Voci della Sanità 29 Ottobre 2020 20:45

Precari Agenas, Cgil-Cisl-Uil: «Impossibile lasciare a casa 70 lavoratori. Il 30 ottobre presidio sotto l’Agenzia»

«I vertici dell’Agenzia non si sono ancora mossi: tra pochi giorni, il 2 novembre, questi lavoratori saranno a casa. Deve essere individuata immediatamente soluzione al problema contingente» spiegano i sindacati confederali

«Dallo stato di agitazione proclamato dalle federazioni pubbliche regionali, ieri anche le sigle nazionale hanno interessato il Ministro Speranza della paradossale situazione che – oltre ad essere un dramma per i 70 lavoratori interessati – capita in un momento di estrema necessità, data la delicatezza e l’importanza del ruolo svolto. Il ruolo dell’Agenas è proprio quello di monitorare i piani delle Regioni per garantire l’equilibrio e ora gli interventi sui numeri di terapia intensiva, come sull’assistenza territoriale. Arrivare a ridosso della scadenza dei contratti a tempo determinato, senza aver ancora ottenuto soluzione per stabilizzarli e valorizzare le loro professionalità, proprio mentre l’epidemia sta crescendo, è inammissibile», dichiarano Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio, che invitano gli organi di informazione a partecipare al Presidio che si terrà il 30 ottobre, dalle 10 alle 12 sotto la sede dell’Agenas, in via Piemonte 60 a Roma.

«Chiaramente la protesta avverrà nel rispetto di tutte le norme e dei protocolli anti Covid19, ribadendo che il loro ruolo è, insieme agli altri 150 lavoratori dell’Agenzia, strategico e cruciale specialmente in questa fase di emergenza sanitaria. Precari da anni mai stabilizzati, soluzioni normative non andate a buon fine, e a giorni la scadenza dei contratti. I vertici dell’Agenzia non si sono ancora mossi: tra pochi giorni, il 2 novembre, questi lavoratori saranno a casa. Deve essere individuata immediatamente soluzione al problema contingente, e avviato una volta per tutte il percorso normativo di stabilizzazione per riconoscere il fondamentale ruolo di questi lavoratori e la professionalità acquisita negli anni al servizio dell’Agenas. Noi siamo al loro fianco e non ci fermeremo», concludono le sigle sindacali.

Articoli correlati
Indagine Agenas, in pandemia dimezzati i ricoveri programmati
Mammografie ridotte del 30% su base nazionale, che arrivano al 40% in Sardegna e Calabria e al 37% nella PA di Trento. Calo del 22% dei ricoveri per ictus ischemico, in Valle d'Aosta si arriva a -54% e quasi -50% in Molise. I dati di "resilienza" del Ssn raccolti da Agenas
Titolo V, conferenza AGENAS: «Modificare la Costituzione non serve, basta riorganizzare»
Nella videoconferenza Agenas si è discusso di Titolo V e necessità di modifiche. Esperti ed esponenti politici hanno confermato che una modifica della Costituzione sarebbe insensata e che il problema che la pandemia ha sottolineato è quello di organizzazione
Vaccini Covid, indagine Agenas: il 70% degli italiani pensa che così torneremo velocemente alla normalità
Il 75% degli italiani vede nel vaccino la soluzione al Covid-19, oltre la metà ritiene giusto inserire limitazioni per chi rifiuta di vaccinarsi. Lo stabilisce un'indagine firmata Agenas e Mes. Mentre un 25% lo ritiene "business per case farmaceutiche"
Impatto emergenza su pazienti no-Covid, ecco le raccomandazioni per garantire la continuità di cura
Da Agenas e Foce arriva il “Documento di indirizzo e di raccomandazioni per garantire la continuità di cura dei pazienti oncologici, cardiologici ed ematologici”. L’oncologo e presidente Foce Cognetti: «Le conseguenze della pandemia sui pazienti oncologici si vedranno solo tra qualche anno, ma nel 2020 già registrato un aumento del 42% della mortalità cardiovascolare»
Formazione ECM, la ricetta di Di Falco (Agenas): «Semplificazione, qualità e tecnologia»
Il nuovo Direttore dell’Ufficio formazione e supporto al programma nazionale ECM dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali: «Passare dalla “competenza perché devo” alla “competenza perché lavoro sull’esito”»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco