Voci della Sanità 15 Ottobre 2019

Tecnologia per la salute, al via a Roma il 3° congresso internazionale dell’ingegneria clinica

Oltre 1500 partecipanti, un Comitato Scientifico con 55 autorevoli rappresentanti di oltre 30 paesi, 120 relatori, 310 lavori presentati sulle varie aree tematiche del programma: questi sono i numeri autorevoli del 3° Congresso Mondiale dell’Ingegneria Clinica- ICEHTMC (21-22 ottobre, Europa-Conference Center, Policlinico Gemelli, Largo Francesco Vito 1, Roma), che si tiene nei prossimi giorni a […]

Oltre 1500 partecipanti, un Comitato Scientifico con 55 autorevoli rappresentanti di oltre 30 paesi, 120 relatori, 310 lavori presentati sulle varie aree tematiche del programma: questi sono i numeri autorevoli del 3° Congresso Mondiale dell’Ingegneria Clinica- ICEHTMC (21-22 ottobre, Europa-Conference Center, Policlinico Gemelli, Largo Francesco Vito 1, Roma), che si tiene nei prossimi giorni a Roma. Un evento dinamico e autorevole, capace di mettere a confronto le esperienze più differenti del mondo delle tecnologie per la salute, visto che nella capitale italiana dialogheranno – solo per citare alcuni dei main topics – le esperienze di HTA di Cina, Canada e Brasile, mentre le più avanzate soluzioni di robotica e di intelligenza artificiale di Italia, SudAfrica e Stati Uniti confronteranno i loro risultati in termini di efficacia e sicurezza per i pazienti in un ambiente multidisciplinare e iper-tecnologico. “Si tratta dell’unico evento internazionale dell’Ingegneria clinica”, sottolinea Stefano Bergamasco, vicepresidente AIIC e chairman del Congresso insieme all’americano Tom Judd ed al presidente AIIC, Lorenzo Leogrande, “un’occasione prestigiosa e qualificata che permetterà di mettere a fuoco e condividere il ruolo che la nostra professione svolge all’interno dei profondi cambiamenti tecnologici e organizzativi che stanno rivoluzionando il mondo dell’assistenza sanitaria”.

“Siamo particolarmente onorati di ospitare questo Congresso internazionale, che per la prima volta vede protagonista una sede europea”, sottolinea Lorenzo Leogrande, “Abbiamo riscontrato negli anni il grande interesse verso quello che abbiamo definito modello italiano dell’ingegneria clinica, un approccio che punta ad un dialogo serrato del nostro settore con tutti gli stakeholders, aprendo così le vie di comunicazione, collaborazione e sviluppo tra nuove tecnologie healthcare, professioni sanitarie e decisori politici. Grazie a questo interesse diffuso, avremo su Roma tutte le attenzioni di chi a livello mondiale si occupa di innovazione, di biomedicina, di robotica biomedica, di reti tecnologiche, di sicurezza dei pazienti, di digital-healthcare”.

L’evento ICEHTMC è promosso dall’IFMBE (organismo dell’Organizzazione Mondiale delle Nazioni Unite che raccogliere in Federazione le associazioni che si occupano di ingegneria biomedica) e nello specifico dalla Clinical Engineering Division (CED) e segue i precedenti appuntamenti del 2015 in Cina e del 2017 a San Paolo in Brasile. Il Congresso di Roma coprirà un ampio spettro di topics, dal managmenet del rischio clinico all’HTA, come precisa Leogrande: “Viviamo sempre più immersi nelle tecnologie e nella innovazione tecnologica. Nella sfera dell’Healthcare, questo si traduce in grandi opportunità di cura e di miglioramento della qualità delle cure. Tuttavia, la presenza imponente di tecnologie, di dati e di interconnessioni, pone problemi nuovi: a Roma cercheremo di affrontare proprio tutte le nuove sfide che l’innovazione tecnologica pone attraverso un approccio competente e consapevole”.

“Nello specifico”, sottolinea Stefano Bergamasco, “abbiamo definito 12 aree tematiche e attorno a queste abbiamo costruito l’agenda dei lavori in circa due anni di confronti con gli esperti di tutto il mondo. Le aree che analizzeremo quindi sono Health Technology Assessment-HTA; Medical equipment management in hospitals; ICT and medical informatics; Health Operations/Project Management; Clinical risk management, safety, emergency preparedness; Development of innovative devices; Design of health facilities; Technologies for home care; International standards and regulations; Education, certification, training; Artificial Intelligence and Big Data; Global challenges, sustainable development. Il tutto sarà presentato ai partecipanti con un ampiezza davvero straordinaria di esperienze, contributi, approfondimenti e confronti tra specialisti”.

Il programma dell’ICEHTMC 2019, consultabile sul sito del Congresso (www.icehtmc.com), si aprirà lunedì 21 ottobre con la sessione inaugurale in cui è prevista la relazione introduttiva di Adriana Velazquez (responsabile del Dipartimento Dispositivi Medici dell’Organizzazione Mondiale della Sanità-OMS) e si concluderà nel tardo pomeriggio di martedì 22 ottobre, con un programma complessivo che prevede quattro sessioni plenarie, dodici sessioni parallele, workshop tematici, tavole rotonde, ambiti e appuntamenti di networking. Già nella giornata di domenica 20 ottobre sono previsti i lavori preparatori precongressuali con i dialogue meeting tra i rappresentanti degli oltre 80 Paesi attesi all’evento, mentre al termine del Congresso verrà annunciata la sede prescelta per l’edizione 2021 di ICEHTMC.

Articoli correlati
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
Gelli (Fondazione Italia In Salute): «Per il post Covid, 10mila medici in più. Mes occasione da non perdere»
«Dovremo da una parte aumentare la dotazione di posti letto per non rimanere in coda alle classifiche europee, e dall'altra procedere a nuove assunzioni. Vanno poi rinnovate le tecnologie per lo più obsolete che abbiamo nei nostri ospedali e risolto una volta per tutte il problema dell'imbuto formativo». Così il presidente della Fondazione Italia in Salute, Federico Gelli
Covid19, Fismu: «Basta cartaceo, tutte le ricette siano online»
La Federazione italiana sindacale medici uniti fa appello al ministro della salute Roberto Speranza e alle Regioni: «Serve un’alleanza dei professionisti del SSN, una proposta unitaria per una sanità moderna post pandemia»
Misericordia (Fimmg): «Il 95% dei medici vede nella telemedicina la risposta per gestire, negli scenari post-covid, la salute e le cronicità»
L’indagine del centro studi Fimmg e dell’Osservatorio innovazione digitale in sanità del Politecnico di Milano. «Importante che sia il medico stesso a proporre questo tipo di piattaforme ai propri pazienti, in aggiunta ai canali fisici e tradizionali» afferma Chiara Sgarbossa, Direttore dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...