Voci della Sanità 7 Ottobre 2021 13:11

Ottobre mese prevenzione dentale, visite gratuite e massima attenzione a giovani e anziani

Recenti ricerche universitarie mostrano, su un campione di 30mila italiani, che è in atto un peggioramento delle condizioni di salute del cavo orale

Ottobre mese prevenzione dentale, visite gratuite e massima attenzione a giovani e anziani

Ottobre è il mese della prevenzione dentale. Per ribadire l’importanza della prevenzione, in tutta Italia sono previste visite gratuite. Il tumore della bocca, che ancora oggi un big killer e terza causa di morte nella nostra popolazione, è un obiettivo sensibile della campagna di prevenzione odontoiatrica.

Infatti, recenti ricerche condotte da università italiane dimostrano, su un campione di 30mila italiani, che è in atto un peggioramento delle condizioni di salute del cavo orale e delle abitudini in materia di prevenzione. Gli italiani, dunque, si sono rivolti ai dentisti solo per le urgenze nel periodo Covid.

Una delle parole chiave è proprio prevenzione – dice Alexander Peirano, presidente della Commissione albo Odontoiatri dell’Ordine dei Medici di Firenze -. Ci serve per ‘leggere’ il futuro della nostra salute ma anche del sistema sanitario nazionale: preciso che prevenzione non significa ‘fai da te’ ma vuol dire seguire le indicazioni scientifiche dei professionisti. Dobbiamo sensibilizzare l’opinione pubblica sull’esigenza di fare prevenzione, per evitare problematiche. E questo serve anche per ridurre i costi del mantenimento della propria salute: intervenire prima è sempre intelligente”.

La salute orale è un aspetto prioritario: “Lo è anche da un punto di vista sociale – aggiunge Peirano -. Avere una bocca in ordine significa poter tenere buoni rapporti sociali con le altre persone, ma anche poter masticare e digerire meglio. Negli ultimi due anni c’è stata una polarizzazione verso il Covid, il sistema sanitario mostra le cicatrici da questo punto di vista”.

Sono due le fasce di popolazione su cui si deve porre massima attenzione: “Da un lato – spiega Peirano – i giovani, dall’altro gli anziani. I giovani devono controllarsi, perché è possibile raggiungere una buona salute orale solo se si fa subito prevenzione. Quindi abitudine all’igiene orale e controllo delle carie. Su quest’ultimo punto si può intervenire ma bisogna farlo il prima possibile: andando avanti, se il problema non viene risolto, il dente va devitalizzato e si può anche rompere. E poi è necessario verificare che non ci siano mal occlusioni, che i denti siano posizionati bene. Per quanto riguarda gli anziani si deve fare particolare attenzione ai portatori di protesi mobile, ai grandi fumatori e ai grandi bevitori”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sos bocca secca, scienziati creano un valido “sostituto” della saliva
Gli scienziati dell’Università di Leeds hanno inventato un "sostituto" della saliva che potrebbe dare speranza a centinaia di migliaia di persone che soffrono di bocca secca
Schillaci: «Oltre 1 milione e 800mila bambini con carie non trattata. Puntiamo alla odontoiatra sociale»
In occasione della Giornata mondiale di promozione della salute orale, il ministro della Salute Orazio Schillaci ha dichiarato che c'è una quota di popolazione italiana che rinuncia alle cure dentistiche per motivi economici. «La salute orale è un tema dell'agenda di Governo e necessita di un programma di odontoiatria sociale»
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...