Voci della Sanità 25 Gennaio 2019 18:44

Sci, i consigli di fisioterapisti e nutrizionisti per prepararsi al meglio. Sara Farnetti: «Cibi proteici per sport ad alta quota. Combinare bene gli alimenti»

Con il periodo delle settimane bianche occorre preparare bene il corpo. L’ultima tendenza del fitness è l’EMS training una particolare metodologia che, applicata ad un allenamento funzionale a corpo libero e grazie a degli impulsi, va ad aumentare dell’80% la risposta naturale dei muscoli

Puntuale come ogni stagione, è arrivato il periodo più atteso dell’anno per gli appassionati di sci. Per godere della full immersion di adrenalina a stretto contatto con la natura evitando il rischio di infortuni è fondamentale non farsi cogliere alla sprovvista e preparare muscolatura e articolazioni.

Come rimediare con un allenamento last minute quando fra lavoro e impegni il tempo scarseggia? La risposta è l’EMS training, l’ultima tendenza del fitness. Ormai da tempo, nelle boutique FitAndGo è possibile scegliere dei percorsi di allenamento dedicati proprio alla presciistica con un protocollo studiato ad hoc da chinesiologi e osteopati presenti nel team. L’EMS training è una particolare metodologia che, applicata ad un allenamento funzionale a corpo libero e grazie a degli impulsi, va ad aumentare dell’80% la risposta naturale dei muscoli e ad attivarne circa 300 con 30.000 contrazioni.

«Questo innovativo sistema permette di avere, oltre ad un tangibile aumento del trofismo muscolare, un assoluto controllo di quei muscoli poco visibili poiché profondi, non palpabili e assai trascurati in quanto non esteticamente interessanti, ma che in realtà sono responsabili di una corretta postura. Ovvero la posizione del corpo richiesta durante un gesto atletico attraverso il reclutamento di una ben precisa sinergia muscolare, come nel caso di una discesa sciistica», sottolinea Bruno Brosio, fisioterapista, osteopata, posturologo. Che prosegue: «Il metodo contribuisce notevolmente al raggiungimento di questo risultato grazie al vantaggio che offre sul piano propriocettivo muscolare, che in termini pratici si traduce in maggiore controllo di ogni nostro gesto».

«Sempre di più i ritmi serrati e la vita frenetica non ci permettono di avere del tempo da dedicare alla cura del nostro corpo», afferma il CEO di FitAndGo Marco Campagnano, «ma noi abbiamo trovato una soluzione ottimale per stare in forma e soprattutto in salute in soli 20 minuti alla settimana».

Attestata l’efficacia di un allenamento funzionale, risultati ulteriormente soddisfacenti possono essere raggiunti grazie ad un’alimentazione corretta e altrettanto «funzionale», così come la definisce Sara Farnetti, specialista in medicina interna, fisiopatologia del metabolismo e della nutrizione: «L’appetito vien col freddo. Ed è vero perché quando fa freddo il nostro corpo aumenta l’attività della tiroide per mantenere la temperatura corporea quindi consuma di più. ll sistema migliore per nutrirsi e recuperare energia anche quando si sottopone il nostro corpo allo stress del freddo e dello sport di alta quota è quello di utilizzare cibi proteici, non esagerando con i carboidrati: è tutta una questione di come si combinano gli alimenti».

In concomitanza con la remise en forme che segue le festività natalizie e lo sprint del nuovo anno da sostenere, è importante l’equilibrio tra alimentazione e attività sportiva, prosegue la dottoressa Farnetti: «Scegliere in modo preciso quello che il nostro corpo richiede fa guadagnare salute e giovinezza cellulare. Lo stesso avviene quando scegliamo uno sport, dobbiamo praticare quello giusto e con strategia. In questo modo possiamo gestire il controllo ormonale di insulina, cortisolo, testosterone attraverso gli alimenti e una razionale attività fisica».

 

Articoli correlati
Piste da sci ancora chiuse. Cosa ne pensano i medici sciatori? Le risposte della SIMS
Bertinato (Presidente Squadra Italiana Medici Sciatori): «Rischi alti, necessario lockdown totale». Martini (Segretario SIMS): «Non è l’attività sciistica in sé ad essere rischiosa. Il problema è tutto il resto»
Logopedia neonatale: così si passa dall’alimentazione artificiale alla naturale
Panizzolo (logopedista): «Imparare ad alimentarsi per via orale è uno dei criteri raccomandati per le dimissioni dalla Tin. Durante i follow-up periodici necessario il controllo logopedico per monitorare l’evoluzione cognitiva, comunicativa e linguistica del bambino»
di Isabella Faggiano
Nutrizione medica e Covid-19: qual è il bisogno dei pazienti oncologici in tempo di pandemia?
Unione Italiana Food fa il punto sulla situazione italiana degli Alimenti a Fini Medici Speciali per i malati oncologici alla luce dell’attuale riduzione dell’accesso in ospedale per timore di contagio
L’esercito del benessere a domicilio. Tre step per ritrovare la salute: nutrizione sana, attività fisica e supporto psicologico
Si chiama “Il benessere a casa tua” ed è un servizio gratuito a disposizione dei cittadini, nato durante il lockdown, ma che punta a sostenere gli italiani anche nella fase 2 dell’emergenza. Inaugurato in Friuli Venezia Giulia, esteso in Lombardia, ora mira ad un’espansione nazionale
di Isabella Faggiano
Nutrizione grande assente nei percorsi formativi dei medici europei. L’allarme di Espen
Muscaritoli: «L'apprendimento della nutrizione è obbligatorio per i futuri medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...