OMCeO, Enti e Territori 11 Febbraio 2019

Sima (Società Italiana Medicina Ambientale): Italiaambiente è organo d’informazione ufficiale

La cronaca ambientale e le battaglie per il diritto alla salute dei cittadini si saldano nella capacità di penetrare il mondo dell’informazione e stabiliscono una collaborazione destinata ad aumentare conoscenza e consapevolezza su questi temi. Italiaambiente – il quotidiano della biodiversità diventa lo spazio fisso attraverso il quale la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) […]

La cronaca ambientale e le battaglie per il diritto alla salute dei cittadini si saldano nella capacità di penetrare il mondo dell’informazione e stabiliscono una collaborazione destinata ad aumentare conoscenza e consapevolezza su questi temi.

Italiaambienteil quotidiano della biodiversità diventa lo spazio fisso attraverso il quale la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) informerà i lettori su fatti e misfatti dell’ambiente che ci circonda, rilevando rischi, criticità e soluzioni per ridurre l’impatto ambientale sulla nostra salute. Un supporto – quello di Italiaambiente ai temi della salute – che non si esaurisce con l’informazione al lettore ma che arriva in linea diretta anche agli addetti ai lavori: ogni articolo sul tema verrà rilanciato ai giornalisti in redazione e ai freelance, che potranno riprendere e approfondire l’argomento.

«Dal 2013 – commenta Arrigo D’Armiento, direttore responsabile di Italiaambiente – ci occupiamo di informazione ambientale: politica, cronaca dalle Regioni, ecosistemi, animali, agroalimentare, scienza e ricerca. Ogni mattina il notiziario gratuito arriva ai lettori direttamente in casella di posta e oggi perfezionare il focus sulla salute significa offrire nuove risposte ai cittadini, che sempre di più si interrogano sulla sostenibilità delle proprie scelte quotidiane».

«Il binomio ambiente – salute, lanciato su solide basi scientifiche da SIMA sin dalla sua fondazione nel 2015, è un tema cui non ci si può sottrarre per garantire uno sviluppo realmente sostenibile, che abbia ricadute positive in termini culturali, etici, economici, politici, sulla qualità della vita dei cittadini e sulla salute stessa del Pianeta – spiega Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale – . Quando si parla di ambiente, si crea un immediato collegamento emotivo con il concetto di natura, di biodiversità, di fauna selvatica, ma anche di inquinamento atmosferico, di avvelenamento del terreno o di dissesto idrogeologico. Tutti questi aspetti fanno parte dell’ambiente e compito della Medicina Ambientale consiste nel preservare la salute umana, evitando che ciò che ci circonda possa divenire ‘fattore ambientale’ determinante di malattia, infortunio e morte prematura. Il tema è vasto, l’approccio multidisciplinare e il ruolo di un’informazione colta, rigorosa ma libera diventa oggi per SIMA uno strumento strategico per sensibilizzare nel modo corretto la popolazione e tutti gli stakeholders coinvolti».

Articoli correlati
Amianto, Castellone (M5S): «Un’emergenza sanitaria, ambientale e sociale. Presentato nuovo Ddl»
Con il Registro Nazionale dei tumori e l’istituzione del referto epidemiologico nuovi strumenti per monitorare le varie forme tumorali legate all’esposizione ad asbesto. Il sottosegretario all’Ambiente Micillo: «Grazie alla collaborazione tra il pm Guariniello e il ministero, entro pochi mesi sarà attivata una task force incaricata di creare un sistema di smaltimento sicuro»
di Isabella Faggiano
Giornata del Chimico-Fisico, Orlandi (FNCF): «Ambiente e salute, nostro ruolo decisivo. Politica ne tenga conto»
A Roma celebrata la prima giornata nazionale del Chimico-Fisico, professione ora inserita tra quella sanitarie. «Non mancano nella nostra categoria sfide legate all’intelligenza artificiale, ai big data, all’evoluzione delle apparecchiature e conseguentemente l’impatto sulla salute di queste tecnologie sia in ambito ospedaliero che in ambito industriale e ambientale», sottolinea la presidente dell'Ordine Nausicaa Orlandi
Piogge estreme mettono a rischio la salute pubblica. La ricerca dell’Università di Bologna
La frequenza di precipitazioni estreme – eventi che possono causare frane e alluvioni, mettendo a rischio la sicurezza e la salute pubblica – è aumentata a livello globale negli ultimi cinquant’anni di pari passo con l’intensificarsi del riscaldamento globale. A rivelarlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista Water Resources Research e realizzato da studiosi […]
Ambiente, cinque gradi in più entro fine secolo. Luca Mercalli: «Eventi estremi incideranno sulla nostra salute. Ecco cosa si può fare»
Il noto meteorologo, ospite di Milano Taking care, lancia la sua ricetta per fermare il surriscaldamento climatico: «Più energia rinnovabile, meno sprechi, case ben isolate per usare poca energia, cibo locale e stagionale, poca carne e meno viaggi aerei»
di Federica Bosco
Farmaci sfusi, via libera alla sperimentazione in Italia. Li Bassi (Aifa): «Ridurrà l’inquinamento ambientale»
L'obiettivo è soddisfare i bisogni sanitari e migliorare l'efficientamento delle risorse a disposizione. Il ministro della Salute Grillo: «Potrebbe rivoluzionare la vendita dei farmaci al dettaglio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone