Voci della Sanità 28 Ottobre 2020 18:45

Tamponi rapidi Covid, CIDEC: «Il ‘Decreto Ristori’ priva i laboratori di analisi della propria funzione»

Elisa Interlandi, Presidente Cidec Federazione Sanità: «Nostra esclusione dal finanziamento aggiuntivo previsto dal Decreto danno per la salute dei cittadini e per il tracciamento dei contagi»

«Apprendiamo con stupore la decisione del Governo nazionale di voler stanziare ulteriori 30 milioni di euro per potenziare la diagnosi e il tracciamento dei nuovi contagi da Covid-19, escludendo i laboratori di analisi accreditati che vengono così privati delle loro funzioni di diagnostica». Lo dichiara Elisa Interlandi, Presidente Cidec Federazione Sanità, Sindacato che rappresenta oltre 600 strutture di laboratori di analisi accreditate con il SSN, commentando la norma del ‘DL Ristori’ con la quale vengono stanziati ulteriori 30 milioni di euro per l’esecuzione dei tamponi rapidi da parte dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta.

«Se da un lato riconosciamo il ruolo di primaria importanza svolto dalla Medicina Territoriale in questo contesto di emergenza sanitaria – prosegue Interlandi –, dall’altro non comprendiamo le motivazioni per le quali strutture come le nostre, accreditate con il SSN, già attrezzate per la diagnosi e il tracciamento dei casi Covid, sottoposte a rigidi controlli di qualità e gestite da biologi abilitati con regolare esame di Stato, debbano essere escluse dalle attività che gli sono proprie quali quelle della diagnostica e dello screening».

«A ciò si aggiunga che, sin dall’inizio della pandemia, le nostre strutture hanno adottato protocolli stingenti e si sono dotate di tutti i dispositivi di protezione individuale necessari a garantire la sicurezza sia dei professionisti, sia dei cittadini che accedono ai laboratori. Come sottolineato da alcune sigle sindacali della Medicina Generale, lo stesso livello di sicurezza, ad oggi, non può essere garantito da tutti gli ambulatori, esponendo pertanto sia i pazienti, sia gli stessi medici al rischio di contagio».

«Auspichiamo – conclude la Presidente Cidec Federazione Sanità – che il Governo, in fase di conversione del ‘DL Ristori’, voglia includere le nostre strutture tra i beneficiari delle risorse aggiuntive stanziate, e che, allo stesso tempo, si preoccupi di stabilire una tariffa unica per le prestazioni di diagnosi di Covid su tutto il territorio nazionale».

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola