Voci della Sanità 3 Settembre 2021 16:09

Salute mentale, D’Arrando (M5S): «Ministero chiarisca su medici anti Basaglia in Friuli Venezia Giulia»

«Purtroppo, nel 2021 siamo ancora qui a dover difendere una legge, la 180 del 1978, che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità reputa la normativa più rispettosa al mondo dei diritti delle persone con disturbo mentale» commenta la deputata pentastellata

«Nessuno tocchi la legge Basaglia e i professionisti che si ispirano ai metodi dello psichiatra veneziano. Purtroppo, ancora non ci sono risposte alle notizie che giungono dalla Regione Friuli Venezia Giulia, dove, in due concorsi per posti vacanti di primario nei servizi territoriali di salute mentale a Pordenone e a Trieste, i candidati formatisi sugli insegnamenti e sui metodi di Franco Basaglia sarebbero stati penalizzati o esclusi, nonostante le numerose esperienze nei servizi territoriali e pur vantando titoli superiori e maggiori pubblicazioni, a vantaggio di altri candidati provenienti anche da fuori regione. Per questo ho presentato lo scorso luglio un’interrogazione al Ministero della Salute e al Ministero della Pubblica Amministrazione per chiedere chiarimenti in merito». Così in una nota Celeste D’Arrando, deputata del Movimento 5 stelle, componente della commissione Affari sociali.

«Ad aggravare il caso – aggiunge la deputata stellata – è la circostanza che i vincitori dei concorsi e la stessa commissione giudicante presentano profili professionali con formazioni ed esperienze che includono metodi di contenzione, in antitesi con le disposizioni contenute nella legge Basaglia e, in alcuni casi, non hanno mai lavorato in servizi analoghi a quelli per cui sono risultati adatti. Purtroppo, nel 2021 siamo ancora qui a dover difendere una legge, la 180 del 1978, che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità reputa la normativa più rispettosa al mondo dei diritti delle persone con disturbo mentale, e indica il sistema triestino come esempio mondiale di una rete integrata di servizi per la comunità. Qualcuno vuole tornare indietro, ma difenderemo questa legge di civiltà».

Articoli correlati
Simone Biles, il bronzo dopo lo stop. La psicologa: «Gli atleti non sono macchine ma ogni difficoltà può diventare un’opportunità»
«Riconoscere le proprie difficoltà e darsi il giusto tempo per lavorarci sopra, imparando a gestirle, è la vera forza. La storia dello sport è piena di questi esempi, bisogna imparare a coglierne il valore costruttivo» spiega la dottoressa Luana Morgilli
Sanità, D’Arrando (M5S): «Assistenti sanitari cruciali per prevenzione ma mancano corsi di laurea»
«Vi sono ancora alcune regioni in cui non vengono avviati i corsi di laurea triennale costringendo, quindi, coloro che vogliono intraprendere questo percorso a spostarsi in altre regioni» spiega la deputata M5S
Conferenza sulla Salute Mentale, Speranza: «Pronti ad investire. Stop alla contenzione meccanica dei pazienti psichiatrici»
Presentato il Documento del tavolo tecnico che analizza lo stato di attuazione del “Piano di Azioni Nazionale per la Salute Mentale” ad otto anni dalla sua approvazione
di Isabella Faggiano
Salute mentale, alla Camera passano mozioni per aumentare i posti letto, creare un nuovo Piano nazionale e un Osservatorio
Le due mozioni, a prima firma Bellucci (Fdi) e Lorenzin (Pd) puntano anche a garantire il rispetto dei Livelli essenziali di assistenza. Il vecchio Piano Pansm è fermo al 2013-2014. Tra le misure anche quella di garantire fino a dieci sedute dallo psicologo ai giovani depressi per via della pandemia
Dl Riaperture, saranno consentite visite a pazienti Covid. D’Arrando-Lorefice: «Protocollo uniforme assicurerà l’accesso»
«Come M5S vogliamo che le visite da parte dei familiari secondo regole prestabilite siano assicurate» sottolineano Celeste DArrando e Marialucia Lorefice, rispettivamente commissaria e presidente della Commissione Affari sociali alla Camera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco