Voci della Sanità 1 Dicembre 2020 17:37

Salute, Regimenti (Lega): «Programma EU4Health sia inizio di nuova politica sanitaria europea»

«L’impegno della Lega è finalizzato proprio a cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze» spiega l’eurodeputata Luisa Regimenti

«Mi auguro che il programma per la salute EU4Health, che entrerà in vigore nella Ue dal 2021, con decorso fino al 2027 e un budget di 5,1 miliardi di euro, rappresenti l’inizio di un nuovo modo di concepire l’emergenza sanitaria, offra il necessario sostegno agli Stati membri per lo sviluppo dei servizi territoriali e contribuisca concretamente alla nascita di una politica sanitaria innovativa, la quale, pur rimanendo di competenza nazionale, deve essere più inclusiva e in grado di affrontare in modo efficace le future minacce». È quanto afferma l’europarlamentare della Lega Luisa Regimenti, che ha preso parte al secondo trilogo di EU4Health, il programma europeo per la salute, in qualità di co-relatrice per il Gruppo Identità e Democrazia, sottolineando che «l’impegno della Lega è finalizzato proprio a ottenere questi risultati, per cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze».

«Il testo approvato dal Parlamento è molto ambizioso ed è volto a garantire che i sistemi sanitari europei siano più resilienti», aggiunge Regimenti, evidenziando però anche il fatto che «al tempo stesso questo programma prevede la creazione di nuove autorità e istituzioni in ambito sanitario, che aumenterebbero la frammentazione delle risorse, già dimezzate rispetto alla proposta iniziale della Commissione».

Secondo l’eurodeputata leghista «rimane chiaro come le lacune e l’impreparazione dell’Unione europea di fronte alla pandemia abbiano sottolineato l’importanza di un sostegno da parte delle istituzioni europee ai settori sanitari dei singoli Paesi, senza interferire però nelle politiche sanitarie nazionali di loro esclusivo appannaggio. Per questo sto lavorando con gli altri co-relatori per facilitare le negoziazioni interistituzionali. L’ultimo trilogo, in agenda il prossimo 14 dicembre, sarà quello decisivo per ottenere un accordo comune sul testo entro la fine di quest’anno e permettere al programma di rimanere coerente con il Quadro Finanziario Pluriennale, su cui ancora però – conclude Regimenti – non si è raggiunto un accordo unanime».

Articoli correlati
Covid-19, Regimenti (Lega): «Caos vaccini, ritardi inaccettabili e misteri sui contratti»
«L'unico contratto reso pubblico è quello con CureVac, tra l’altro oscurato nelle parti sensibili del testo, mentre quelli di Pfizer e Moderna nessuno li ha letti e c'è chi si guarda bene dal rendere pubblici tali accordi» spiega l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Crisi di governo, Boldi (Lega): «Serve governo legittimato per affrontare pandemia. Ora allargare la platea dei vaccinatori»
La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali Rossana Boldi spiega: «Crisi crea delle difficoltà, non è il massimo in piena pandemia». Sul piano vaccinale: «Bisogna coinvolgere le farmacie in modo che siano pronte quando arriveranno dei vaccini più gestibili e conservabili in frigorifero»
OMS a Wuhan, Regimenti (Lega): «Si valutino tutte le piste per indagine su origine del virus»
«Tutte le ipotesi dovrebbero essere valutate attentamente: la struttura genetica della SARS-CoV-2 non esclude un'origine del virus in laboratorio» spiega il medico e europarlamentare della Lega Luisa Regimenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»