Voci della Sanità 1 Luglio 2019

Salute, l’app Healthy Virtuoso raggiunge i 100mila download e si prepara per sbarcare all’estero

Chi l’avrebbe mai detto che un’app potesse cambiare le abitudini di migliaia di Italiani. L’abbinamento tra salute e tecnologia ha rivoluzionato l’approccio giornaliero delle persone, diventando un tema “virale” come dimostrano gli oltre 100.000 download in soli 5 Mesi. Ad oggi gli utilizzatori di Virtuoso, motivati dai meccanismi di gamification dell’app, si muovono il 41% […]

Immagine articolo

Chi l’avrebbe mai detto che un’app potesse cambiare le abitudini di migliaia di Italiani. L’abbinamento tra salute e tecnologia ha rivoluzionato l’approccio giornaliero delle persone, diventando un tema “virale” come dimostrano gli oltre 100.000 download in soli 5 Mesi.

Ad oggi gli utilizzatori di Virtuoso, motivati dai meccanismi di gamification dell’app, si muovono il 41% in più rispetto alla media della popolazione nazionale (7500 passi/giorno utenti Virtuoso vs 5200 passi/giorno della media Italiana).

Le statistiche mostrano, inoltre, come ad essere più attivi siano le donne in netto vantaggio sugli uomini. Altro dato curioso è la fascia 35-45 anni che mostra enormi miglioramenti e che “surclassa” i giovani in termini di ore di sport, a dimostrazione di come le nuove generazioni risultino essere sempre più sedentarie.

Come Funziona?

Si scarica l’app da Apple Store e Google Play, ci si registra in pochi secondi e Virtuoso tramite Salute e Google Fit sarà in grado di comunicare con oltre 20.000 applicazioni dedicate di fitness, sport e stile di vita, valutando l’attività sportiva svolta, i passi effettuati, le ore di sonno quotidiane e le attività di meditazione. Gli utenti vengono poi ricompensati quotidianamente l’utente per i traguardi raggiunti con dei crediti con cui poter acquistare i premi di oltre 40 partner e premi come Asics, Amazon o Netflix.

L’App è frutto del connubio sinergico tra tecnologia, salute e psicologia, ed è stata sviluppata in collaborazione con un team di esperti dell’Università Cattolica di Milano. L’approccio di Virtuoso ha convinto multinazionali come KPMG e RGA, i cui dipendenti hanno dato vita a Challenge Aziendali sulla Salute che hanno fatto registrare miglioramenti su passi effettuati ed attività fisica svolta fino al 200% sui singoli dipendenti ed in media del 30% su tutti i partecipanti.

Via libera, dunque alle sfide tra dipendenti ma anche tra amici o utenti sconosciuti per gareggiare e stimolarsi a vicenda. «I nostri utenti si muovono in 40% in più rispetto a chi non usa Virtuoso. Il nostro obiettivo è sensibilizzare quante più persone possibile sull’importanza di uno stile di vita attivo e sano come mezzo di prevenzione» sostiene Andrea Severino, CEO e Fondatore di Healthy Virtuoso. Insieme ad Andrea Severino e Nicola Tardelli – cofondatore – c’è un gruppo di ragazzi under 30 che lavora da un anno ad un progetto di prevenzione e sanità tech: «L’obiettivo adesso è espanderci nel resto d’Europa, dove le statistiche sull’inattività fisica sono impietose –  prosegue Andrea Severino – il 46% delle persone che popolano il vecchio continente è totalmente sedentario, in aumento rispetto al 43% del 2013». Le conseguenze di uno stile di vita non corretto si fanno sentire tanto a livello di salute, quanto a livello economico: i Servizi Sanitari Europei spendono sempre di più nella cura delle patologie croniche, come diabete e problemi cardiaci. «Quello che ci proponiamo di fare è agire prima, sulla prevenzione di queste patologie, il cui rischio verrebbe abbattuto con uno stile di vita attivo».

Articoli correlati
Coronavirus, D’Amato: «Parte la nuova app ‘Lazio Doctor Covid’»
La nuova app nasce in collaborazione con i medici di medicina generale e permetterà il rapido monitoraggio delle persone in sorveglianza domiciliare per Covid-19 nel Lazio
Rete 5G, lo stop delle Marche fa discutere. Il promotore rilancia: «Valga principio di precauzione. Ora cambiare legge sulle antenne»
Sandro Bisonni, consigliere regionale dei Verdi, è il promotore della mozione che impegna la Giunta ad applicare il ‘principio di precauzione’. «L’Unione europea consiglia valori cautelativi ancora più bassi di quelli esistenti in Italia. Sarebbe sbagliato alzarli per favorire il 5G» spiega il consigliere marchigiano. Plauso alla mozione da ISDE – Medici per l’Ambiente
Coronavirus, Aimo: «Presente in sacco congiuntivale anche in assenza di altra sintomatologia»
I medici oculisti di Aimo si rivolgono al ministero Speranza: «Pazienti potenzialmente contagiosi affollano nostri Pronto Soccorso»
Processo Panzironi, Magi (OMCeO Roma): «Ecco perché ho denunciato il ‘guru’ di Life 120. Così tuteliamo medici e salute dei cittadini»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi annuncia che si costituirà parte civile nel processo per esercizio abusivo della professione medica nei confronti di Adriano Panzironi: «Altri Ordini ci seguiranno». Poi sottolinea: «Non serve legge che definisca atto medico, definizione è nota». A marzo la prima udienza
Coronavirus, Bernardo (Sacco): «In Cina tra i bambini colpiti nessun decesso»
Il direttore della Casa Pediatrica Fatebenefratelli Sacco di Milano, Luca Bernardo: «Attenzione e prevenzione ma non allarmismo. Sotto i 12 anni mortalità allo 0,2%. Importante poi spiegare il virus ai minori e seguire alcune semplici norme igieniche»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 marzo, sono 533.416 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 24.082 i decessi e 122.710 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...