Voci della Sanità 20 Febbraio 2020

Parkinson, Servier e Oncodesign raggiungono primo traguardo nello sviluppo di potenziali farmaci

Servier, società farmaceutica internazionale indipendente, e Oncodesign, biofarmaceutica francese, annunciano il raggiungimento di un importante traguardo nella partnership strategica relativa alla ricerca e allo sviluppo di potenziali farmaci per il trattamento del morbo di Parkinson. «Nel marzo 2019 – spiega una nota -, Servier e Oncodesign hanno avviato una partnership di ricerca e sviluppo sugli […]

Servier, società farmaceutica internazionale indipendente, e Oncodesign, biofarmaceutica francese, annunciano il raggiungimento di un importante traguardo nella partnership strategica relativa alla ricerca e allo sviluppo di potenziali farmaci per il trattamento del morbo di Parkinson.

«Nel marzo 2019 – spiega una nota -, Servier e Oncodesign hanno avviato una partnership di ricerca e sviluppo sugli inibitori della chinasi LRRK2 e il loro potenziale ruolo di trattamenti terapeutici per il morbo di Parkinson. Entrambe le aziende annunciano di aver raggiunto un primo traguardo nel programma. I prossimi passi, soggetti a ulteriori pagamenti legati al raggiungimento di specifici obiettivi, convalideranno il potenziale della piattaforma a produrre piccole molecole attive nella terapia del morbo di Parkinson. Oncodesign riceve un pagamento di 1 milione di euro per il raggiungimento del primo traguardo.  Nel corso della partnership, Servier potrebbe pagare a Oncodesign fino a 320 milioni di euro (360 milioni di dollari) in pagamenti legati a target prestabiliti, escluse le royalties. Inoltre, Oncodesign riceve circa 3 milioni di euro di finanziamenti annuali nella fase di ricerca del progetto».

«Dopo la selezione, qualche settimana fa, del nostro primo candidato farmaco-inibitore RIPK2 – dichiara Philippe Genne, PhD., CEO e Fondatore di Oncodesign – annunciamo un’ottima notizia frutto della collaborazione strategica con Servier. La partnership funziona perfettamente ed entrambi i team sono all’altezza delle sfide. I risultati sono stati ottenuti prima del previsto, il che ci ha permesso di raggiungere il nostro primo obiettivo stabilito con diversi mesi di anticipo».

Christophe Thurieau, Direttore Esecutivo di Servier Research Institute, spiega: «Siamo molto soddisfatti dei rapidi progressi che abbiamo ottenuto con Oncodesign in questo programma collaborativo, con un team congiunto molto efficiente e dinamico, e ci auguriamo proseguire in questa direzione nei prossimi anni per raggiungere il comune obiettivo di mettere a disposizione un nuovo trattamento per i pazienti colpiti del morbo di Parkinson».

Articoli correlati
Covid-19 in giovani sani, perché alcuni sono asintomatici e altri in terapia intensiva? La risposta (forse) nei geni
Dalle mutazioni del recettore ACE2 alle differenze nel sistema dell'antigene leucocitario umano, le ipotesi in campo
Coronavirus, al via studio sul rapporto tra gravità dell’infezione e patologie preesistenti
Coordinata dall’I.R.C.C.S. Neuromed, parte una ricerca che ha già visto l’adesione di 18 centri clinici su tutto il territorio nazionale, con un notevole interesse anche da centri internazionali
Covid-19, Cossolo (Federfarma): «Tre farmacisti morti, trenta contagiati. E siamo ancora in attesa dei DPI»
Il presidente Marco Cossolo a Sanità informazione: «Abbiamo predisposto sul banco le barriere in plexiglass, produciamo i gel disinfettanti per rispondere ai bisogni dei cittadini e abbiamo stretto un accordo con la Croce Rossa per la consegna dei farmaci a domicilio alle persone più a rischio». E sulla carenza di farmaci: «Manca solo l’idrossiclorochina»
Coronavirus, Spallanzani e Fondazione Toscana Life Sciences insieme per lo sviluppo di anticorpi monoclonali
L’Istituto Spallanzani e la Fondazione Toscana Life Sciences annunciano un accordo per lo sviluppo di anticorpi monoclonali in risposta all’infezione da SARS-CoV-2
Coronavirus, Assogenerici: «Nessuno blocchi le aziende della filiera sanitaria»
Il presidente Enrique Häusermann: «È cruciale, in questo momento difficile per il Paese impedire un qualsiasi tipo di stop delle attività della filiera del farmaco e di tutte le attività connesse che devo essere considerate essenziali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...