Voci della Sanità 27 Giugno 2022 11:40

Palermo, Villa Sofia-Cervello incassa riconoscimento per il percorso ictus

“Villa Sofia-Cervello” di Palermo incassa l’”ESO-Angels Awards Gold” per i risultati raggiunti nel 2022 sul trattamento dell’ictus

Palermo, Villa Sofia-Cervello incassa riconoscimento per il percorso ictus

L’AOOR “Villa Sofia-Cervello” di Palermo incassa l’”ESO-Angels Awards Gold”. Si tratta di un importante riconoscimento che premia l’azienda palermitana – tra le 5 complessivamente italiane – per i risultati raggiunti nel primo trimestre del 2022 sul trattamento dell’ICTUS, sulla scorta di precisi e molteplici indicatori di perfomance.

Un traguardo che è stato conseguito grazie alla sinergia delle diverse unità operative aziendali ad eterogenea vocazione specialistica coinvolte nel PDTA (Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale) dedicato all’Ictus, che l’azienda ha da tempo adottato, caratterizzato, accanto alla fondamentale presenza di una Neurologia con Stroke unit nella struttura palermitana, dalla multidisciplinarietà. Oltre alla Neurologia con Stroke Unit la Neurorianimazione, la Rianimazione, la Neuroradiologia Interventistica, la Radiologia, il Trauma Center, tenuto conto della basilare Medicina di Accettazione e di Emergenza-Urgenza (MCAU /Pronto Soccorso), oltre che 118, sono tutti segmenti necessari e strategici per condurre al risultato finale di un percorso virtuoso, in linea con i più alti e innovativi standard di qualità delle prestazioni offerte dal “Villa Sofia – Cervello”.

Uno sforzo imponente, dunque, anche di tipo organizzativo che oggi grazie a questo riconoscimento viene premiato, che ha alla base l’adozione ed il sempre maggiore perfezionamento di un modello organizzativo all’avanguardia e un team work multidisciplinare di professionisti di altissima qualità, che consente di coniugare tempestività della cura ai pazienti affetti da Ictus, appropriatezza delle risorse e innovazione tecnologica (presente la radiologia interventistica: elemento non scontato). L’Ictus rimane ancora oggi una delle patologie ad alta incidenza di mortalità e registra imponenti costi di ospedalizzazione e ricovero con ripercussioni significative sul welfare per i costi socioeconomici connessi.

L’azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello è caratterizzata da una mission emergenziale e riveste una posizione strategica rispetto ad un ampio bacino di utenza. Da ultima revisione, con delibera del direttore generale – 13 maggio 2021 n. 748 – sotto la supervisione dell’UOS Qualità e Gestione del Rischio Clinico e Direzione sanitaria – ha ulteriormente migliorato il percorso ad hoc, già standardizzato, per il trattamento del sospetto di Ictus in area di emergenza.

“L’azienda – commenta Walter Messina direttore generale dell’AOOR Villa Sofia Cervello – ha perfezionato e standardizzato nel tempo procedure in grado di ottimizzare al meglio risorse e professionalità, consolidando un percorso ad hoc per il trattamento dell’ICTUS, che eleva gli standard di sicurezza dei pazienti e quelli di cura, come dimostra l’odierno riconoscimento: un traguardo reso possibile grazie ad un lavoro di squadra e all’abnegazione degli operatori coinvolti nel management gestionale della popolazione affetta da questa patologia ”.

“Il riconoscimento si inserisce nell’ambito del più ampio programma che nasce dalla collaborazione tra la Angels Initiative e la European Stroke Organization e riconosce i team secondo tre livelli GOLD, PLATINO e DIAMANTE”.

Gli ospedali ubicati in paesi coperti dall’ESO che acquisiscono i dati relativi al trattamento nel registro SITS-QR o in uno dei registri/database pre-approvati, vengono automaticamente candidati agli ESO-Angels awards, sulla base di indicatori di qualità delineati dalla Europen Stroke Organization. L’ ESO-Angels awards è un programma trimestrale di riconoscimento dell’eccellenza nella cura dell’ictus, pensato per onorare i team e le organizzazioni che, nella cura dei loro pazienti, si contraddistinguono per prestazioni che superano ogni aspettativa.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aprile mese della prevenzione dell’ictus, SIN e ISA: «Come riconoscere precocemente i fattori di rischio»
Ci sono fattori di rischio modificabili - legati allo stile di vita - e non modificabili per condizioni patologiche
Settimana mondiale cervello, Berardelli (Sin): «Non sono solo malattie “per vecchi”, colpiscono anche i giovani»
In Italia, la campagna di sensibilizzazione, che quest’anno sarà dedicata a “Le stagioni del Cervello”, si svolgerà dal 14 al 20 marzo. Sette giorni in cui, in modalità virtuale o in presenza, i neurologi apriranno le proprie porte ai cittadini
Il paracetamolo solubile può far male al cuore, contiene più sale di un Big Mac
Uno studio cinese ha concluso che alcune versioni di paracetamolo solubile contengono un elevato consumo di sale nascosto che possono far male al cuore, aumentando il rischio infarto, ictus e insufficienza cardiaca
Mattarella premia il Villa Sofia Cervello. Maniscalchi (dirett. PS Covid): «Presidi no vax davanti reparto, tanta rabbia»
Tiziana Maniscalchi, nominata cavaliere della Repubblica, si racconta a Sanità Informazione: «Apprendere per la prima volta della positività di un collega al Covid-19 è stato il momento più difficile. La soddisfazione più grande è il successo terapeutico ottenuto dal nostro ospedale con i monoclonali. Oggi, i no vax che rifiutano le cure mettono a dura prova i nostri sentimenti»
Ictus, il principale fattore di rischio è una patologia cardiaca
La fibrillazione atriale aumenta di 5 volte la possibilità di subire uno stroke ischemico. E ogni secondo di tempo può fare la differenza tra la vita e la morte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...