Voci della Sanità 16 Novembre 2018 15:52

Sanità, joint venture Italia-Cina per connubio medicina cinese e occidentale

La medicina occidentale incontra la medicina tradizionale cinese con la prima partnership tra un gruppo ospedaliero italiano e la più importante casa farmaceutica di Pechino. E’ stata costituita l’azienda Tong Ren Tang Giomi S.r.l., con sede a Roma, frutto di una joint-venture tra il Gruppo Giomi e la società cinese Beijing Tong Ren Tang Europe […]

La medicina occidentale incontra la medicina tradizionale cinese con la prima partnership tra un gruppo ospedaliero italiano e la più importante casa farmaceutica di Pechino. E’ stata costituita l’azienda Tong Ren Tang Giomi S.r.l., con sede a Roma, frutto di una joint-venture tra il Gruppo Giomi e la società cinese Beijing Tong Ren Tang Europe Holding B.V., al fine di sviluppare e commercializzare i prodotti naturali di medicina tradizionale cinese sui mercati italiano e tedesco, di promuovere cure e terapie asiatiche e lavorare allo studio di nuovi prodotti naturali combinando tradizione e innovazione nel campo farmaceutico.

“La Cina è senza dubbio tra i Paesi con un futuro tra i più promettenti al mondo per lo sviluppo del settore della salute e, più in generale, dell’intera filiera delle scienze della vita – sottolinea Fabio miraglia, amministratore unico di Giomi Rsa, nonché della società neo-costituita – e al tempo stesso l’approccio più moderno alla medicina sta riscoprendo vecchie tradizioni sanitarie e alimentari. Porre al centro la prevenzione, la cura dell’Io, il rispetto della propria persona, per noi è sempre stata la principale linea guida, una rivoluzione silenziosa in cui giochiamo un ruolo da protagonisti”.

Il progetto partirà a inizio 2019 con la commercializzazione di integratori alimentari cinesi, che diventeranno più di mille una volta a regime. Dunque ginseng, morinda, giuggiola, rehmannia, composti con tecniche centenarie che hanno valso a Tong Ren Tang il riconoscimento di patrimonio culturale della Cina, saranno distribuiti in farmacie, parafarmacie e nei canali della grande distribuzione. Poi si passerà ai farmaci, una volta ottenuta l’autorizzazione, e all’apertura di nuovi ambulatori di medicina tradizionale cinese presso le strutture Giomi. Nei centri di Roma, Firenze e Berlino, specialisti metteranno in atto le terapie asiatiche, mentre in Cina si diffonderanno le cure europee.

“Il lavoro preparatorio è stato considerevole sia per la certificazione dei prodotti di medicina tradizionale cinese secondo le leggi e regolamenti europei, sia per creare un valido piano strategico per la distribuzione in Italia e Germania con partner europei qualificati – afferma Miraglia – Il primo pubblico saranno i cinesi, l’Europa ha milioni di residenti cinesi e un flusso di turisti sempre maggiore che necessita di avere libero accesso ad un modello di cura che soddisfi le loro abitudini. Poi ovviamente l’obiettivo è poter avvicinare sempre più occidentali ad un sistema di cure naturali di altissima qualità”.

Tong Ren Tang entrerà nel mercato sanitario europeo e il gruppo Giomi proseguirà il suo percorso di internazionalizzazione e di arricchimento scientifico della cura. Con queste premesse, la neo-costituita società Tong Ren Tang Giomi Srl vuole rappresentare un’effettiva collaborazione sino-italiana mirata a diffondere il benessere attraverso metodologie sanitarie che sino a ieri divergevano per tradizioni e tecniche. Importante sarà anche la presenza nel mercato asiatico che la joint venture avrà con apertura di centri sanitari.

Articoli correlati
Mandelli (FOFI): «Dal Presidente Meloni parole importanti sul ruolo del farmacista»
«Confermiamo al Presidente Meloni che i 100mila farmacisti che esercitano nelle farmacie e negli ospedali, al servizio delle comunità e dei pazienti, anche nelle aree del Paese geograficamente più disagiate, sono da subito a disposizione» sottolinea il presidente della FOFI
Chirurgia intima: ringiovanimento vaginale e labioplastica tra gli interventi più desiderati
Torna, per il nono anno consecutivo, dal 26 settembre al 1° ottobre 2022, l’appuntamento con la Settimana del Benessere Sessuale (SBS): incontri e consulenze, offerte dagli specialisti in tutta Italia, in tema di sessualità, educazione sessuale e affettività. L’indagine della FISS sulla chirurgia estetica dei genitali: «Chi ha ceduto alla tentazione del bisturi l’ha fatto per colmare un senso di insoddisfazione e per migliorare la relazione sessuale con il partner»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Langya: il nuovo virus che viene dalla Cina
Identificati 35 casi, nessuno letale, in 4 anni. Gli studiosi dell’University of Hawaii di Honolulu avvertono: «I cambiamenti climatici aggraveranno del 58% l’impatto delle malattie infettive già note sugli esseri umani». Avanzano anche un’ipotesi estrema, ma non impossibile: lo scongelamento del permafrost potrebbe rimettere in circolazione agenti patogeni del tutto sconosciuti al sistema immunitario umano
Medicina senza sangue: perché oggi molti la scelgono
Negli anni ’80 era la tecnica utilizzata per curare i Testimoni di Geova, oggi è in aumento in diverse parti del mondo perché costa meno e comporta meno rischi di infezione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni