Lavoro 27 Ottobre 2021 13:18

“La notte di Capodanno”, gli infermieri si raccontano in una pièce teatrale

Mangiacavalli (FNOPI): «Svolgiamo una delle professioni che più intreccia il vissuto personale con quello altrui. Per questo, è sempre stato motivo di rammarico vedersi in tv, al cinema in ruoli tipizzati. “La notte di Capodanno” è la dimostrazione che un altro modo di rappresentare gli infermieri è possibile»

di Isabella Faggiano

Devono mettersi nei panni degli altri, interpretare un ruolo, raccontare la verità, omettendo i passaggi non essenziali, senza travisarne i fatti. E se empatia e capacità di sintesi non sono doti innate devono impegnarsi ad acquisirle. Devono farlo gli attori sul palcoscenico e gli infermieri nella vita reale. «Attori e infermieri sono due figure professionali diverse solo in apparenza. Analizzandone accuratamente i ruoli vengono alla luce molti più tratti in comune di quanti se ne possano immaginare», assicura il regista Roberto Gandini che, prima di dedicarsi al teatro, ha avuto una breve carriera da infermiere. Due professioni, due passioni che Gandini ha deciso di fondere in un unico progetto teatrale iniziato quasi tre anni fa e che culminerà nella rappresentazione “La notte di Capodanno”, in scena, in prima nazionale, al Teatro India di Roma, dal 27 al 31 ottobre.

“L’arte di curare e di raccontare”

La pièce teatrale sulla figura dell’infermiere è nata dal percorso progettuale “L’arte di curare e di raccontare” avviato nel 2019, in collaborazione con la FNOPI, la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche, che rappresenta oltre 456 mila infermieri in Italia, e il Teatro di Roma, una vera istituzione culturale. «L’iniziativa è stata inaugurata da una conference call alla quale hanno partecipato infermieri da tutta Italia. Poi – dice il regista – sono state raccolte 200 storie, momenti di vita vissuti in prima persona dai professionisti sanitari in corsia. A seguire, due workshop in cui infermieri ed attori si sono incontrati e confrontati».

La collaborazione tra FNOPI e Teatro di Roma

Il progetto è stato accolto con grande entusiasmo dalla FNOPI: «Le storie di noi infermieri sono particolari, perché svolgiamo una delle professioni che più intreccia, ogni giorno, il vissuto personale con quello altrui. Le nostre vite si incrociano con le vite di chi assistiamo e sono destinate a cambiare per sempre sia il curante che il curato. A volte impercettibilmente, a volte evidentemente – dice la presidente della FNOPI, Barbara Mangiacavalli -. Proprio per questo, è stato sempre motivo di rammarico per gli operatori sanitari vedersi rappresentati, al cinema, come in tv e al teatro, in ruoli marcatamente tipizzati, quasi caricaturali, come delle moderne maschere della commedia dell’Arte. Da queste premesse, è nata la collaborazione tra il nostro Ordine e un’istituzione culturale come il Teatro di Roma. Un altro modo di raccontare gli infermieri, la sanità, le gioie e le frustrazioni fuori e dentro le corsia è possibile e noi ci crediamo fortemente».

La trama dello spettacolo

Così, dopo oltre due anni di lavoro, è stata tessuta la trama della sceneggiatura. «Saliranno sul palco sette attori nel ruolo di otto personaggi – racconta Gandini -, che vestiranno i panni di infermieri medici, degenti e familiari di pazienti». Accade tutto in una notte, quella di capodanno, tra le mura di un reparto di medicina generale di un ospedale di provincia: «L’atmosfera è surreale, tanto che farà la sua comparsa persino Florence Nightingale, l’inventrice dell’infermieristica moderna, per dare un consiglio a una giovane collega», svela il regista.

In platea come davanti ad uno specchio

«La notte di Capodanno diventa così la notte della transizione, in cui le cose vecchie non sono poi così vecchie e quelle nuove sono ancora troppo nuove. Per noi attori – sottolinea Gandini –  raccontare una storia significa darle un senso. Un significato, una morale che speriamo possano trovare anche i nostri spettatori nel guardare lo spettacolo, che siano infermieri o comuni cittadini». E come nella vita reale, anche ciò che accade sul palcoscenico teatrale potrà suscitare giudizi positivi o negativi, una buona o una cattiva impressione: «Il pubblico si specchiera o si scontrerà con la realtà che abbiamo deciso di raccontare?», si chiede il regista. Per scoprirlo non resta che aprire il sipario e attendere che le luci tornino ad illuminare la platea.

Qui per i biglietti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Zampa (Pd) raccoglie l’appello della FNOPI: «Subito un patto del lavoro sanitario e sociosanitario per far fronte alla carenza»
Tra le altre proposte del Pd anche lo sviluppo delle specializzazioni e delle implementazioni di competenze, già previste dal contratto, ad iniziare dall’infermiere di famiglia, e la riforma della formazione universitaria
In Italia mancano 70mila infermieri, le richieste di Fnopi
Un documento redatto e diffuso della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche presenta i numeri delle carenze di infermieri in Italia. Si sottolineano i sacrifici fatti in pandemia e si elencano una serie di richieste alla politica
La FNOVI contro l’abbandono degli animali da compagnia: «Non sono oggetti di consumo, serve educazione e consapevolezza»
Il presidente dei medici veterinari, Gaetano Penocchio, spiega: «Abbiamo scelto di metterci nelle loro zampe per far comprendere la sofferenza che viene inflitta con l’abbandono». Sulla carenza di veterinari chiede che «ad ogni dirigente veterinario in uscita, dovrà corrisponderne almeno uno in entrata»
di Francesco Torre
Infermieri, primo rapporto sulle violenze: 125mila casi sommersi in un anno, 75% contro donne
Mangiacavalli (presidente FNOPI): «Da eroi del Covid a vittime invisibili. Subito inserimento nella categoria lavori usuranti»
Infermieri in fuga all’estero, in Svizzera stipendi d’oro e carriera
Migliaia di infermieri italiani hanno deciso di lavorare all'estero. Tra le mete ambite c'è la Svizzera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi