Voci della Sanità 6 Maggio 2019

Roma protagonista del rock benefico: la JC Band in concerto per le famiglie fragili e le vittime di disagio, abuso e violenza

La rock band di Janssen Italia si esibirà stasera alle 20:30 presso il Planet Roma, per sostenere il progetto “Avrò cura di te”, dell’Associazione Oltre l’Orizzonte

La stagione dei concerti romana, dopo l’appuntamento del 1° maggio, prosegue all’insegna del rock benefico. L’appuntamento è previsto per oggi, 6 maggio, alle 20:30 al Planet Roma (via del Commercio 36) per il concerto benefico della JC Band, “Rock Song is a Love Song”. La rock band, guidata da Massimo Scaccabarozzi, Presidente e Amministratore Delegato di Janssen Italia e Presidente di Farmindustria, raccoglierà fondi per l’Associazione Oltre l’Orizzonte e nello specifico per il Progetto “Avrò cura di te”.

“Il Progetto ‘Avrò cura di te’ risponde ai bisogni di famiglie fragili e vittime di disagio, abuso e violenza. La nostra Associazione – spiega Assunta Lombardi, Presidente di Oltre l’Orizzonte –, mira a realizzare interventi integrati socio-sanitari, assistenziali, riabilitativi e di reinserimento sociale a sostegno delle donne e dei minori fragili, degli stranieri, delle vittime di disagio, abuso o violenza psico-fisica, e deprivazione socio-economica e delle loro famiglie. Mi sento quindi di ringraziare la JC Band per il prezioso contributo che darà a questo nostro importante progetto”.

La JC Band è interamente composta da dipendenti Janssen Italia, guidati dal frontman Massimo Scaccabarozzi, voce e chitarra, Presidente e Amministratore Delegato di Janssen Italia e Presidente di Farmindustria. Insieme a lui, si esibiscono i musicisti-colleghi: Maurizio Lucchini al basso, Orazio Zappalà e Francesco Mondino alle chitarre elettriche, Antonello Caravano alle tastiere e Antonio Campo alla batteria.

“Dal 2008 la nostra Band si esibisce all’insegna della solidarietà. Per la serata di Roma abbiamo preso a cuore questo progetto di sostegno ai membri più fragili della comunità e a quelli in difficoltà, che spesso vengono lasciati soli oppure non sanno a chi rivolgersi. Unire la beneficenza al divertimento, spinti dalla nostra passione per la musica rock e, al contempo, dalla volontà di aiutare concretamente chi ha più bisogno è il nostro impegno da 10 anni a questa parte” – ha dichiarato Massimo Scaccabarozzi, frontman della JC Band – “Vi aspettiamo quindi numerosi, per divertirci insieme a suon di musica rock e per dare un contributo concreto a chi purtroppo è stato meno fortunato di noi”.

Il repertorio musicale della JC Band è incentrato prevalentemente sui grandi successi di Vasco Rossi, accompagnati da brani storici di importanti artisti del panorama musicale nazionale e internazionale: da Luciano Ligabue a John Lennon, passando per Bennato e Battisti. Ad oggi, la Band ha all’attivo la pubblicazione, a scopo benefico, di sei CD di cover quali “Rock song is a love song” I, II, il live 2011, la Gold Edition 2013, “Eh già …Love song is a Vasco Song” e l’ultimo “Rock song is a love song – 10th Anniversary”, inciso a dicembre 2017, che celebra i 10 anni della band.

 

Articoli correlati
Dalla corsia al palco: il rock scopre temi sociali con i medici della Twins Father’s Band
Il gruppo musicale di camici bianchi romani nasce negli anni ’90 da tre studenti di Medicina della Cattolica e si riunisce 20 anni dopo. Emiliano Santacroce (batterista e medico del lavoro): «La nostra testa segue sempre il cuore. La passione musicale è unita all’impegno sociale»
Spari al San Camillo di Roma, uomo danneggia macchinari e Pronto Soccorso. Cisl Medici: «Inferno per i lavoratori»
L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale […]
Violenza camici bianchi, parla un medico aggredito: «Da eroi a capri espiatori. Ddl potrebbe non bastare»
David Di Lello, anestesista rianimatore all’ospedale Veneziale di Isernia: «Siamo l’oggetto della rabbia, il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario è ormai dilagante. Come porvi un freno? Rifinanziando la sanità pubblica e rivalutando il ruolo sociale del medico»
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 9 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)