Voci della Sanità 12 Novembre 2021 11:18

Sanità, Misiti (M5S): «Verso revisione DRG entro fine anno, per chirurghi sarà più facile eseguire interventi innovativi»

«Il sistema DRG ad oggi risulterebbe privo di circa 4800 codici corrispondenti a tecniche e tipi di interventi, in tutte le branche chirurgiche, che necessitano di essere inseriti nell’elenco» ricorda il deputato M5S Massimo Misiti. Ora Agenas si è impegnata a portare a termine il processo entro la fine del 2021

«La revisione dei DRG (il sistema di retribuzione degli ospedali per le attività di cura), grazie alla volontà del direttore dell’Agenas, il dottor Domenico Mantoan, e al lavoro dei suoi delegati, ha finalmente ripreso una giusta marcia, e con il coinvolgimento del ministero della Salute, dell’Istituto Superiore di Sanità, di tre regioni guida e del Collegio Italiano dei Chirurghi, entro la fine di questo anno sarà portato finalmente a termine. Il lavoro è stato eseguito con il contributo del CIC che, dopo aver effettuato un censimento, attraverso le società scientifiche, delle procedure non codificate, ha costituito una commissione dedicata per la disamina e la soluzione dell’annosa problematica». Così in una nota Massimo Misiti, medico e deputato del Movimento 5 stelle.

«All’evoluzione delle metodiche e delle procedure chirurgiche degli ultimi anni – prosegue il deputato pentastellato – non ha fatto seguito la revisione e l’aggiornamento dei DRG. Infatti, il sistema DRG, presentato nel 1994 conta le ultime modifiche dei relativi codici, negli anni 2005 e 2008 e ad oggi risulterebbe privo di circa 4800 codici corrispondenti a tecniche e tipi di interventi, in tutte le branche chirurgiche, che necessitano di essere inseriti nell’elenco. Il progetto it.DRG permetterebbe, con il suo aggiornamento, di essere un sistema integrato e di guida per la riforma del SSN e di supporto al regolamento definito dal DM70 del 2015 e alle modifiche che sono in corso. La mancata revisione dei codici limita e blocca la possibilità ai chirurghi di eseguire interventi innovativi ed essere al pari con i tempi con i colleghi Europei, e non solo».

«I chirurghi italiani sono considerati tra i più bravi al mondo – conclude Misiti – e in alcune specialità chirurgiche con alcune tecniche innovative, conseguenti allo studio e alla manualità di questi medici italiani, che hanno descritto per primi determinate tecniche chirurgiche, si sono avuti dei risultati impensabili con la chirurgia di pochi anni fa. Eppure, oggi, il più grande dei problemi è legato alla lentezza burocratica che non riconosce la codifica di questi interventi tanto che fino ad ora ha impedito, ed in alcuni casi ostacolato, il riconoscimento del loro operato. Entrando nello specifico, è sufficiente osservare, ad esempio, come in ortopedia l’intervento chirurgico in artroscopia in alcune patologie e nelle articolazioni abbia soppiantato la chirurgia a cielo aperto. La burocrazia italiana e la mancanza di aggiornamento dei DRG, non riconoscendo questa metodica a cui i pazienti propendono, pone i chirurghi che l’eseguono, in un teorico contezioso e ad essere perdenti dall’inizio; questo succede anche in chirurgia generale o in chirurgia urologica per tutte quelle metodiche chirurgiche che possono essere eseguite senza o con l’utilizzo del robot. In questo mese di novembre saranno confrontati i dati ottenuti e dopo la verifica da parte dell’AGENAS, sarà effettuato in un incontro con i rappresentanti dei cluster delle società scientifiche, definiti di concerto con il CIC, per la pubblicazione dei risultati».

Articoli correlati
Sanità in Calabria, Misiti (M5S): «Carenza personale sanitario aggrava situazione già difficile. Basta spettacolarizzazione dei media»
Misiti contesta la narrazione dei media che spesso parlano «di una sanità calabrese che non ha nulla da offrire, al pari di un territorio sottosviluppato». Secondo il deputato e medico M5S «non si può di certo negare che l’attrattiva per i giovani professionisti, medici, infermieri e oss sia pressoché nulla» e dunque bisogna «cambiare paradigma»
Governo, da Marini (Acoi) appello al Parlamento: «Fate presto»
Il Presidente ACOI Marini: «Il Sistema sanitario nazionale non può andare in lista d’attesa». Lanciato sui social hashtag #FatePresto»
«No al federalismo in sanità. Serve una migliore offerta formativa». I chirurghi bocciano le scelte del Governo
Se ne è parlato al workshop promosso dal Collegio Italiano dei Chirurghi e la Società Polispecialistica Italiana dei Giovani Chirurghi (SPIGC): «L'assunzione di medici in formazione determinerà nell’immediato futuro un peggioramento della qualità dell’assistenza offerta»
Contenzioso, Marini (ACOI): «Completare al più presto Legge Gelli, per noi chirurghi le assicurazioni continuano ad aumentare»
«La medicina difensiva costa 15 miliardi all’anno, bisogna muoversi» sottolinea il presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri che poi chiede si avvii il percorso di unificazione tra le varie associazioni di categoria
Crisi governo, Marini (Acoi): «Ecco le proposte per il prossimo ministro della Salute»
«Le aggressioni scoraggiano i giovani medici, che non vogliono più fare i chirurghi. Ma in fondo perché dovrebbero volerlo?». L'intervista al presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri Pierluigi Marini
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...