OMCeO, Enti e Territori 3 maggio 2017

Emilia, Nuovo Piano Amianto per la presa in carico di pazienti con mesotelioma

La Regione Emilia Romagna ha presentato il nuovo piano volto a proseguire il lavoro svolto negli ultimi anni per la bonifica e lo smaltimento dell’amianto. Tra gli obiettivi da raggiungere spiccano il consolidamento della sorveglianza sanitaria e epidemiologica e il miglioramento della qualità degli ambienti occupazionali. E’ proprio sui posti di lavoro dove si entra […]

La Regione Emilia Romagna ha presentato il nuovo piano volto a proseguire il lavoro svolto negli ultimi anni per la bonifica e lo smaltimento dell’amianto. Tra gli obiettivi da raggiungere spiccano il consolidamento della sorveglianza sanitaria e epidemiologica e il miglioramento della qualità degli ambienti occupazionali. E’ proprio sui posti di lavoro dove si entra in contatto con l’amianto che si sviluppa la maggior parte dei mesoteliomi, i tumori causati da questa sostanza. Bonificare i luoghi di lavoro dalla presenza di amianto è quindi di importanza strategica per diminuire il rischio di sviluppare questo genere di cancro. Oltre al controllo della qualità degli ambienti occupazionali, il piano prevede anche la nascita di un programma regionale di assistenza, non solo sanitaria ma anche informativa, rivolto ai lavoratori che sono maggiormente esposti al rischio, e la creazione di una rete volta alla presa in carico globale dei pazienti affetti da mesotelioma pleurico che sia in grado di fornire la migliore assistenza possibile sia in ospedale che sul territorio. Da evidenziare anche l’intenzione di individuare una località all’interno della regione dove smaltire i rifiuti contenenti amianto, che oggi sono invece principalmente diretti in Germania. Dal 2004 l’Emilia Romagna ha investito risorse significative per la bonifica: si parla di oltre 18 milioni di euro spesi per la mappatura di più di 1000 strutture con amianto che è stato rimosso nel 70% dei casi.

Articoli correlati
Emilia-Romagna, parte il progetto per il nuovo ospedale di Cesena
Cento milioni di euro dalla Regione Emilia-Romagna per il nuovo ospedale di Cesena. Una struttura in grado di rispondere alle moderne esigenze, organizzative e funzionali, del sistema sanitario cittadino e della Romagna, e che si preannuncia all’avanguardia per comfort e sicurezza: avrà stanze a 1-2 letti, parcheggi e un’agevole viabilità d’accesso. Si svilupperà in prossimità […]
9° Congresso SIC, la contraccezione oggi nelle varie fasi di vita della donna
Firenze ospita il 9° Congresso nazionale della Società Italiana della Contraccezione: dal 26 al 28 ottobre specialisti a confronto per fare il punto su opzioni e scelta in ambito contraccettivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...