Voci della Sanità 27 Ottobre 2021 16:52

Nursing Up al Piemonte: «Prolungare contratti e avviare assunzioni o sarà mobilitazione»

«Dall’urgenza di avere nuove assunzioni di infermieri, professionisti della sanità e Oss, in Piemonte, siamo passati all’impellenza visto che del bando assunzioni regionale che porterà al concorso al quale potranno attingere tutte le aziende sanitarie e quelle dell’area di Torino che hanno enormi necessità, non c’è a oggi nemmeno l’ombra. Questo stato di cose, questo […]

Nursing Up al Piemonte: «Prolungare contratti e avviare assunzioni o sarà mobilitazione»

«Dall’urgenza di avere nuove assunzioni di infermieri, professionisti della sanità e Oss, in Piemonte, siamo passati all’impellenza visto che del bando assunzioni regionale che porterà al concorso al quale potranno attingere tutte le aziende sanitarie e quelle dell’area di Torino che hanno enormi necessità, non c’è a oggi nemmeno l’ombra. Questo stato di cose, questo immobilismo, rischia di creare vere voragini nei servizi erogati visto che anche il personale con contratti a tempo determinato sta andando in scadenza».

Il Nursing up, sindacato degli infermieri e delle professioni sanitarie, lancia un preoccupatissimo allarme su di una situazione del personale che rischia di diventare incontrollabile. «Dopo avere chiesto per mesi che la regione introduca ogni mezzo, affinché le aziende sanitarie, tra le quali anche la città della salute di Torino, facciano immediatamente assunzioni a tempo determinato a 36 mesi, e che la stessa regione emetta il bando per il concorso assunzioni in tempi brevissimi, non avendo ricevuto alcuna risposta, stante tale immobilismo, se nulla cambierà, a partire da martedì 2 novembre avrà inizio lo stato di mobilitazione di tutti i nostri iscritti».

«La nostra regione, il Piemonte, il capoluogo Torino, le province, tutti gli ospedali e le aziende sanitarie hanno bisogno di nuovo personale, infermieri, Oss e professionisti della sanità, oggi! non tra un anno e mezzo se va bene – spiega il segretario regionale del nursing up Piemonte, Claudio Delli Carri. «La situazione di drammatica carenza di personale rischia di diventare una bomba a orologeria se andranno a termine anche tutti i contratti a tempo determinato senza essere rinnovati. eppure, nulla si muove: è incredibile! Oggi, in Piemonte – prosegue – la situazione è questa: al San Luigi sarà concluso il 15 novembre l’unico concorso effettuato. La graduatoria che ne scaturirà, ipotizziamo di circa 300 infermieri, andrà esaurita nel giro di un paio di mesi al massimo viste le necessità enormi di infermieri di tutte le aziende e soprattutto di quelle di Torino e del torinese».

 «E poi? Più nulla, a oggi non esistono altri bandi o concorsi. Inoltre, la Regione non ci ha dato alcuna ulteriore informazione. Si era parlato – evidenzia – del maxiconcorso con l’Asl Torino – continua – e la città della salute capofila, che sarebbe stato strutturato anche per le necessità di tutte le altre aziende sanitarie, il cui bando avrebbe dovuto essere approntato al più presto. A oggi non se ne sa nulla. Ma, se il bando anche arrivasse entro il prossimo dicembre, il concorso poi sarebbe non prima della primavera, con le prime assunzioni eventualmente, dopo tutte le necessità burocratiche, per l’autunno/inverno del 2022. Ciò vuol dire che, tra le varie procedure, avremmo nuovi infermieri operativi più o meno all’inizio del 2023! Quindi, se anche ci fosse il bando, che oggi invece non c’è, prima di un anno e mezzo non ci saranno infermieri immessi nel sistema! E in più, sono in scadenza moltissimi contratti a tempo determinato che non sono ancora stati rinnovati i quali, se non verranno prolungati nel 2022, fanno rischiare una vera voragine di personale che potrebbe portare irrimediabilmente a mettere in difficoltà il sistema sanitario regionale! Ecco – va avanti Delli Carri – perché attendere la conclusione del maxiconcorso regionale, che potrà portare assunzioni e personale nelle aziende forse tra un anno e mezzo, è oggi impossibile».

«La regione deve immediatamente agire. Temporeggiare ancora può essere desolatamente dannoso. Sono tre i passi da compiere subito oltre a velocizzare il più possibile il maxiconcorso assunzioni. Uno: prolungare subito tutti i contratti a tempo determinato per il 2022. Due: mettere tutte le aziende sanitarie nelle condizioni di fare assunzioni a 36 mesi, anche quelle come la città della salute che devono sottostare ai vincoli imposti dalla corte dei conti, appellandosi al fatto che si tratta di una situazione di straordinaria necessità che va governata con strumenti eccezionali, anche temporanei, eventualmente in deroga. Tre: che vengano subito realizzati specifici bandi direi che possano intercettare i nuovi laureati infermieri di novembre, facendo in modo che questi giovani possano venire inseriti nella sanità pubblica e non vengano invece subito assorbiti dalle realtà private. in assenza di queste azioni, è difficile prevedere cosa potrebbe accadere. Perché nel 2022, con i contratti brevi scaduti, senza il personale adeguato e necessario, semplicemente il sistema potrebbe non poter più reggere» precisa.

«La regione ha il dovere di introdurre ogni strumento per risolvere questa situazione. Noi pretendiamo risposte concrete in tempi brevissimi. Se nulla cambierà, se non riceveremo segni tangibili di un cambio di rotta sui bandi e sul prolungamento dei contratti a tempo determinato in scadenza, a partire da martedì 2 novembre inizierà lo stato di mobilitazione di tutti i nostri iscritti. Non ci resta altro strumento che questo per sottolineare il rischio che non vi sia più personale sufficiente per erogare tutti i servizi ai pazienti» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Come assistere una persona portatrice di catetere vescicale a domicilio
Il cateterismo vescicale consiste nell’introduzione di un tubicino in vescica che permette il deflusso delle urine all’esterno
di Dott. Enrico Pinton
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Nei pronto soccorso piemontesi mancano 300 medici dei 640 previsti
La Simeu Regionale piemontese per quanto di propria competenza sui Pronto Soccorso precisa che si è conclusa da poco una ricognizione volta all’analisi della situazione dell’organico medico nei Pronto Soccorso della Regione
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 582.020.558 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.412.807 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale