OMCeO, Enti e Territori 16 novembre 2018

Sanità, joint venture Italia-Cina per connubio medicina cinese e occidentale

La medicina occidentale incontra la medicina tradizionale cinese con la prima partnership tra un gruppo ospedaliero italiano e la più importante casa farmaceutica di Pechino. E’ stata costituita l’azienda Tong Ren Tang Giomi S.r.l., con sede a Roma, frutto di una joint-venture tra il Gruppo Giomi e la società cinese Beijing Tong Ren Tang Europe […]

La medicina occidentale incontra la medicina tradizionale cinese con la prima partnership tra un gruppo ospedaliero italiano e la più importante casa farmaceutica di Pechino. E’ stata costituita l’azienda Tong Ren Tang Giomi S.r.l., con sede a Roma, frutto di una joint-venture tra il Gruppo Giomi e la società cinese Beijing Tong Ren Tang Europe Holding B.V., al fine di sviluppare e commercializzare i prodotti naturali di medicina tradizionale cinese sui mercati italiano e tedesco, di promuovere cure e terapie asiatiche e lavorare allo studio di nuovi prodotti naturali combinando tradizione e innovazione nel campo farmaceutico.

“La Cina è senza dubbio tra i Paesi con un futuro tra i più promettenti al mondo per lo sviluppo del settore della salute e, più in generale, dell’intera filiera delle scienze della vita – sottolinea Fabio miraglia, amministratore unico di Giomi Rsa, nonché della società neo-costituita – e al tempo stesso l’approccio più moderno alla medicina sta riscoprendo vecchie tradizioni sanitarie e alimentari. Porre al centro la prevenzione, la cura dell’Io, il rispetto della propria persona, per noi è sempre stata la principale linea guida, una rivoluzione silenziosa in cui giochiamo un ruolo da protagonisti”.

Il progetto partirà a inizio 2019 con la commercializzazione di integratori alimentari cinesi, che diventeranno più di mille una volta a regime. Dunque ginseng, morinda, giuggiola, rehmannia, composti con tecniche centenarie che hanno valso a Tong Ren Tang il riconoscimento di patrimonio culturale della Cina, saranno distribuiti in farmacie, parafarmacie e nei canali della grande distribuzione. Poi si passerà ai farmaci, una volta ottenuta l’autorizzazione, e all’apertura di nuovi ambulatori di medicina tradizionale cinese presso le strutture Giomi. Nei centri di Roma, Firenze e Berlino, specialisti metteranno in atto le terapie asiatiche, mentre in Cina si diffonderanno le cure europee.

“Il lavoro preparatorio è stato considerevole sia per la certificazione dei prodotti di medicina tradizionale cinese secondo le leggi e regolamenti europei, sia per creare un valido piano strategico per la distribuzione in Italia e Germania con partner europei qualificati – afferma Miraglia – Il primo pubblico saranno i cinesi, l’Europa ha milioni di residenti cinesi e un flusso di turisti sempre maggiore che necessita di avere libero accesso ad un modello di cura che soddisfi le loro abitudini. Poi ovviamente l’obiettivo è poter avvicinare sempre più occidentali ad un sistema di cure naturali di altissima qualità”.

Tong Ren Tang entrerà nel mercato sanitario europeo e il gruppo Giomi proseguirà il suo percorso di internazionalizzazione e di arricchimento scientifico della cura. Con queste premesse, la neo-costituita società Tong Ren Tang Giomi Srl vuole rappresentare un’effettiva collaborazione sino-italiana mirata a diffondere il benessere attraverso metodologie sanitarie che sino a ieri divergevano per tradizioni e tecniche. Importante sarà anche la presenza nel mercato asiatico che la joint venture avrà con apertura di centri sanitari.

Articoli correlati
Giuseppe Pulina (Carni Sostenibili): «Ecco perché non va demonizzata la bistecca»
«Non può esistere una dieta valida per tutti: il regime alimentare dipende da tanti fattori. Una dieta varia, completa e sostenibile è da preferire. No a criminalizzare la carne» parla il Professor Giuseppe Pulina, Presidente dell’associazione Carni sostenibili
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»
Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»
Tecnici di laboratorio, Sergio Bernardini (Sibioc): «Investimenti in medicina di precisione o presto dovremo mandare all’estero i campioni biologici»
Il presidente della Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare: «Vanno anche rivisti i programmi di formazione delle lauree triennale e delle specializzazioni in medicina di laboratorio ma fondamentale è l’investimento in nuove strumentazioni». Sul nuovo Ordine delle professioni sanitarie: «È un’opportunità perché l’Ordine assicura l’accreditamento dei professionisti, tutela la professione dalla possibilità di situazioni poco trasparenti e soprattutto dà grande dignità alla professione»
Aderenza terapeutica, quale il ruolo della farmacia? Tobia (Federfarma): «Siamo colonna del SSN. Necessaria alleanza tra attori del sistema»
Quattro milioni di italiani entrano ogni giorno in farmacia, «dunque bisogna puntare su questa per insegnare prevenzione e adesione alle cure». L’intervista a Roberto Tobia, presidente Federfarma Palermo e Tesoriere Federfarma nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...