Voci della Sanità 27 Aprile 2021 15:32

Sportello amianto nazionale, nasce il sito per tutelare i cittadini

«Siamo pronti per offrire ai cittadini uno strumento in grado di capire se vivono una situazione di pericolo» spiega il presidente dello Sportello Amianto Nazionale

Da oggi chiunque collegandosi a www.visureamianto.it può scovare i tetti di Amianto e chiedere protezione e rispetto per la legge e per la tutela della Salute.

Il 28 aprile è la giornata mondiale in memoria delle vittime dell’amianto e quest’anno, nell’occasione celebrativa che ricorda al mondo che esistono più di 100.000 morti all’anno per malattie asbesto correlate, lo Sportello Amianto Nazionale, dopo 4 anni di ricerca, vuole dare un segnale concreto e un aiuto tangibile per accelerare il percorso di eliminazione dell’amianto degradato dal comparto industriale, rurale e abitativo.

Bonificare l’amianto vuole dire diminuire esposizione, malattie, morti e riqualificare il patrimonio immobiliare italiano che ancora troppo spesso vede la presenza di questo materiale mortale.

870 comuni e 24mila chilometri quadrati mappati

«Dal 2017 portiamo avanti una ricerca in collaborazione con una Spin Off dell’Università di Chieti che ha dimostrato, nel tempo, di essere in grado di mettere in campo una tecnologia unica, innovativa ed autorale, che oggi è matura ed agile per monitorare la presenza di amianto sulle coperture degli edifici di tutto il mondo – spiega Fabrizio Protti, presidente dello Sportello Amianto Nazionale -. Abbiamo presentato la nostra ricerca nel febbraio 2018 presso il Senato della Repubblica con il convegno dedicato “Mappatura Amianto Tecnologie e stato dell’arte” alla presenza delle massime cariche politiche e degli enti dello Stato. Abbiamo poi replicato a novembre dello stesso anno alla Camera dei deputati davanti ai Ministri, ai Parlamentari, agli Enti Universitari e della Ricerca, all’Esercito ed alle Parti Sociali ed Associazioni comunicando i risultati finali del nostro studio».

«Da quel momento – prosegue – abbiamo lavorato per testare l’efficacia e migliorare l’efficienza ed oggi siamo pronti per offrire ai cittadini uno strumento in grado di capire se vivono una situazione di pericolo». In tre anni di ricerca e test strutturali applicati su più di 24.000 km quadrati in Italia e su 870 Comuni, lo Sportello Amianto Nazionale è oggi l’ente con il più grande patrimonio di amianto mappato sul territorio italiano. «Questo ha portato ad ottimizzare velocità di esecuzione, economicità del metodo e una complessa sovrastruttura software realizzata con partner internazionali come Res Gea nel mappare, costruire e gestire anagrafi amianto per intere nazioni in tempi rapidi e follow up efficaci – puntualizza Protti che denuncia una realtà mappale nazionale ancora terribilmente in ritardo -. Chiunque vorrà essere informato, potrà collegarsi a www.visureamianto.it per tutelarsi e comprendere lo stato dell’arte del territorio dove vive, capire se nel suo quotidiano affronta costantemente pericoli legati alla vicinanza ad amianto o condurre indagini preventive per acquistare un immobile, senza trovarsi spiacevoli sorprese per il portafoglio e per la salute».

#ItaliaAmiantoZero

Sarà sufficiente inserire l’indirizzo da monitorare e attivare un servizio di visura che restituirà in pochi giorni un parere tecnico sulla presenza di amianto nella copertura dell’edificio indicato. Il responso ottenuto permetterà di avviare azioni di monitoraggio e controllo, di giustificare esposti all’autorità pubblica per richiedere certificazioni di indice di stato di degrado e rispetto delle normative sulla salute o più semplicemente sarà un elemento coadiuvante nelle trattative per l’acquisto di immobili eventualmente gravati dalla presenza di amianto.

«Sono convinto che questo complesso strumento tecnologico, reso semplice per l’utilizzo diretto al cittadino attraverso www.visureamianto.it sia un bel regalo a una Italia che si vuole liberare dal flagello costante di migliaia di morti per amianto ogni anno, che vuole diventare migliore, riqualificare e riqualificarsi e perciò abbiamo scelto la data del Giorno della Memoria per pensare ad un futuro migliore in una Italia Amianto Zero» conclude il presidente dello Sportello Amianto Nazionale.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Amianto, 2.500 scuole e mille ospedali ancora da bonificare (da 30 anni)
Tra le più recenti battaglie dell’Osservatorio Nazionale Amianto la bonifica della scuola materna Carlo Evangelisti, a Roma. Il presidente Bonanno: «L’asbesto è altamente cancerogeno, può causare il mesotelioma, ma anche altri gravissimi tumori al polmone, alla faringe, alla laringe, alle ovaie e al colon. Esporre addirittura i bambini a questo pericoloso minerale è un crimine»
Amianto killer, troppi i “morti senza riposo” che aspettano ancora giustizia
Processi cavillosi e responsabilità difficili da accertare. Intanto di amianto si continua a morire. A Roma un disegno di legge per istituire una Giornata dedicata alle Vittime
Giornata mondiale vittime amianto, CNAa: «Subito gli interventi di smaltimento e bonifica!»
Il Coordinamento Nazionale Associazioni Amianto: «Il Governo metta in campo tutte le azioni necessarie per lo smaltimento dell'amianto». Manifestazioni in varie città: a Sesto San Giovanni cerimonia particolare in memoria di Michele Michelino, fondatore del Comitato per la difesa della Salute nei luoghi di lavoro e nel territorio
Giornata mondiale sicurezza e salute sul lavoro: ANMIL propone testimonial in aziende e scuole
L’obiettivo dell’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati ed Invalidi del Lavoro) è accendere i riflettori sulla piaga sociale della mancanza di prevenzione nei luoghi di lavoro e delle malattie professionali
Amianto, Cittadini (Aiop): «Serve coordinamento sul territorio con più risorse e formazione»
«Ancora oggi, a 30 anni dalla legge 257 del 1992, che ne abolì l’uso in Italia, l’amianto resta una minaccia concreta, non solo verso le persone ma anche riguardo all’ambiente. Serve un maggiore coordinamento tra Governo ed Enti locali e un coinvolgimento più attivo di chi opera in ambito sanitario, investendo nuove risorse sul fronte […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 febbraio 2023, sono 670.807.149 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.833.473 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni