di avere pareri specialistici in tempo reale alle indicazioni salva-vita date via video agli operatori sanitari o ai familiari di un malato, per non parlare del fondamentale ruolo in caso di aree colpite da calamità naturali. Telemedicina è questo e ben altro ma oggi, a dieci anni dalle indicazioni in materia della Commissione Europea e a quattro anni dalle linee di indirizzo nazionali prodotte dal Ministero della Salute, gli operatori sanitari italiani navigano a vista e nella totale incertezza, rischiando di perdere un’occasione unica di evoluzione professionale, oltre che di risparmi per il SSN e di maggiore qualità delle cure.

Obiettivo della Telemedicina, sostiene CIMO, è quello di mettere ancora di più il medico e il paziente al centro di ogni strategia organizzativa della sanità, supportandoli non solo con un assetto organizzato ed efficiente nell’uso delle tecnologie per ottenere notevoli risparmi e cure più efficaci ma anche con un adeguato riconoscimento del servizio che offrono i medici che si cimentano nell’applicazione della telemedicina per situazioni non immediatamente raggiungibili fisicamente, in un contesto ancora disorganizzato. Ad oggi, infatti, in Italia non si ha una chiara visione strategica di ammodernamento del parco tecnologico nell’ottica della telemedicina e, molto spesso, gli investimenti nelle strutture sanitarie sono del tutto assenti o sovradimensionati.

«Sono risorse che andrebbero più saggiamente investite sentendo il parere dei medici – commenta Francesco Corea, di CIMOLAB – evitando di sottostare a ‘mode’ dell’industria dell’information technology e valutando come mettere in rete le necessità dei territori. Dobbiamo pensare alla Telemedicina come un “principio attivo” non ancora compreso e correttamente adottato in Italia, ma di fondamentale supporto all’evoluzione della professione medica, dove tecnologie e intelligenza artificiale sono e saranno sempre di più strumento di supporto per l’organizzazione del lavoro e ottenere risultati in meno tempo».

Secondo Marco Coccetta, Segretario Regionale CIMO Umbria «per la Sanità la Telemedicina rappresenta una chance di risparmio e semplificazione nell’organizzazione, ma il ricorso a questi strumenti deve essere improntato sempre sulla sicurezza delle cure e dei pazienti. In particolare nel settore dell’emergenza, ovvero per le patologie. Un approccio organizzato alla telemedicina è strategico per garantire a tutti i cittadini, ovunque si trovino, accesso alle cure in maniera sostenibile, in un SSN che annaspa per le scarse risorse disponibili. Il medico deve avere un ruolo centrale in questo processo di cambiamento ed innovazione infrastrutturale, ancora troppo lento. La rivoluzione è anche culturale perché il medico sarà chiamato a rinnovare il proprio bagaglio di conoscenze e comportamenti di fronte a strumenti innovativi senza mai abbandonare deontologia ed empatia a garanzia del rapporto fiduciario con il paziente».

QUI IL PROGRAMMA

 

Articoli correlati
Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»
Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l'immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni
Rapporto annuale Aiop, 20 milioni di italiani bloccati da liste di attesa. Barbara Cittadini: «Pronti a contribuire per risolvere problema»
A Roma il 16esimo Report Ospedali&Salute. Un italiano su tre insoddisfatto dell'SSN, 50% ricorre a Pronto soccorso per ridurre tempi di attesa. La presidente dell'Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Governo ha iniziato bene». «I tetti di spesa per la sanità privata accreditata saranno rivisti sicuramente», annuncia il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto
Change in Cardiology: a Torino cardiologi da tutto il mondo analizzano evoluzioni, cambiamenti e nuove terapie
L’incidenza delle malattie cardiovascolari a livello mondiale in termini di mortalità è del 36% nonostante una riduzione del 25% negli ultimi 20 anni. Numeri ancora allarmanti che richiedono innovazione nel modo di fare formazione, con un approccio a 360°, multidisciplinare e interattivo. Con questa premessa si apre la prima edizione di Change in Cardiology, il […]
Emergenza rifiuti a Roma, Di Rosa (Siti e Asl Roma1): «Malattie infettive? Difficile ma non impossibile. Più rischi con il caldo»
Topi, mosche e cinghiali: non è la ricetta per una pozione magica ma «le specie animali che attirate dai rifiuti urbani, possono proliferare e diventare vettori di malattie per l’uomo». Lo spiega Enrico Di Rosa, Segretario della SITI e referente dell’UOC Servizio igiene sanità pubblica dell'Asl Roma 1
Errori medici, OMCeO Roma: «No a deriva affaristica»
«È inaccettabile che si speculi sulla possibilità  di errori dei medici». È netta la presa di posizione dei vertici dell’OMCeO di Roma e provincia in merito all’azienda privata nata per gestire le vertenze. «La strada maestra per governare il fenomeno dell’errore medico non è quella di trasformare tutto in un business milionario dei risarcimenti – dichiarano il presidente […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano