OMCeO, Enti e Territori 15 novembre 2017

Run for Iov 2017, la corsa “rosa” a Valencia per dire NO al tumore al seno

Guarire dal cancro e ripartire, di corsa. Questo il messaggio lanciato dal team di Run for Iov, composto da donne operate per neoplasia mammaria e medici e personale sanitario dello IOV-IRCCS (Istituto Oncologico Veneto di Padova) che domattina si imbarcherà per Valencia, e domenica correrà contro il cancro e per la ricerca. Lo scorso anno la Maratona di New York, questa […]

Guarire dal cancro e ripartire, di corsa. Questo il messaggio lanciato dal team di Run for Iov, composto da donne operate per neoplasia mammaria e medici e personale sanitario dello IOV-IRCCS (Istituto Oncologico Veneto di Padova) che domattina si imbarcherà per Valencia, e domenica correrà contro il cancro e per la ricerca. Lo scorso anno la Maratona di New York, questa volta la destinazione è la maratona di Valencia, che si tiene domenica 19 novembre nella splendida cornice della città spagnola.

L’esperienza del team di runner composto da donne che hanno attraversato l’esperienza di un tumore al seno si rinnova anche per il 2017 attraverso l’appoggio della Onlus RYLA (Run for Your Life Again) che già lo scorso anno aveva portato 10 pazienti e 3 medici dello IOV-IRCCS a partecipare alla Maratona di New York: domattina infatti (16 novembre) il team di pazienti e di oncologhe partirà per la Spagna per partecipare alla manifestazione podistica in due formazioni differenziate: una correrà la maratona ufficiale di 42 chilometri – le “veterane” di RYLA Sandra Callegarin, Paola Cavallin, Patrizia Sassaro, Ornella Dandolo, Alessandra Marcante, Sabrina Rizzo, Caroline Sassano, Patrizia Fracasso e Samantha Serpentini (Psiconcologa, IOV) e Chiara Bortolato (anestesista presso lo IOV) – l’altra si dedicherà alla competitiva di 10 chilometri – Alice Zanovello, Iuliana Gherasimescu, Marina Franceschi, Michela Grones, Cinzia Volpato, Valentina Bridi, Paola Zennari e Antonella Lefebvre.

Come nasce il Run for IOV? L’ iniziativa è di Sandra Callegarin, una paziente dell‘Istituto Oncologico Veneto di Padova, poi fondatrice della Onlus RYLA, che durante il suo percorso di cura scopre nella corsa una fonte di energia personale; terminate le cure decide di condividere la sua esperienza e di tradurla in un messaggio di speranza e promuove la nascita del team e una raccolta di fondi per la ricerca contro il cancro, a favore dell’Istituto Oncologico Veneto IOV-IRCCS di Padova che l’ha curata. Il fine è  sensibilizzare sull’importanza della prevenzione e lanciare un messaggio di speranza: dal cancro al seno si può guarire e, una volta concluse le terapie, si può riprendere “a correre la propria vita”. La presenza nella squadra dei medici – accanto alle ex pazienti – sta proprio a simboleggiare l’alleanza nel comune obiettivo. «Abbiamo seguito l’esperienza di RYLA fin dall’inizio con attenzione e partecipazione –  sottolinea Giuseppe Opocher, Direttore scientifico dell’Istituto Oncologico Veneto – . Siamo convinti che l’esperienza di chi sta combattendo una forma neoplastica e reagisce con personalità possa essere contagiosa, positiva e in un certo modo rigenerante. Sappiamo che lo sport e l’unione degli intenti possono essere condizioni che contribuiscono ad un miglior vissuto di chi sta uscendo da un’esperienza di neoplasia» specifica il Direttore.

«Con il progetto Run for IOV diamo l’opportunità a donne che hanno vissuto o stanno vivendo l’esperienza del tumore al seno, di riprendere a “correre la propria vita” cimentandosi in un progetto sportivo insieme ad altre compagne di avventura – dichiara Sandra Callegarin, l’ideatrice del progetto. – . Questo assume anche un forte significato simbolico, perché, si lancia un messaggio di incoraggiamento a coloro che non sono ancora in grado di “riprendere la propria corsa” ma che possono almeno aprirsi alla speranza di poterlo presto fare» conclude.

 

Articoli correlati
A Mestre arriva il mammografo “intelligente”
Un ulteriore passo in avanti nella diagnosi precoce del tumore al seno. La Senologia diagnostica del Centro di medicina di Mestre lo fa dotandosi dell’innovativo Mammografo 3d con Tomosintesi smartcurve, l’ultimo ritrovato della tecnologia oggi disponibile. Un’apparecchiatura in grado di effettuare mammografie a risoluzione ancora più elevata rispetto al modello precedente e, grazie ad un […]
Napoli, ha un tumore al seno ma non può essere operata: manca l’anestesista
Ha fatto il giro della rete l’appello di una donna di Napoli, che qualche giorno fa si è sentita rifiutare l’operazione chirurgica per un tumore al seno in tempi brevi nell’ospedale“Incurabili”«per carenza di anestesisti». A questo punto, la paziente si è rivolta ad altre stutture della città ma le lunghe liste d’attesa non permettevano un […]
Oncologia e fertilità: nasce la partnership tra IVI (Istituto Valenciano di Infertilità) e Race for The Cure
L’Istituto Valenciano di Infertilità partecipa per la prima volta come partner alla Race for the Cure, la manifestazione più importante per la sensibilizzazione alla lotta ai tumori del seno in Italia e nel mondo. L’evento, organizzato dall’Associazione Susan G. Komen Italia, utilizza i fondi raccolti dal progetto per realizzare programmi di prevenzione a sostegno delle […]
Tumore al seno, in Emilia-Romagna nasce la Rete regionale dei Centri di senologia
Vicini alla donna dalla prevenzione alla cura. Per migliorare ulteriormente quel percorso di screening, diagnosi tempestiva, terapia e controllo che già colloca l’Emilia-Romagna ai vertici in Italia quando si parla di tumore al seno. Con questo obiettivo, la Regione dà vita alla Rete regionale dei Centri di senologia: potrà contare su 12 strutture di riferimento […]
Violenza donne e tumore al seno: Avon presenta il kit in rosa per la solidarietà
Avon, leader leader mondiale nel settore della bellezza nel canale della vendita diretta di prodotti cosmetici, conferma il proprio sostegno alle donne con l’iniziativa “Nastrino della Solidarietà”, a favore della lotta al tumore al seno e alla violenza contro donne e ragazze. Da oltre 130 anni Avon ha infatti costruito il proprio impegno dedicandosi sia […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...