OMCeO, Enti e Territori 15 Novembre 2017

Run for Iov 2017, la corsa “rosa” a Valencia per dire NO al tumore al seno

Guarire dal cancro e ripartire, di corsa. Questo il messaggio lanciato dal team di Run for Iov, composto da donne operate per neoplasia mammaria e medici e personale sanitario dello IOV-IRCCS (Istituto Oncologico Veneto di Padova) che domattina si imbarcherà per Valencia, e domenica correrà contro il cancro e per la ricerca. Lo scorso anno la Maratona di New York, questa […]

Guarire dal cancro e ripartire, di corsa. Questo il messaggio lanciato dal team di Run for Iov, composto da donne operate per neoplasia mammaria e medici e personale sanitario dello IOV-IRCCS (Istituto Oncologico Veneto di Padova) che domattina si imbarcherà per Valencia, e domenica correrà contro il cancro e per la ricerca. Lo scorso anno la Maratona di New York, questa volta la destinazione è la maratona di Valencia, che si tiene domenica 19 novembre nella splendida cornice della città spagnola.

L’esperienza del team di runner composto da donne che hanno attraversato l’esperienza di un tumore al seno si rinnova anche per il 2017 attraverso l’appoggio della Onlus RYLA (Run for Your Life Again) che già lo scorso anno aveva portato 10 pazienti e 3 medici dello IOV-IRCCS a partecipare alla Maratona di New York: domattina infatti (16 novembre) il team di pazienti e di oncologhe partirà per la Spagna per partecipare alla manifestazione podistica in due formazioni differenziate: una correrà la maratona ufficiale di 42 chilometri – le “veterane” di RYLA Sandra Callegarin, Paola Cavallin, Patrizia Sassaro, Ornella Dandolo, Alessandra Marcante, Sabrina Rizzo, Caroline Sassano, Patrizia Fracasso e Samantha Serpentini (Psiconcologa, IOV) e Chiara Bortolato (anestesista presso lo IOV) – l’altra si dedicherà alla competitiva di 10 chilometri – Alice Zanovello, Iuliana Gherasimescu, Marina Franceschi, Michela Grones, Cinzia Volpato, Valentina Bridi, Paola Zennari e Antonella Lefebvre.

Come nasce il Run for IOV? L’ iniziativa è di Sandra Callegarin, una paziente dell‘Istituto Oncologico Veneto di Padova, poi fondatrice della Onlus RYLA, che durante il suo percorso di cura scopre nella corsa una fonte di energia personale; terminate le cure decide di condividere la sua esperienza e di tradurla in un messaggio di speranza e promuove la nascita del team e una raccolta di fondi per la ricerca contro il cancro, a favore dell’Istituto Oncologico Veneto IOV-IRCCS di Padova che l’ha curata. Il fine è  sensibilizzare sull’importanza della prevenzione e lanciare un messaggio di speranza: dal cancro al seno si può guarire e, una volta concluse le terapie, si può riprendere “a correre la propria vita”. La presenza nella squadra dei medici – accanto alle ex pazienti – sta proprio a simboleggiare l’alleanza nel comune obiettivo. «Abbiamo seguito l’esperienza di RYLA fin dall’inizio con attenzione e partecipazione –  sottolinea Giuseppe Opocher, Direttore scientifico dell’Istituto Oncologico Veneto – . Siamo convinti che l’esperienza di chi sta combattendo una forma neoplastica e reagisce con personalità possa essere contagiosa, positiva e in un certo modo rigenerante. Sappiamo che lo sport e l’unione degli intenti possono essere condizioni che contribuiscono ad un miglior vissuto di chi sta uscendo da un’esperienza di neoplasia» specifica il Direttore.

«Con il progetto Run for IOV diamo l’opportunità a donne che hanno vissuto o stanno vivendo l’esperienza del tumore al seno, di riprendere a “correre la propria vita” cimentandosi in un progetto sportivo insieme ad altre compagne di avventura – dichiara Sandra Callegarin, l’ideatrice del progetto. – . Questo assume anche un forte significato simbolico, perché, si lancia un messaggio di incoraggiamento a coloro che non sono ancora in grado di “riprendere la propria corsa” ma che possono almeno aprirsi alla speranza di poterlo presto fare» conclude.

 

Articoli correlati
Patto per la salute, Giulia Grillo: «Ascolteremo i protagonisti della sanità per raccogliere idee e modelli innovativi»
L’8, il 9 e il 10 luglio, per tre giorni consecutivi, il ministero della Salute ascolterà i protagonisti della sanità italiana, in vista della definizione del Patto per la Salute 2019-21. L’accordo sarà stipulato da Governo e Regioni per progettare le politiche sanitarie del prossimo triennio. La tre giorni sarà una vera e propria maratona […]
Maratona Lugano 2019, team Consulcesi protagonista. Pedrazzini: «Correre in squadra mi ha dato una carica in più»
Grande partecipazione alla 14^ edizione della StraLugano 2019, la competizione sportiva luganese che coniuga corsa, divertimento e solidarietà. Presente anche il team Consulcesi con dipendenti di Roma, Tirana e Balerna, guidato dalla manager Anna Pedrazzini: «Bellissima esperienza, grande occasione per fare gruppo e condividere i sani valori dello sport»
Anna Pedrazzini, la manager-maratoneta che corre per solidarietà con Consulcesi Onlus
«Indossare la maglia della Consulcesi alla Maratona di Roma praticando la cosa che amo più al mondo e per un progetto così importante è stata un’esperienza straordinaria che sicuramente si ripeterà in futuro», il racconto in prima persona di Anna Pedrazzini, manager del network legale Consulcesi a Sanità Informazione
Tumore al seno, con “Impronte” ricercatrici sfilano per la prevenzione oncologica
”Ciascun abito è una donna, ciascuna donna una storia …” recita lo slogan della collezione, lanciando un forte messaggio: dal cancro si può guarire
di Federica Bosco
Maratona di Roma 2019. Consulcesi Onlus: gara di solidarietà per sostenere l’Unità Mobile “Salute e Inclusione”
Gara di solidarietà anche tra i dipendenti e i manager di Consulcesi, che hanno partecipato alla Maratona di Roma per vincere la sfida contro l’indifferenza di chi vive ai margini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...