Voci della Sanità 5 Giugno 2020 18:10

Spari al San Camillo di Roma, uomo danneggia macchinari e Pronto Soccorso. Cisl Medici: «Inferno per i lavoratori»

L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale […]

L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale della Tac e quelle delle ecografie causando danni ingenti alle apparecchiature. L’immediato intervento del personale dell’ospedale e della vigilanza interna ha scongiurato che la furia aggressiva si riversasse sugli operatori sanitari e sugli utenti presenti in quei momenti in Pronto Soccorso che non hanno riportato danni né ferite.

La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale/Rieti, leggendo la notizia si domanda in una nota «se l’Ospedale San Camillo è diventato la periferia dell’inferno o se è diventato un inferno per i lavoratori».

«E come non ricordare – aggiunge il sindacato – l’anestesista aggredito il 25 maggio all’ospedale di Isernia. Un rianimatore, un medico tra quelli che più di altri sono chiamati ad affrontare le fasi più critiche della emergenza-urgenza. Se i medici in corso di pandemia sono stati definiti come eroi e come angeli, dove si collocano gli anestesisti-rianimatori in questa scala di aggettivi iperbolici che hanno caratterizzato questi ultimi mesi?», si chiedono in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti e componenti l’esecutivo nazionale del sindacato di categoria.

«Peccato avere perso una occasione perché qualcuno ha ritenuto di togliere dallo specifico Decreto Legge in discussione alla Camera la costituzione di parte civile obbligatoria per le aziende a tutela dei propri sanitari aggrediti» scrivono i sindacalisti.

«Vergogna a chi si ostina a non voler capire che questo fenomeno deve essere represso con decisione e fermezza. Vergogna a chi continua a fare quasi finta di nulla e si ostina con vuoti giri di parole a non dare risposte concrete. Violenze e ancora violenze a carico dei medici e degli operatori sanitari. Siamo disgustati di quello che accade da troppo tempo. Siamo ogni giorno in prima linea. Covid o non Covid. Basta. Basta. Basta – conclude il comunicato della Cisl Medici -. È ora che anche le parti datoriali escano dalla solidarietà di facciata per attivare immediati e concreti strumenti di tutela dei lavoratori».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Mascherine “Non medical usage”: Cisl Medici Lazio chiede chiarimenti alla Regione
La Cisl medici Lazio chiede se tali DPI siano conformi ed appropriati all’uso negli ospedali e nelle altre strutture sanitarie
Medico del lavoro, quale ruolo nell’anno della pandemia?
Intervista alla dottoressa Lucilla Boschero, medico del lavoro e segretario provinciale di Cisl Medici Frosinone
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Violenza su bambine in conflitto armato, il ruolo della giustizia penale internazionale?
Ne hanno discusso Maeci, Nazioni unite, Unione Europea, Corte penale internazionale, Save the children, Global coalition to protect education from attack con il contributo di Universities network for children in armed conflict
Ricetta elettronica, Cisl medici Lazio: «Piattaforma regionale fa acqua da tutte le parti»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl medici Lazio e Benedetto Magliozzi, segretario generale Cisl medici Roma capitale/Rieti
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
«Io, infermiera presa a calci in PS, ho ancora gli incubi mentre i miei aggressori sono a piede libero»
«Hanno anche provato a cavarmi un occhio». Il racconto dell’infermiera del Cardarelli di Napoli: il trauma, la paura, la speranza che la giustizia faccia il suo corso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...