Voci della Sanità 29 Gennaio 2019

Patologie cardiache femminili: il 1 febbraio vestiti di rosso per la salute del cuore

Ogni anno, in Italia, 124.000 donne vengono colpite da un infarto o da un problema cardiovascolare, 70.000 subiscono un ictus, mentre l’arresto cardiaco improvviso affligge complessivamente fra 50.000 e 60.000 persone, con un tasso di mortalità di sette volte superiore a quello degli incidenti stradali. Se, poi, guardiamo all’Europa, si può osservare come l’arresto cardiaco […]

Ogni anno, in Italia, 124.000 donne vengono colpite da un infarto o da un problema cardiovascolare, 70.000 subiscono un ictus, mentre l’arresto cardiaco improvviso affligge complessivamente fra 50.000 e 60.000 persone, con un tasso di mortalità di sette volte superiore a quello degli incidenti stradali. Se, poi, guardiamo all’Europa, si può osservare come l’arresto cardiaco improvviso colpisca 350.000 persone l’anno, in gran parte donne. I numeri – impietosi – rivelano che il mondo femminile, contrariamente a quanto si pensi, è più esposto di quello maschile al rischio di patologie cardiache.

In questo contesto si colloca “Go RED for Women”, la giornata mondiale dedicata alla sensibilizzazione sulle malattie cardiache delle donne che, quest’anno, si celebra venerdì, 1° febbraio. Nella giornata, promossa dalla American Heart Association, le donne di tutto il mondo vengono invitate ad indossare, simbolicamente, qualcosa di rosso, una sorta di “omaggio” femminile al cuore, ma anche una esplicita sfida alle patologie cardiache che colpiscono questa parte della popolazione. La parola d’ordine è, come sempre, prevenzione, ma ugualmente importante è sapere che la scienza medica ha fatto passi da gigante e che oggi per fronteggiare un cuore malato sono disponibili soluzioni terapeutiche di comprovata efficacia.

Lo ricorda Boston Scientific, riconfermando il proprio impegno verso la medicina “di genere” e lo sviluppo di soluzioni terapeutiche innovative, destinate a trattare le patologie cardiache, ancora oggi il killer n.1 nell’universo femminile.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’ictus è il disturbo cardiovascolare più frequente dopo la cardiopatia. È quasi sempre generato da disfunzioni cardiache, quali la Fibrillazione Atriale (FA), la forma più comune di aritmia, ovverossia un problema legato alla frequenza del ritmo cardiaco. Durante un’aritmia, infatti, il battito può essere troppo veloce, troppo lento o irregolare. Di Fibrillazione Atriale (FA) sono affetti 6 milioni di europei: le terapie per fronteggiarla sono, in genere, farmacologiche, oppure possono prevedere l’ablazione del nodo atrio-ventricolare. È comunque importantissimo monitorarla costantemente, perché resta il principale fattore di rischio dell’ictus, una delle condizioni più invalidanti e costose sia per le famiglie, sia per il Sistema Sanitario Nazionale.

Commenta, in proposito, la dottoressa Lorella Gianfranchi– cardiologa, specialista in Aritmologia: «La Fibrillazione Atriale è l’aritmia più comune e la sua prevalenza cresce con il crescere dell’età. La sua diagnosi è, a volte, difficile, in quanto può presentarsi in forme asintomatiche. È una delle cause principali di ictus ischemico e il genere femminile è quello più esposto. Peraltro, le terapie anticoagulanti sono più difficili da gestire nelle donne, dato il più alto rischio emorragico che queste comportano. Le terapie più innovative, come l’ablazione, sono – a tutt’oggi – sottoutilizzate, pur essendo il genere femminile quello più a rischio di effetti collaterali legati ai farmaci antiaritmici».

La scienza medica ha – per fortuna – fatto passi importanti anche su questo fronte: fra le soluzioni terapeutiche più innovative per prevenire e fronteggiare l’ictus va ricordato WATCHMAN, il dispositivo per la chiusura percutanea dell’auricola sinistra (LAA), la piccola ansa del cuore nella quale si forma la maggior parte dei trombi, che “migrano” verso il cervello, generando l’ictus. Per via della sua particolare struttura e funzione di bloccaggio protettivo, è stato definito “l’ombrellino salvacuore”.Di queste e altre patologie cardiache al femminile, di ricerca ed innovazione, di soluzioni terapeutiche efficaci e sicure si parlerà venerdì, 1° febbraio in tutto il mondo. Il messaggio, per le donne di ogni età è “Go Red for Women”, per ricordare che questa giornata è importante, per tutte e per tutti, e che il cuore è un alleato di vita prezioso e vulnerabile; per questo deve essere difeso, protetto, curato.

Articoli correlati
Covid-19 colpisce più uomini che donne. La Società Italiana di Farmacologia spiega perché
«L’enzima che il virus sfrutta per entrare nelle cellule è più espresso nell'uomo. La donna è naturalmente più forte nei confronti delle infezioni. Un'altra differenza, negli ormoni sessuali: il testosterone è generalmente un immunosoppressore, mentre gli estrogeni tendono a essere immunostimolanti». Lo studio della Società Italiana di Farmacologia
Ipercolesterolemia, ulteriori dati dimostrano i benefici dell’acido bempedoico. I risultati presentati da Daiichi Sankyo
Due analisi combinate di quattro studi di fase III, che hanno arruolato oltre 3.600 pazienti, hanno mostrato che l'acido bempedoico riduce significativamente la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hsCRP) e il colesterolo LDL, e i dati dello studio di fase II mostrano una riduzione del 40% di C-LDL nei pazienti con diabete di tipo 2 che sono ad alto rischio di eventi cardiovascolari. I risultati delle analisi sono stati presentati in streaming durante il Congresso annuale dell’American College of Cardiology che si è svolto congiuntamente al Congresso Internazionale di Cardiologia
Coronavirus, l’immunologo: «Dagli ormoni ai geni, ecco perché le donne resistono di più»
Sono tre le spiegazioni che Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Istituto clinico Humanitas di Rozzano (Milano), dà ai dati che vedono l’universo femminile più resistente al Covid-19
Coronavirus, Fnopo: «Grazie a tutte le ostetriche che garantiscono assistenza alle donne in gravidanza»
«Le ostetriche continuano a essere garanti di un’assistenza vigile e sicura nei reparti e nei Pronto soccorso di ostetricia e ginecologia, nelle sale travaglio-parto, nelle sale operatorie e in tutti i percorsi dedicati all’assistenza alle donne, soprattutto là dove l’assistenza anestesiologica alla parto-analgesia attualmente può venire a mancare, in quanto gli anestesisti sono impegnati all’interno […]
Coronavirus, Bernardo (Sacco): «In Cina tra i bambini colpiti nessun decesso»
Il direttore della Casa Pediatrica Fatebenefratelli Sacco di Milano, Luca Bernardo: «Attenzione e prevenzione ma non allarmismo. Sotto i 12 anni mortalità allo 0,2%. Importante poi spiegare il virus ai minori e seguire alcune semplici norme igieniche»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 aprile, sono 860.793 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 42.354 i decessi e 178.378 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...