Lavoro 17 Marzo 2020

Coronavirus, l’accusa del segretario Nursing Up Piemonte: «Non si fanno più tamponi agli infermieri»

Claudio Delli Carri racconta cosa sta accadendo all’ospedale le Molinette di Torino tra mascherine fai-da-te, turni massacranti e insufficienza di dispositivi di protezione individuale

Immagine articolo

«La situazione che stiamo vivendo è drammatica; il Piemonte è in estremo ritardo dopo l’esperienza della Lombardia, il sistema rischia il collasso e di dover scegliere chi guarire e chi no. Inoltre, stiamo registrando problemi gravi non sono alle Molinette ma in tutte le aziende piemontesi: se non si fa qualcosa, sarò costretto a rivolgermi agli uffici competenti della Procura della Repubblica». Claudio Delli Carri, segretario regionale del sindacato Nursing up Piemonte, spiega le motivazioni di questa dura presa di posizione a Sanità Informazione.

«Il primo problema che denunciamo – spiega il segretario – è una carenza enorme di dispositivi di protezione individuale non solo in Piemonte ma a livello nazionale. Arrivano in ritardo e sono talmente pochi che si rischia di usare gli stessi dispositivi più volte e per vari giorni, quando sappiamo bene che vanno buttati e ricambiati». E non è finita qui: «Di quelli che stanno arrivando attualmente molti non sono neanche idonei».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, L’EX MINISTRO FAZIO: «PER L’H1N1 PENSAMMO DI CHIUDERE LE SCUOLE, MA LA PANDEMIA FU MOLTO DIVERSA»

Il secondo problema «riguarda le indicazioni fornite nell’utilizzo dei dispositivi che lasciano molto a desiderare. La mascherina chirurgica può essere utilizzata nei corridoi del reparto, ma quando si deve lavorare vicino ai pazienti positivi per Covid-19 c’è il rischio di infettarsi e pretendiamo tutte le protezioni del caso: mascherina FFP2 che ha il filtro, visiera, copricapo, tuta, copriscarpe e guanti. Secondo noi, quelle disposizioni vanno modificate per evitare di mettere in serio pericolo il lavoratore».

La mascherina chirurgica serve soprattutto al paziente sintomatico, la mascherina con il filtraggio dà la possibilità di isolare chi interviene attraverso le manovre di aerosol o esami di gastroscopia e broncoscopia, con una buona protezione, cosa che non ha la mascherina chirurgica. «Per questo, nei servizi Covid-19 positivi, di pronto soccorso, 118 e nelle rianimazioni, dove c’è un contatto diretto e continuo, ci vogliono le FFP2 con il filtro speciale che isola il sistema respiratorio del lavoratore da quello del paziente».

LEGGI ANCHE: «TURNI DI 12 ORE E OPERATORI IN QUARANTENA, MA CE LA FAREMO». LA VITA DEGLI INFERMIERI SUL ‘FRONTE LOMBARDO’

La terza criticità sollevata a gran voce dal segretario Delli Carri interessa i ritardi con cui vengono effettuati i tamponi sugli infermieri per rilevare la presenza del Coronavirus: «I tamponi purtroppo devono essere fatti entro un certo limite di tempo che spesso non viene rispettato perché la richiesta in questo momento è aumentata. Il fatto grave è che a molti infermieri, in presenza o meno di sintomi, non fanno più i tamponi, li tengono in isolamento, dopodiché tornano a lavorare. È un errore perché in questo modo diventiamo noi i vettori dell’infezione. Le disposizioni sono cambiate varie volte nel giro di pochi giorni. Molti infermieri, asintomatici, hanno continuato a lavorare in attesa delle risposte dei tamponi, quando dovevano essere tenuti in isolamento fino al risultato. In alcuni casi sono risultati positivi e sono nati problemi. Non si può far lavorare le persone nell’incertezza e nell’insicurezza creando paura. In più, con rammarico, abbiamo saputo che i tamponi vengono fatti ai medici all’insaputa degli infermieri che sono ugualmente esposti: questo è eticamente e moralmente gravissimo» accusa.

Ritardi e carenze di materiali, problemi di comunicazione e organizzazione «creano una grande sfiducia nelle istituzioni – continua Delli Carri – . Le nostre richieste sono queste: devono far arrivare più materiale possibile con tutti i mezzi possibili chiedendo aiuto a tutti gli Stati membri dell’Unione europea, l’Italia non deve essere isolata. Faccio un esempio: l’avvocato Giovanni Olmo ha donato 100mila euro tramite la comunità dei cinesi di Vercelli. Da solo è riuscito a far arrivare mascherine, tute, ventilatori e dispositivi. Se può farlo un cittadino privato da solo può riuscirci anche chi governa, altrimenti c’è qualcosa che non va. I materiali sono sempre pochi, c’è un consumo continuo, ne abbiamo un gran bisogno. I colleghi sono arrivati a farsi le mascherine in casa, non è possibile lavorare i questo modo. Le mascherine con i filtri devono essere usate e poi buttate e non riutilizzate ma questo non succede. I colleghi tengono le mascherine per 8-12 ore e, visto, che sono a pressione, rimangono i segni sula pelle. Le migliori, le FFP3, non le abbiamo mai viste» conclude Claudio Delli Carri.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Cossolo: «Grazie al Commissario Arcuri per le forniture di mascherine prodotte da filiera italiana»
«Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale. I ringraziamenti rivolti alla […]
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
Covid-19 e HCV, la proposta: «Abbinare ai test sierologici gli screening per l’Epatite C»
«L’opportunità di effettuare questi test per rilevare la presenza di HCV non ha precedenti. Auspichiamo un Paese senza Covid, ma anche senza Epatite C. E per questo, più persone potremo curare, più ci avvicineremo all’obiettivo», evidenzia il Prof. Massimo Galli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 del 25 maggio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 25 maggio, il totale delle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 de...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...