Voci della Sanità 11 Febbraio 2020

Sanità, Zampa: «L’intelligenza artificiale può aiutare il decisore politico a rendere la sanità più efficiente»

«Ho incontrato al Cineca, insieme al Professor Armando Cirillo, Consulente del Ministro della Salute, un team di alta competenza tecnologica: il Dottor David Vannozzi, Direttore Generale, la Dottoressa Daniela Galetti, responsabile sistemi di supercalcolo, la Dottoressa Serena Borelli, direttore organizzazione e sistemi ed il Dott. Mauro Moruzzi, Health Advisory Board di Cineca, promotore dell’incontro. In […]

«Ho incontrato al Cineca, insieme al Professor Armando Cirillo, Consulente del Ministro della Salute, un team di alta competenza tecnologica: il Dottor David Vannozzi, Direttore Generale, la Dottoressa Daniela Galetti, responsabile sistemi di supercalcolo, la Dottoressa Serena Borelli, direttore organizzazione e sistemi ed il Dott. Mauro Moruzzi, Health Advisory Board di Cineca, promotore dell’incontro. In quello che è il maggiore centro di calcolo in Italia, uno dei più importanti a livello mondiale, abbiamo avuto modo di confrontarci su come l’Intelligenza Artificiale possa aiutare il decisore politico nel rendere la sanità più efficiente e fornire un servizio migliore ai cittadini in tema di eHealth e di utilizzo dei Big Data, anche per rafforzare la consapevolezza delle grandi opportunità che mette a disposizione di tutti questa nuova frontiera».

Così, in una nota, la Sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, che ha visitato a Bologna il Consorzio Interuniversitario Cineca.

All’incontro, che ha evidenziato l’importanza della collaborazione e condivisione di diverse competenze tecniche, scientifiche, giuridiche per l’analisi dell’enorme massa di dati provenienti dalla nuova sanità dematerializzata, in un’ottica di miglioramento dell’offerta del Servizio Sanitario Nazionale, hanno preso parte esponenti dell’Health Advisory Board di Cineca, Università di Bologna, Fondazione Bruno Kessler, IHE, International Board Member.

«Raccogliere, analizzare i dati e i Big Data, creare modelli, scoprire associazioni e fare previsioni – ha concluso la Sottosegretaria Zampa – sono elementi essenziali di una nuova sanità preventiva, predittiva e di continuità assistenziale. In tutto questo le tecniche di Intelligenza Artificiale e potenzialità offerte dai Big Data possono essere un valido strumento per aprire una fase nuova nei sistemi di governo della sanità, cercando di elevare il livello di comprensione della qualità delle cure nell’ambito della governance del Sistema Sanitario Nazionale».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
A Milano la Casa pediatrica diventa 4.0: arriva un macchinario per controllare 24 ore su 24 cuore e respiro dei piccoli pazienti
Il direttore Bernardo: «Possibile registrare i dati del singolo bambino, monitorarlo durante la degenza e oltre e gestire tutti i reparti a distanza»
di Federica Bosco
«Il coronavirus non riguarda la pediatria? È solo apparenza». Presentato il position paper AOPI
Da AOPI il documento sulla presa in carico del paziente pediatrico in epoca Covid-19. Petralia: «Proponiamo al Governo di destinare una quota degli investimenti previsti per il SSN alla costruzione di un fondo ad hoc per gli ospedali pediatrici»
di Tommaso Caldarelli
Medicina di genere, Zampa (Salute): «Istituito all’Iss l’Osservatorio dedicato, grande passo avanti»
Per la sottosegretaria alla Salute si tratta di una vera conquista per la medicina di genere. Al centro prevenzione, ricerca, formazione e comunicazione
Proroga stato di emergenza, Zampa: «Nulla cambierà per la riapertura delle scuole»
Dopo il passaggio parlamentare con l’approvazione della risoluzione di maggioranza, il Governo ha varato la proroga allo stato di emergenza del rischio sanitario connesso all’infezione da coronavirus al 15 ottobre. Ma nulla cambierà sulla data d’inizio delle attività scolastiche confermata al 14 settembre, come dichiara la Sottosegretaria al Ministero della Salute On. Sandra Zampa, che […]
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare