Voci della Sanità 16 Giugno 2020

Riapertura ambulatori Lazio, Sumai chiede tavolo di confronto urgente con la Regione

Il Segretario Antonio Magi: «Necessario erogare in modo uniforme e al più presto le prestazioni specialistiche. Utilizzare da subito i 600 mila euro vincolati e già erogati dal governo per la Regione Lazio»

«Riaprire il confronto, interrotto per l’emergenza Covid, nel rispetto del nuovo ACN della specialistica ambulatoriale convenzionata interna del 31 marzo 2020, per affrontare il problema delle visite specialistiche nel territorio, consentendo così ai pazienti di poter essere visitati in tempi brevi utilizzando da subito i 600 mila euro erogati dal governo alla regione per aumentare le ore degli specialisti ambulatoriali. Solo così si può creare nelle Asl del Lazio un percorso uniforme che preveda la rimodulazione delle attività sanitarie territoriali, in particolar modo delle visite specialistiche, recuperando anche quelle sospese durante l’emergenza covid-19 senza allungare ulteriormente le liste di attesa già esistenti». Questo il senso della lettera scritta da Antonio Magi, segretario generale del SUMAI Assoprof, e indirizzata al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e all’Assessore Sanità e integrazione Socio-Sanitaria, Alessio D’Amato.

«Attualmente – aggiunge Magi –nel Lazio la situazione è piuttosto disomogenea. Vi sono ASL che hanno riaperto le attività il 25 maggio, chi parzialmente e chi completamente, e altre ancora che ad oggi che sono in via di organizzazione. Ci sono poi Aziende sanitarie che applicano gli stessi tempi di agenda pre-emergenza sanitaria, senza considerare che la norme di sanificazione ed areazione inevitabilmente ne allungano i tempi per la sicurezza dei pazienti ed il personale sanitario».

«Per il SUMAI è prioritario evitare che si creino diseguaglianze tra i cittadini della Regione e così  il sindacato – conclude Magi – chiede che in tempi brevi si attivi l’apertura di un tavolo di lavoro al fine di stilare un protocollo condiviso che porti rapidamente ad una omogenea erogazione in tutte le ASL delle prestazioni sanitarie utilizzando e nel rispetto delle norme contrattuali e di quelle straordinarie».

Articoli correlati
Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Se continuiamo così, la sanità pubblica chiuderà»
«Le persone sono costrette oggi ancora di più a mettere le mani al portafoglio. Ma il costo della vita aumenta, la disoccupazione cresce e la povertà e il disagio, specie nelle periferie, stanno aumentando»
di Vanessa Seffer
Covid-19 e USCA, il “Comitato cure domiciliari” diffida la Regione Lazio ad implementarle
  Nel Lazio invece di una unità di una unità speciale ogni 50mila abitanti nel Lazio ce ne sarebbe una ogni 326.600. Per questo il Comitato per il diritto alla cura tempestiva domiciliare nell’epidemia di Covid-19” guidato dall’avvocato Grimaldi ha diffidato la Regione ad implementare ed attivare tempestivamente il numero delle USCA
“Liberare” i medici dal fare i tamponi. Fnopi: «Siano affidati agli infermieri, non agli Oss»
Fnopi si oppone all'ipotesi sottoposta alle Regioni di far effettuare i tamponi diagnostici agli Oss: «Non sono personale medico, sia fatto dagli infermieri». La stessa richiesta da Magi, presidente OMCeO Roma per liberare i medici. Consiglieri OMCeO Roma protestano: «Solo così si onora professione»
RSA, accordo tra sindacati e Regione Lazio per strutture pubbliche e investimenti straordinari
Quattro punti per ripensare le RSA e rilanciare l’assistenza domiciliare per gli anziani e i soggetti più fragili
Covid 19 e malattie croniche: indagine on line Regione Lazio-Ordine degli Psicologi a supporto dei pazienti
L’obiettivo della survey è quello di comprendere, nel nuovo quadro pandemico, se e come sia mutata la loro percezione delle diverse dimensioni della malattia: dal grado di auto-efficacia al rapporto con il team curante, fino alla gestione dell’aderenza alle terapie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli