OMCeO, Enti e Territori 8 Maggio 2018

I progetti che rendono le cure più sicure: al via la terza edizione del premio Sham

Al via la terza edizione del Premio Sham-Federsanità ANCI, il concorso annuale che premia e fa conoscere i progetti messi in pratica dalle Aziende sanitarie locali per la prevenzione e la gestione del rischio. Per iscriversi, c’è tempo fino al 30 settembre 2018. Nel 2017, per la seconda edizione del Premio, sono state 11 le […]

Al via la terza edizione del Premio Sham-Federsanità ANCI, il concorso annuale che premia e fa conoscere i progetti messi in pratica dalle Aziende sanitarie locali per la prevenzione e la gestione del rischio. Per iscriversi, c’è tempo fino al 30 settembre 2018.

Nel 2017, per la seconda edizione del Premio, sono state 11 le Regioni italiane a partecipare con 35 Asl e 44 progetti presentati. E tutti già in corso, con l’obiettivo di migliorare la sicurezza delle cure attraverso la ricerca, l’analisi e l’aggiornamento delle procedure ospedaliere, dal controllo delle infezioni alla digitalizzazione e elaborazione dei dati sanitari. In particolare, i primi tre classificati (Milano, Udine e Bari) stavano lavorando, rispettivamente, sulla riduzione delle complicanze nei cateteri venosi periferici –  basandosi sui dati emersi dal confronto tra diversi metodi di lavaggio – sullo screening Cardio50 e sulla riduzione del rischio nell’assistenza domiciliare complessa. Ognuno dei progetti vincitori ha ricevuto, inoltre, un contributo di 6mila euro da investire nell’attività di prevenzione e lo stesso avverrà per i vincitori 2018.

«La prevenzione e la gestione del rischio – spiega il Country Manager di Sham Italia, Christophe Julliard – sono le chiavi per un futuro della Sanità basato sulla sicurezza delle cure e sulla loro sostenibilità. Capire il rischio e quantificarlo sulla base dell’analisi dei dati e dell’evidenza scientifica prosegue Julliard – è l’unico modo per ridurlo. E ridurre il rischio permette inoltre di concentrare le risorse disponibili nell’erogazione delle cure e nell’offrire servizi di qualità».

Il Premio Sham è sviluppato in partnership con Federsanità ANCI; come spiega la sua Presidente Tiziana Frittelli, «per il terzo anno consecutivo abbiamo scelto di affiancare Sham nell’individuazione delle migliori esperienze presenti nelle aziende sanitarie italiane. L’incremento di candidature, anno dopo anno, testimonia la crescente consapevolezza e applicazione nella Sanità italiana dei principi della prevenzione e del risk management. Un trend che segue l’indirizzo e lo spirito della legge Gelli-Bianco. L’obiettivo – conclude Frittelli – è trasformare queste buone pratiche in modelli diffusi, con benefici sia per la salute del paziente che per l’economia gestionale delle aziende sanitarie».

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo, Sileri (M5S): «Un peccato bloccare le tante cose da fare per la sanità»
Il presidente della Commissione Sanità di Palazzo madama commenta la crisi di governo e i suoi riflessi sulla sanità: «Molto del lavoro di questi 14 mesi rischia di essere buttato: penso ai nuovi provvedimenti sui vaccini, a quello che bisognava ancora fare per i contratti dei medici, all’intramoenia per gli infermieri, penso a tutti i temi legati alla formazione dei camici bianchi, penso alle borse di specializzazione per il prossimo anno. Tantissime cose che ora trovano uno stop che il comparto sanitario non meritava»
Crisi di governo: la diretta di Sanità Informazione
Giuseppe Conte in Senato annuncia le dimissioni: «Alla fine di questo dibattito mi recherò dal Presidente della Repubblica per dimettermi». Attesa del mondo della sanità per l'esito della crisi: ecco i provvedimenti che rischiano di saltare. Dimissionario anche il Ministro della Salute Giulia Grillo. I commenti dei Senatori della Commissione Sanità e della Commissione Affari Sociali: Binetti, Boldrini, Tiramani...
di Cesare Buquicchio, Giovanni Cedrone, Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone