OMCeO, Enti e Territori 18 luglio 2018

Punti nascita, i sindaci del Veneto a Roma chiedono stop chiusura. Ministero valuta deroga

I primi cittadini di Adria, Valdagno e Piove di Sacco hanno esposto le criticità dei loro territori. Aperto un tavolo di confronto per «garantire la salute delle mamme venete e delle famiglie mantenendo alta la qualità dei servizi sanitari sul territorio»

Hanno spiegato al Ministro della Salute Giulia Grillo le criticità delle zone in cui insistono i punti nascita evidenziando anche l’alta qualità dei presidi. I Sindaci del Veneto sono sbarcati a Roma per fare il punto sulla chiusura dei punti nascita di Adria (Rovigo), Valdagno (Vicenza) e Piove di Sacco (Padova). Presenti i primi cittadini Omar Barbierato, Giancarlo Acerbi, Davide Gianella, il presidente della conferenza dei sindaci dell’usl 5 e sindaco di Rosolina Franco Vitale e Matteo Tegazzini, vicesindaco di Trecenta. Con loro il sottosegretario Maurizio Fugatti insieme a Giovanni Endrizzi (M5S) della commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama e il consigliere regionale M5S del Veneto Jacopo Berti.

Si è aperto un tavolo di confronto per mettere in campo un percorso atto a garantire la salute delle mamme venete e delle famiglie mantenendo alta la qualità dei servizi sanitari sul territorio.

Il sottosegretario Fugatti ha comunicato che sono in corso delle valutazioni sulle richieste di deroga che sono state avanzate. «Ha espresso grande disponibilità e apertura sulle istanze portate avanti dai sindaci – sottolineano Endrizzi e Berti – anche in base al calo demografico. Continueremo il nostro lavoro accanto ai sindaci, che si sono detti molto soddisfatti per l’incontro. Il nostro faro è sempre quello di dare voce ai territori e ai cittadini».

Ecco del dettaglio le richieste e le osservazioni dei sindaci:

PIOVE DI SACCO. Il sindaco Davide Gianella, parlando di Piove di Sacco, ha insistito sui lunghi tempi di percorrenza necessari per raggiungere gli ospedali di Padova o Chioggia e l’attuale garanzia degli standard di sicurezza.

VALDAGNO. Il primo cittadino di Valdagno Giancarlo Acerbi ha spiegato che il territorio di riferimento è a tutti gli effetti un territorio di montagna e che come tale ha bisogno di mantenere il punto nascita viste le criticità delle viabilità, l’aumento dei parti e l’alto standard qualitativo mantenuto.

ADRIA. Omar Barbierato, sindaco di Adria, ha evidenziato i requisiti organizzativi, tecnologici e di sicurezza del presidio e le difficoltà del territorio del Polesine con la presenza di fiumi, lagune e valli e la pericolosità della strada Romea, unica percorribile per raggiungere gli ospedali vicini.

CONFERENZA SINDACI. Gli ha fatto eco il presidente della conferenza dei sindaci Franco Vitale ricordando che la zona del Delta è da ottobre 2016 riconosciuta come paragonabile alla montagna per le difficoltà di comunicazione sotto il fronte scolastico, di mobilità e sanitario, all’interno del contratto di foce Delta per la strategia nazionale di aree interne.

 

 

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Beppe Grillo: «Camici bianchi come agenti di turismo». FNOMCeO: «Noi medici del cittadino, non dello Stato». E sull’autismo è bufera
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici replica alle parole del fondatore M5S: «Per noi nessun paziente è numero». Grillo ironizza su malati di Asperger e autismo, la replica delle associazioni: «Ingeneroso suscitare risata su questa malattia»
Professioni sanitarie, Ministero della Salute chiarisce: obbligo da subito di iscrizione a Ordine o rischio sanzioni
Iscrizione necessaria sia nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. Al momento però si sono iscritti 80mila professionisti, meno della metà dei 180-200mila professionisti stimati. Il chiarimento chiesto dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSRTP Alessandro Beux
“Estate Tranquilla”, parla il Comandante dei NAS Generale Lusi: «Molti casi di esercizio abusivo della professione infermieristica»
Presentato il report sui controlli estivi del Nucleo Anti Sofisticazioni dell’Arma dei Carabinieri. 3700 le ispezioni, 14 strutture socio-sanitarie chiuse. Grillo: «I nostri cittadini più fragili non possono vivere in strutture igienicamente carenti o in cui la manutenzione dei locali è scarsa o, peggio ancora, in cui le cure non sono erogate come previsto»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Ministero Salute, Guido Carpani nominato nuovo capo di gabinetto
Subentra ad Alfonso Celotto che aveva lasciato il Ministero il mese scorso. Guido Carpani era già stato capo di gabinetto per il ministro Renato Balduzzi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...