Voci della Sanità 18 Maggio 2018

Sanofi lancia #5azioni, la prima social academy sulla salute

Fare rete utilizzando al meglio la rete. Perché dialogare, confrontarsi grazie al digitale può aiutare tutti quegli eroi che ogni giorno combattono la propria battaglia quotidiana, qualunque essa sia. Così per consigliare come condividere esperienze ed informazioni utilizzando al meglio le potenzialità offerte dal web e dai social media, Sanofi lancia #5azioni, la prima social academy sulla salute. L’academy […]

Immagine articolo

Fare rete utilizzando al meglio la rete. Perché dialogare, confrontarsi grazie al digitale può aiutare tutti quegli eroi che ogni giorno combattono la propria battaglia quotidiana, qualunque essa sia.

Così per consigliare come condividere esperienze ed informazioni utilizzando al meglio le potenzialità offerte dal web e dai social media, Sanofi lancia #5azioni, la prima social academy sulla salute. L’academy sarà sviluppata interamente su Facebook, sulla fanpage 5azioni e su Twitter, sull’account @5azioni con il supporto di esperti e avrà un focus privilegiato sul diabete, che nel 2017 si è rivelato essere ai primi posti tra i temi di salute più cliccati sul web in Italia (Diabetes Web Report 2017).

«Stiamo sottovalutando la connessione empatica che oggi la rete e i social media richiedono con le persone» – ha esordito Paolo Iabichino, chief creative officer di Ogilvy e autore di Scripta volant, durante la presentazione del progetto in diretta web dalla Comunità di San Patrignano nell’incontro #MeetSanofi “Gli eroi del quotidiano”. A dargli manforte sul palco Barbara Sgarzi, tutor della neonata social academy, docente Sissa e autrice di Social media journalism: «C’è ancora tanto bisogno di divulgazione sui temi della salute. E la comunicazione digitale può darci un grande aiuto. Con pazienza, presenza, senza farsi trascinare da polemiche sterili» ha dichiarato.

Forte dell’eredità del progetto #5azioni – nato già nel 2014 come momento di confronto tra associazioni di pazienti con diabete, medici, infermieri, istituzioni, community online, esperti di salute digitale e comunicazione – che ha fatto emergere l’importanza per le persone con diabete di fare rete e creare comunità digitali dove ascoltare, confrontarsi, dialogare e condividere, Sanofi ha individuato#5azioni per comunicare al meglio e fare rete online: ASCOLTARE con sensibilità, DIALOGARE creando relazioni autentiche, COINVOLGERE all’azione, VERIFICARE affidandosi a fonti autorevoli, FARE RETE passando dall’online all’offline.

«In rete e sui social media le persone con diabete si confrontano sistematicamente – ha spiegato Concetta Suraci, presidente di Diabete Italia – I social possono però essere un’arma a doppio taglio perché consentono la circolazione di informazioni scorrette e pertanto pericolose. È necessario, quindi, che sia le persone con diabete sia gli operatori sanitari siano educati a un corretto utilizzo affinché rappresentino un reale valore aggiunto per la nostra comunità».

Articoli correlati
Diabete e intelligenza artificiale, un aiuto anche nel trattamento psicologico del paziente
L’efficacia dell’uso di un trattamento psicologico nel percorso di cura, unita alla generazione di un risparmio per il SSN, è stata confermata. L'Intelligenza Artificiale (IA) può avere un grande impatto, soprattutto sugli aspetti di personalizzazione degli interventi, nonché di monitoraggio e miglioramento dell’aderenza ai processi di cura
di Mara Lastretti (Ordine Psicologi Lazio) e Tommaso Ciulli (Ordine Psicologi Toscana)
Senior Italia FederAnziani e Sumai: «A MMG e specialisti del territorio facoltà di prescrivere farmaci per diabete e patologie respiratorie»
«Esiste, infatti, un numero irragionevole di piani terapeutici che generano visite specialistiche finalizzate esclusivamente al rinnovo del piano, con pesanti ricadute sulla vita dei pazienti, in particolar modo degli anziani e dei più fragili» sottolineano le due associazioni
Premio Innovazione Digitale nella Sclerosi Multipla: in palio 2 premi da 40.000 € ciascuno
Anche quest’anno l’iniziativa è patrocinata dalla SIN (Società Italiana di Neurologia) per favorire l’adattamento e la convivenza con la Sclerosi Multipla attraverso la Digital Technology
Diabete, oltre l’insulina: medicina di precisione, big data e nuove tecnologie sono la frontiera
Intervista al professor Stefano del Prato, presidente della European Association for the Study of Diabetes: «La vita dei pazienti diabetici e la gestione della patologia cambieranno in maniera drastica»
di Tommaso Caldarelli
Il 30% delle vittime del Covid-19 aveva il diabete. Ora è il ‘lockdown terapeutico’ a far paura
Frontoni (IBDO Foundation): «Potenziare i servizi di rete». L'onorevole Pella: «Puntare su telemedicina e approvare piano per la banda ultra-larga»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 agosto, sono 18.082.616 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 689.428 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»