OMCeO, Enti e Territori 10 Agosto 2018

Smi-Lazio, aggressioni medici: «Serve reporting tempestivo degli episodi di violenza da parte delle aziende»

Sono in continua escalation le segnalazioni di aggressioni verbali o fisiche nei confronti dei medici in servizio nelle strutture sanitarie pubbliche del Lazio. E i numeri parlano chiaro: secondo l’Inail lo scorso anno, nel Lazio, sono stati 150 i casi di aggressione a medici, infermieri e operatori socio-sanitari. Senza contare gli eventi di intimidazione, minacce […]

Sono in continua escalation le segnalazioni di aggressioni verbali o fisiche nei confronti dei medici in servizio nelle strutture sanitarie pubbliche del Lazio.
E i numeri parlano chiaro: secondo l’Inail lo scorso anno, nel Lazio, sono stati 150 i casi di aggressione a medici, infermieri e operatori socio-sanitari. Senza contare gli eventi di intimidazione, minacce e molestie senza conseguenze fisiche.
La delegazione sindacale Smi-Lazio ritiene certamente positiva l’istituzione di un nuovo Osservatorio ministeriale come sistema di monitoraggio. Ma servono, in primis, provvedimenti urgenti per arginare il problema.
Secondo Gian Marco Polselli, segretario regionale Smi-Lazio, nel ribadire la necessità di una vigorosa presa di posizione che contrasti efficacemente tali fenomeni, è necessario che le Aziende sanitarie «mettano in atto ogni procedura legale e giudiziaria nei confronti dei soggetti responsabili di tali azioni». Ma non solo. Il Segretario regionale Smi-Lazio sottolinea la necessità di una diffusione capillare, in tutti i servizi, dipartimenti aziendali e ospedalieri, delle procedure «per il reporting tempestivo degli episodi medesimi. I professionisti coinvolti devono poter essere certi che alle segnalazioni degli episodi di aggressione, faccia seguito un’azione diretta delle Aziende sanitarie verso i responsabili, con diffide personali ed ogni altra iniziativa utile», dichiara infine Gian Marco Polselli.
Il Sindacato Medici Italiani del Lazio chiede, inoltre, di conoscere «lo stato delle procedure messe in atto nelle Aziende, a seguito delle comunicazioni formali ricevute in tal senso», aggiunge Cristina Patrizi, responsabile area convenzionata Smi-Lazio, che conclude: «Siamo assolutamente disponibili a collaborare nella individuazione di strategie e percorsi finalizzati ad arginare il grave fenomeno».

Articoli correlati
Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»
La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitari, magistrati e altri vogliono restare al lavoro fino a 80 anni e invece molti medici vogliono fuggire», sottolinea il segretario generale della Cosmed
Roma, al Gemelli Antonio Monda conversa con pazienti, medici e studenti su verità e fake news
Giovedì 21 marzo, alle ore 16, la Sala MediCinema del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma ospiterà Antonio Monda, scrittore e docente di cinema presso la New York University e direttore artistico della Festa del Cinema di Roma, per una conversazione con pazienti, medici, operatori sanitari e studenti su verità e fake news. L’occasione di questa speciale conversazione è l’uscita del […]
ACN e Contrattazione nazionale, SMI: «La SISAC vuol fare saltare il banco? Intervenga il Ministro Grillo»
Secondo il Sindacato Medici Italiani la Struttura Interregionale Sanitari Convenzionati starebbe portando avanti «il progetto del regionalismo differenziato, a scapito della medicina generale non chiarendo quali siano gli stanziamenti per gli accordi regionali».
In Francia c’è una clinica dedicata alla salute mentale di medici e professionisti sanitari
ESCLUSIVA | Intervista allo psichiatra Thierry Javelot della clinica Le Gouz, che lavora con camici bianchi che combattono sempre più con stress e burnout: «Chi opera in sanità tende a non ammettere di essere malato e a non prendersi cura della propria salute. Finora abbiamo accolto soprattutto infermieri, ma i più esposti sono medici di famiglia e di Pronto soccorso»
Aggressioni ai Veterinari Pubblici, condannate due persone. SIVeMP: «Segnale positivo ma c’è ancora tanto da fare»
Condannate a 8 e 9 mesi di reclusione due persone che nel 2015 avevano preso a calci e pugni un veterinario in un piccolo paese del Leccese. Il veterinario era stato aggredito per aver denunciato un illecito conseguente alla vendita fraudolenta di un cavallo sottoposto a sequestro amministrativo. Gli imputati sono stati condannati per lesioni […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone