OMCeO, Enti e Territori 15 Ottobre 2018

Oftalmologia, SIFI e Polpharma annunciano partnership

SIFI, leader italiano nello sviluppo e nella commercializzazione di terapie oftalmiche, e Polpharma, leader nel mercato farmaceutico polacco, annunciano una partnership strategica commerciale, rivolta al mercato Europeo. L’accordo consentirà di arricchire il portafoglio prodotti di entrambe le Aziende e di fornire una gamma più completa di terapie oftalmiche al mercato internazionale. Le reciproche area terapeutiche […]

SIFI, leader italiano nello sviluppo e nella commercializzazione di terapie oftalmiche, e Polpharma, leader nel mercato farmaceutico polacco, annunciano una partnership strategica commerciale, rivolta al mercato Europeo. L’accordo consentirà di arricchire il portafoglio prodotti di entrambe le Aziende e di fornire una gamma più completa di terapie oftalmiche al mercato internazionale.

Le reciproche area terapeutiche di collaborazione sono state identificate nel Glaucoma e nel Dry Eye grazie ad una strategia volta ad accelerare la crescita in queste aree riferimento.

Il glaucoma è la seconda principale causa di cecità al mondo ed una causa rilevante di disabilità visive, che colpisce oltre 60 milioni di persone in tutto il mondo. È una malattia insidiosa, poiché spesso viene diagnosticata solo quando i cambiamenti della vista hanno già raggiunto uno stadio avanzato. Circa il 50% dei soggetti non sa, infatti, di avere il glaucoma. Tuttavia, se diagnosticato precocemente e trattato in maniera appropriata, può essere controllato in modo efficace.

La sindrome da occhio secco è una delle cause più frequenti che spinge i pazienti a sottoporsi a visita presso gli studi medici oculistici ed è considerata oggi un “unmet need” a livello globale, che affligge oltre 30 milioni di persone negli Stati Uniti e almeno 344 milioni di persone in tutto il mondo. La sindrome dell’occhio secco sta aumentando anche tra i bambini e gli adolescenti e l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’ha recentemente definita una delle patologie più ignorate e sottovalutate dell’età moderna.

La prima fase della collaborazione riguarda due prodotti per il glaucoma concessi in licenza da Polpharma a SIFI e 3 dispositivi medici per la secchezza oculare concessi in licenza da SIFI a Polpharma.

«La partnership in cross-licensing sottoscritta con Polpharma è un chiaro passo in avanti nella nostra strategia di sviluppo del business – ha dichiarato Fabrizio Chines, Presidente e Amministratore delegato di SIFI – . Scambiando diritti commerciali con late-stage assets nelle diverse aree geografiche, SIFI sarà in grado di accelerare la sua crescita internazionale, fornendo una gamma di prodotti più completa in maniera più veloce, ad oftalmologi e pazienti nei mercati chiave».

«Grazie all’importante partnership con SIFI, Polpharma amplierà il suo attuale portafoglio oftalmico con  prodotti medicinali innovativi, unici sul mercato polacco. La loro efficacia è stata dimostrata in studi clinici. È una notizia molto positiva per i pazienti affetti dalla sindrome dell’occhio secco e un ottimo inizio alla nostra cooperazione con SIFI che – speriamo – riguarderà anche altre aree in futuro» ha sottolineato Markus Sieger, CEO di Polpharma Group.

Articoli correlati
L’occhio artificiale made in USA ha anche origini italiane: parla la professoressa Massaro-Giordano
La condirettrice del Penn Dry Eye and Ocular Surface Center di Philadelphia: «Abbiamo ricreato la superficie dell’occhio con cellule umane e idrogel. Così combattiamo la sindrome dell’occhio secco». Il senatore Sileri (M5S): «La fantascienza è diventata scienza»
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
Glaucoma, il 40% dei pazienti non segue la terapia: arriva l’App per la gestione dei farmaci
Si chiama ‘Carepy – La tua cura nelle tue mani’ ed è un servizio digitale che crea una rete virtuosa tra medici, farmacisti e pazienti con l’obiettivo di semplificare la gestione dei farmaci, delle terapie di migliorare le performance di aderenza alla terapia
Oftalmologia, arriva dalla Sicilia la terapia innovativa per l’edema maculare diabetico
La cura che migliora la qualità della vita e riduce i costi a carico del SSN, Chines (SIFI):  «Per i pazienti una sola infiltrazione intravitreale ogni tre anni e non più una ogni tre mesi»
di Isabella Faggiano
Sifi annuncia l’espansione sul mercato francese con l’acquisizione di Dacudoses e Novoptine
SIFI, la principale società farmaceutica oftalmica italiana, è lieta di annunciare l’acquisizione da Laboratoire Gifrer Barbezat di Dacudoses e Novoptine, marchi leader tra gli antisettici oftalmici in Francia, con un fatturato totale di circa 6 milioni di euro. Dacudoses è il marchio leader negli antisettici da prescrizione rimborsati in Francia, prescrivibile da oftalmologi e medici […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone