Voci della Sanità 29 Ottobre 2020

Precari Agenas, Cgil-Cisl-Uil: «Impossibile lasciare a casa 70 lavoratori. Il 30 ottobre presidio sotto l’Agenzia»

«I vertici dell’Agenzia non si sono ancora mossi: tra pochi giorni, il 2 novembre, questi lavoratori saranno a casa. Deve essere individuata immediatamente soluzione al problema contingente» spiegano i sindacati confederali

«Dallo stato di agitazione proclamato dalle federazioni pubbliche regionali, ieri anche le sigle nazionale hanno interessato il Ministro Speranza della paradossale situazione che – oltre ad essere un dramma per i 70 lavoratori interessati – capita in un momento di estrema necessità, data la delicatezza e l’importanza del ruolo svolto. Il ruolo dell’Agenas è proprio quello di monitorare i piani delle Regioni per garantire l’equilibrio e ora gli interventi sui numeri di terapia intensiva, come sull’assistenza territoriale. Arrivare a ridosso della scadenza dei contratti a tempo determinato, senza aver ancora ottenuto soluzione per stabilizzarli e valorizzare le loro professionalità, proprio mentre l’epidemia sta crescendo, è inammissibile», dichiarano Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio, che invitano gli organi di informazione a partecipare al Presidio che si terrà il 30 ottobre, dalle 10 alle 12 sotto la sede dell’Agenas, in via Piemonte 60 a Roma.

«Chiaramente la protesta avverrà nel rispetto di tutte le norme e dei protocolli anti Covid19, ribadendo che il loro ruolo è, insieme agli altri 150 lavoratori dell’Agenzia, strategico e cruciale specialmente in questa fase di emergenza sanitaria. Precari da anni mai stabilizzati, soluzioni normative non andate a buon fine, e a giorni la scadenza dei contratti. I vertici dell’Agenzia non si sono ancora mossi: tra pochi giorni, il 2 novembre, questi lavoratori saranno a casa. Deve essere individuata immediatamente soluzione al problema contingente, e avviato una volta per tutte il percorso normativo di stabilizzazione per riconoscere il fondamentale ruolo di questi lavoratori e la professionalità acquisita negli anni al servizio dell’Agenas. Noi siamo al loro fianco e non ci fermeremo», concludono le sigle sindacali.

Articoli correlati
Formazione ECM, la ricetta di Di Falco (Agenas): «Semplificazione, qualità e tecnologia»
Il nuovo Direttore dell’Ufficio formazione e supporto al programma nazionale ECM dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali: «Passare dalla “competenza perché devo” alla “competenza perché lavoro sull’esito”»
I provider ECM incontrano Mantoan (Agenas). Colombati (Formazione nella Sanità): «Siamo esclusi dal Decreto Ristori»
L’associazione denuncia gravi perdite nel 2020: «Saltati 2 eventi formativi su 3: calo annuale del 67%». Altri temi a confronto: tavolo tecnico, programmazione, diversa rendicontazione e nuove tecnologie
Agenas commissariata, la decisione del governo fino alla fine dell’emergenza Covid-19
Decisione contenuta nel Dl Imprese, al nuovo commissario i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione
Sanità, Ministro Speranza rimuove Dg Agenas Francesco Bevere
Il manager era in carica dal 2014. Gran parte delle regioni si era espressa per la permanenza di Bevere. Sul tema dello spoil system era stato chiesto un parere al Consiglio di Stato
Regioni contro spoil system in Agenas. E slitta la firma del Patto per la Salute
I governatori di centrodestra contestano la volontà da parte del ministro Speranza di rimuovere il Dg di Agenas Francesco Bevere. Rilievi anche sulle norme per le assunzioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli