Voci della Sanità 2 Maggio 2018

“Telemedicina in emergenza-urgenza”, il convegno CIMO a Perugia

La Telemedicina ancora non decolla in Italia, è stata adottata a macchia di leopardo o con investimenti sbagliati, mentre in tutto il mondo i suoi vantaggi sono riconosciuti e sfruttati in termini di efficacia, qualità e risparmio. Prende le mosse da questo scenario il confronto tra esperti dedicato a “Telemedicina in emergenza-urgenza” organizzato dal sindacato […]

La Telemedicina ancora non decolla in Italia, è stata adottata a macchia di leopardo o con investimenti sbagliati, mentre in tutto il mondo i suoi vantaggi sono riconosciuti e sfruttati in termini di efficacia, qualità e risparmio. Prende le mosse da questo scenario il confronto tra esperti dedicato a “Telemedicina in emergenza-urgenza” organizzato dal sindacato dei medici CIMO il prossimo 5 maggio presso l’Hotel Posta dei Donini a San Martino in campo (Perugia).

In occasione del convegno si discuterà di esperienze concrete e scenari futuri, soprattutto nel settore dell’emergenza-urgenza: dal ricovero del paziente nell’ospedale più sicuro in caso di urgenza al teleconsulto per un malato acuto o cronico residente in zone disagiate; dalla possibilità di avere pareri specialistici in tempo reale alle indicazioni salva-vita date via video agli operatori sanitari o ai familiari di un malato, per non parlare del fondamentale ruolo in caso di aree colpite da calamità naturali. Telemedicina è questo e ben altro ma oggi, a dieci anni dalle indicazioni in materia della Commissione Europea e a quattro anni dalle linee di indirizzo nazionali prodotte dal Ministero della Salute, gli operatori sanitari italiani navigano a vista e nella totale incertezza, rischiando di perdere un’occasione unica di evoluzione professionale, oltre che di risparmi per il SSN e di maggiore qualità delle cure.

Obiettivo della Telemedicina, sostiene CIMO, è quello di mettere ancora di più il medico e il paziente al centro di ogni strategia organizzativa della sanità, supportandoli non solo con un assetto organizzato ed efficiente nell’uso delle tecnologie per ottenere notevoli risparmi e cure più efficaci ma anche con un adeguato riconoscimento del servizio che offrono i medici che si cimentano nell’applicazione della telemedicina per situazioni non immediatamente raggiungibili fisicamente, in un contesto ancora disorganizzato. Ad oggi, infatti, in Italia non si ha una chiara visione strategica di ammodernamento del parco tecnologico nell’ottica della telemedicina e, molto spesso, gli investimenti nelle strutture sanitarie sono del tutto assenti o sovradimensionati.

«Sono risorse che andrebbero più saggiamente investite sentendo il parere dei medici – commenta Francesco Corea, di CIMOLAB – evitando di sottostare a ‘mode’ dell’industria dell’information technology e valutando come mettere in rete le necessità dei territori. Dobbiamo pensare alla Telemedicina come un “principio attivo” non ancora compreso e correttamente adottato in Italia, ma di fondamentale supporto all’evoluzione della professione medica, dove tecnologie e intelligenza artificiale sono e saranno sempre di più strumento di supporto per l’organizzazione del lavoro e ottenere risultati in meno tempo».

Secondo Marco Coccetta, Segretario Regionale CIMO Umbria «per la Sanità la Telemedicina rappresenta una chance di risparmio e semplificazione nell’organizzazione, ma il ricorso a questi strumenti deve essere improntato sempre sulla sicurezza delle cure e dei pazienti. In particolare nel settore dell’emergenza, ovvero per le patologie. Un approccio organizzato alla telemedicina è strategico per garantire a tutti i cittadini, ovunque si trovino, accesso alle cure in maniera sostenibile, in un SSN che annaspa per le scarse risorse disponibili. Il medico deve avere un ruolo centrale in questo processo di cambiamento ed innovazione infrastrutturale, ancora troppo lento. La rivoluzione è anche culturale perché il medico sarà chiamato a rinnovare il proprio bagaglio di conoscenze e comportamenti di fronte a strumenti innovativi senza mai abbandonare deontologia ed empatia a garanzia del rapporto fiduciario con il paziente».

QUI IL PROGRAMMA

 

Articoli correlati
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
Telemedicina, passo avanti della Conferenza delle Regioni. Bologna (Misto): «Inserirla nei LEA e predisporre formazione ad hoc per i medici»
«Sono sicura che con la collaborazione tra istituzioni e professionisti nei Tavoli di Lavoro si possa trovare una strada comune a vantaggio dei pazienti e nel rispetto del Codice Deontologico» sottolinea il medico e parlamentare del Gruppo Misto
«Da grande voglio fare il medico ma…». Quando il test di Medicina ti cambia la vita
Quattro aspiranti camici bianchi si raccontano a Sanità Informazione: chi ha superato l’ostacolo del numero chiuso e chi ha lasciato il sogno nel cassetto
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Lombardia, l’appello dei geriatri: «Aumentare i reparti per acuti e riconoscere il nostro ruolo»
Dopo l'emergenza occorre ripensare l'organizzazione e la diffusione dei reparti ospedalieri di Geriatria per acuti, in Lombardia come in tutto il Paese. L’appello di SIGOT, SIGG e AGE ai vertici della Regione Lombardia e alle istituzioni nazionali per aumentare i posti letto per anziani in ospedale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...