Voci della Sanità 2 Marzo 2018 11:28

Milano, il Parkinson giovanile in mostra all’IRCCS Galeazzi: le immagini raccontano la malattia

Sarà inaugurata oggi presso l’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano la mostra fotografica dal titolo “Tu non mi lascerai mai sola”, dedicata alla malattia di Parkinson nella sua forma giovanile. Venti scatti intensi dell’artista Swan Bergman che raccontano simbolicamente Francesca Cavalli e la sua convivenza con la malattia. Francesca ha 48 anni e 7 anni fa […]

Sarà inaugurata oggi presso l’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano la mostra fotografica dal titolo “Tu non mi lascerai mai sola”, dedicata alla malattia di Parkinson nella sua forma giovanile. Venti scatti intensi dell’artista Swan Bergman che raccontano simbolicamente Francesca Cavalli e la sua convivenza con la malattia.

Francesca ha 48 anni e 7 anni fa ha scoperto di essere affetta dalla malattia di Parkinson, patologia degenerativa che viene comunemente e erroneamente considerata appannaggio dei soli anziani. La protagonista degli scatti, attraverso il linguaggio del corpo, desidera dare voce alla condizione dei parkinsoniani che, come lei, si sono trovati inaspettatamente a fronteggiare in giovane età una malattia dai molti lati oscuri. A Swan Bergman il compito di tradurre con le sole immagini la forza delle emozioni di Francesca, le parole non dette, la sofferenza della malattia e l’intensità del momento.

Francesca ha scelto di sottoporsi a un intervento di DBS, Deep Brain Stimulation, che consiste nell’impiantare in specifiche aree del cervello degli elettrocateteri in grado di ridurre i gravi e invalidanti sintomi motori caratteristici del Parkinson, come il tremore e la distonia. Riprendere in mano la propria vita e riassaporare momenti di libertà: sono queste le motivazioni che l’hanno spinta a sottoporsi a DBS.

«Molti mi hanno chiesto perché queste fotografie? Che senso hanno con la malattia di Parkinson? Io ho risposto perché no…io ho il Parkinson e credo che questo basti – afferma Francesca Cavalli – . Ho incontrato Swan in un momento particolare della mia vita, quando la malattia stava prendendo il sopravvento sul mio corpo, tanto da prendere la decisione di sottopormi all’intervento di DBS. Lui, con il suo tatto, ha voluto farmi un regalo e per un giorno mi sono sentita una bellissima modella. Quel giorno, il Parkinson non era una limitazione ma qualcosa che mi rendeva speciale. Mi piacerebbe che tutti riuscissero a cogliere l’emozione e la gioia che ho provato quel giorno, quanto il dolore della malattia».

GUARDA LA GALLERY: MOSTRA PARKINSON

«L’Istituto Galeazzi è il primo centro in Italia nell’impiego di sistemi DBS per la cura della malattia di Parkinson. Questo importante risultato è stato raggiunto grazie all’impegno e alla grande professionalità del dottor Domenico Servello e del professor Mauro Porta – afferma l’ingegner Elena Bottinelli, amministratore delegato dell’ospedale – . Abbiamo sposato l’idea di allestire una mostra negli spazi della struttura, affinché possa essere motivo di riflessione per tutti coloro che quotidianamente si rivolgono a noi in cerca di risposte e cure». La mostra, allestita presso l’aula magna dell’Istituto, è aperta gratuitamente al pubblico fino al 31 marzo (8.30 – 17.30).

Articoli correlati
Dolore cronico, presentato il manifesto di Fondazione Onda: si punta su formazione e informazione
Numeri in crescita per effetto del long Covid: 21% dei malati non sa a chi rivolgersi e il 33% prima di arrivare ad un centro specializzato segue terapie improvvisate. Il documento presentato in Regione Lazio aiuta a riconoscere i sintomi e stabilire una cura per abbassare i costi del servizio sanitario nazionale con la medicina del dolore
di Federica Bosco
Endometriosi e impatto psicologico: l’importanza di un approccio integrato
di Mara Lastretti (Consigliera e Coordinatrice Osservatorio di Psicologia in cronicità-Ordine Psicologi Lazio) e Marta Giuliani (Consigliera, Coordinatrice Network Sessualità, membro rete Osservatorio di Psicologia in cronicità, Ordine Psicologi Lazio e specialista in Endometriosi)
di Mara Lastretti e Marta Giuliani
Dolore in oncologia, Ripamonti (Istituto Tumori Milano): «Va trattato con uno schema terapeutico ben preciso»
Quali sono le cause del dolore in ambito oncologico e cosa si può fare per gestirlo? La parola a Carla Ida Ripamonti, Responsabile SSD Cure di Supporto al Paziente Oncologico dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano
Milano, al Palazzo “Le Stelline” la mostra itinerante “PeopleInMind” promossa da Lundbeck
Si tratta di 27 opere per raccontare il disagio psichico attraverso mente, occhi e cuore
«Raro non vuol dire trasparente». Al via #insiemesiamopiuforti, la campagna di sensibilizzazione sulla Distonia
«Non essere trasparente, non passare inosservato, condividi le tue paure!». Sono solo alcuni degli obiettivi che si pone la nuova campagna di sensibilizzazione verso la Distonia promossa dall’Associazione Italiana per la Ricerca sulla Distonia, che da martedì 26 maggio 2020 verrà lanciata sui social dell’A.R.D. con l’obiettivo di accompagnare per mano tutti i circa 20.000 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...