Voci della Sanità 1 Dicembre 2020 17:37

Salute, Regimenti (Lega): «Programma EU4Health sia inizio di nuova politica sanitaria europea»

«L’impegno della Lega è finalizzato proprio a cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze» spiega l’eurodeputata Luisa Regimenti

«Mi auguro che il programma per la salute EU4Health, che entrerà in vigore nella Ue dal 2021, con decorso fino al 2027 e un budget di 5,1 miliardi di euro, rappresenti l’inizio di un nuovo modo di concepire l’emergenza sanitaria, offra il necessario sostegno agli Stati membri per lo sviluppo dei servizi territoriali e contribuisca concretamente alla nascita di una politica sanitaria innovativa, la quale, pur rimanendo di competenza nazionale, deve essere più inclusiva e in grado di affrontare in modo efficace le future minacce». È quanto afferma l’europarlamentare della Lega Luisa Regimenti, che ha preso parte al secondo trilogo di EU4Health, il programma europeo per la salute, in qualità di co-relatrice per il Gruppo Identità e Democrazia, sottolineando che «l’impegno della Lega è finalizzato proprio a ottenere questi risultati, per cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze».

«Il testo approvato dal Parlamento è molto ambizioso ed è volto a garantire che i sistemi sanitari europei siano più resilienti», aggiunge Regimenti, evidenziando però anche il fatto che «al tempo stesso questo programma prevede la creazione di nuove autorità e istituzioni in ambito sanitario, che aumenterebbero la frammentazione delle risorse, già dimezzate rispetto alla proposta iniziale della Commissione».

Secondo l’eurodeputata leghista «rimane chiaro come le lacune e l’impreparazione dell’Unione europea di fronte alla pandemia abbiano sottolineato l’importanza di un sostegno da parte delle istituzioni europee ai settori sanitari dei singoli Paesi, senza interferire però nelle politiche sanitarie nazionali di loro esclusivo appannaggio. Per questo sto lavorando con gli altri co-relatori per facilitare le negoziazioni interistituzionali. L’ultimo trilogo, in agenda il prossimo 14 dicembre, sarà quello decisivo per ottenere un accordo comune sul testo entro la fine di quest’anno e permettere al programma di rimanere coerente con il Quadro Finanziario Pluriennale, su cui ancora però – conclude Regimenti – non si è raggiunto un accordo unanime».

Articoli correlati
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Covid, Regimenti (FI): «Non più obbligo vaccini, ma forte raccomandazione»
Secondo l'europarlamentare azzurra «i vaccini hanno avuto, hanno e avranno un ruolo fondamentale nella guerra al Covid, ma ora è il momento per far cadere ogni obbligo»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
Covid, Regimenti (FI): «Nasce il Cts europeo per contribuire al rinnovo della sanità e prepararla a nuove crisi»
«Il Comitato tecnico scientifico europeo, composto da oltre 300 specialisti ed esperti del settore, darà risposte alle singole problematiche e renderanno le istituzioni in grado di realizzare l’Unione europea della salute» spiega l'eurodeputata azzurra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale