OMCeO, Enti e Territori 8 Maggio 2018

I progetti che rendono le cure più sicure: al via la terza edizione del premio Sham

Al via la terza edizione del Premio Sham-Federsanità ANCI, il concorso annuale che premia e fa conoscere i progetti messi in pratica dalle Aziende sanitarie locali per la prevenzione e la gestione del rischio. Per iscriversi, c’è tempo fino al 30 settembre 2018. Nel 2017, per la seconda edizione del Premio, sono state 11 le […]

Al via la terza edizione del Premio Sham-Federsanità ANCI, il concorso annuale che premia e fa conoscere i progetti messi in pratica dalle Aziende sanitarie locali per la prevenzione e la gestione del rischio. Per iscriversi, c’è tempo fino al 30 settembre 2018.

Nel 2017, per la seconda edizione del Premio, sono state 11 le Regioni italiane a partecipare con 35 Asl e 44 progetti presentati. E tutti già in corso, con l’obiettivo di migliorare la sicurezza delle cure attraverso la ricerca, l’analisi e l’aggiornamento delle procedure ospedaliere, dal controllo delle infezioni alla digitalizzazione e elaborazione dei dati sanitari. In particolare, i primi tre classificati (Milano, Udine e Bari) stavano lavorando, rispettivamente, sulla riduzione delle complicanze nei cateteri venosi periferici –  basandosi sui dati emersi dal confronto tra diversi metodi di lavaggio – sullo screening Cardio50 e sulla riduzione del rischio nell’assistenza domiciliare complessa. Ognuno dei progetti vincitori ha ricevuto, inoltre, un contributo di 6mila euro da investire nell’attività di prevenzione e lo stesso avverrà per i vincitori 2018.

«La prevenzione e la gestione del rischio – spiega il Country Manager di Sham Italia, Christophe Julliard – sono le chiavi per un futuro della Sanità basato sulla sicurezza delle cure e sulla loro sostenibilità. Capire il rischio e quantificarlo sulla base dell’analisi dei dati e dell’evidenza scientifica prosegue Julliard – è l’unico modo per ridurlo. E ridurre il rischio permette inoltre di concentrare le risorse disponibili nell’erogazione delle cure e nell’offrire servizi di qualità».

Il Premio Sham è sviluppato in partnership con Federsanità ANCI; come spiega la sua Presidente Tiziana Frittelli, «per il terzo anno consecutivo abbiamo scelto di affiancare Sham nell’individuazione delle migliori esperienze presenti nelle aziende sanitarie italiane. L’incremento di candidature, anno dopo anno, testimonia la crescente consapevolezza e applicazione nella Sanità italiana dei principi della prevenzione e del risk management. Un trend che segue l’indirizzo e lo spirito della legge Gelli-Bianco. L’obiettivo – conclude Frittelli – è trasformare queste buone pratiche in modelli diffusi, con benefici sia per la salute del paziente che per l’economia gestionale delle aziende sanitarie».

Articoli correlati
Prevenzione cardiaca, Colivicchi (cardiologo): «Dopo ricovero pazienti non seguono terapie, servono percorsi più sicuri ospedale-territorio»
Il direttore dell’U.O.C di Cardiologia del San Filippo Neri ricorda l'importanza di adottare stili di vita corretti, evitare comportamenti a rischio e aderire alle terapie. Il professor Fedele (Umberto I) svela: «Una percentuale rilevante di pazienti non smette di fumare neanche dopo l’infarto»
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Formazione, Cimo diffida strutture sanitarie: troppi medici costretti a rinunciare a ECM per coprire turni e carenze
«Le aziende - sottolinea il Presidente CIMO Guido Quici - impegnano sempre meno risorse per la formazione, tanto che tra il 2010 e il 2016 la spesa delle aziende sanitarie e ospedaliere è diminuita del 32,55% passando da 147,8 mln a 99,7 mln di euro». Il sindacato chiede che entro 30 giorni siano attivati o ripristinati gli strumenti e i tempi a disposizione dei medici da dedicare ad un effettivo aggiornamento professionale nell’ambito delle ore lavorative istituzionali
‘Milano taking care’, consigli ed esami per migliorare gli stili di vita. La madrina Susanna Messaggio: «Prevenzione per invecchiare bene»
Nella città meneghina si è svolta la due giorni di esami e consulenze con professionisti della salute. Ruolo fondamentale delle farmacie, Vintani (Federfarma Milano, Monza e Lodi): «Con farmacia dei servizi esami per dare ‘alert’ al paziente». E Doc generici lancia l’avatar Mario per promuovere l’importanza della prevenzione e del monitoraggio della salute con il supporto di nuove tecnologie
di Federica Bosco
ECM, Giacomelli (CODICI): «Sistema dei controlli non funziona, medico presenti ai pazienti ‘curriculum’ con aggiornamenti»
Il segretario nazionale di CODICI - Centro per i diritti del cittadino torna sul tema del mancato adempimento dell’obbligo formativo e rilancia: «È bene che appunto il consumatore venga messo nelle condizioni di conoscere chi è il professionista e le competenze che ha acquisito su quel caso specifico caso o su una determinata patologia»
Settimana Mondiale Tiroide, dal 20 al 26 maggio convegni e screening gratuiti in tutta Italia
Raggiunta la iodo-sufficienza in Italia, ma per Antonella Olivieri, responsabile scientifico dell'Osservatorio nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia «l’obiettivo oggi è verificare che anche le nostre donne in gravidanza abbiano un adeguato apporto nutrizionale di iodio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...